Ofanto ponte
Ofanto ponte
Territorio

E' nato il consorzio per lo sviluppo sostenibile della Valle dell’Ofanto

Vicepresidente è il geologo barlettano Dellisanti. Collaborazioni con diverse amministrazioni locali

E' nato lunedì 29 agosto, in Andria, il Consorzio per lo sviluppo sostenibile della Valle dell'Ofanto che si prefigge ambiziosi e rilevanti obiettivi, quali: tutela e valorizzazione dell'ambiente e dei beni storici, artistici e naturali, promozione di iniziative ed eventi socioculturali, di spettacolo, sportivi eco-sostenibili, nonché ricerca scientifica e pianificazione territoriale sostenibile.

Il "Consorzio Pro Ofanto" è presieduto dal dottor Michele MARINO, nativo di Cerignola e Presidente dell'Associazione di protezione ambientale ASSTRAI, Vice Presidente è il geologo barlettano Ruggiero Maria DELLISANTI, Segretario l'architetto Vincenzo BELPIEDE, Consigliere l'ingegner Luigi LA ROVERE, Delegato infrastrutture per Confindustria Servizi innovativi e tecnologici, Tesoriere risulta il commercialista Giovanni CEFOLA.

Tra i soci fondatori va fatta particolare menzione per l'ing. Paolo ORABONA, Amm.re unico di STRAGO S.p.a. Servizi ambientali, il dottor Antonio MIRANDA, già Direttore generale del Consorzio Bonifica Vulture Alto Bradano (Pz) e l' avv. Vittorio MARINELLI, impegnato da sempre in numerose attività socio-culturali e nell'ordine degli avvocati della capitale.
L'area di interesse si estende su tutta la valle del fiume Ofanto, dall'Irpinia avellinese al Vulture di Basilicata per scendere prima in provincia di Foggia e terminare con la nuova provincia B.A.T.

Perciò hanno aderito già alcune Amministrazioni locali, come la Provincia di Avellino, a firma del Vice Presidente ing. Siringano, la Città di Cerignola (Fg) con delibera di Giunta comunale, come anche il Comune di Rapone (Pz) e Margherita di Savoia, con assicurazione personale del Sindaco, on. Gabriella Carlucci.
  • Fiume Ofanto
  • Ruggiero Maria Dellisanti
Altri contenuti a tema
Coltre di schiuma nel fiume Ofanto, al via il sopralluogo della Polizia provinciale Coltre di schiuma nel fiume Ofanto, al via il sopralluogo della Polizia provinciale Ancora in corso le ricerche per comprendere la natura del fenomeno di inquinamento
Disastro ambientale nel fiume Ofanto a Canosa: cosa sta succedendo Disastro ambientale nel fiume Ofanto a Canosa: cosa sta succedendo Sul posto l'intervento dei volontari Anpana e dei Carabinieri forestali
Il Programma Interreg Italia–Croazia 2021-2027 approva il progetto “GREW” Il Programma Interreg Italia–Croazia 2021-2027 approva il progetto “GREW” Assegnate al Patto Territoriale Nord Barese Ofantino risorse comunitarie per proteggere il fiume Ofanto dal cambiamento climatico
8 Finanziamento PSR 2014-2022, ammesso il progetto del Comune di Barletta Finanziamento PSR 2014-2022, ammesso il progetto del Comune di Barletta Interessato un terreno limitrofo al fiume Ofanto
Giornate FAI di autunno, tutti i percorsi previsti nella Bat Giornate FAI di autunno, tutti i percorsi previsti nella Bat Sarà possibile visitare beni naturalistici e architettonici spesso preclusi nel resto dell'anno
Dissesto idrogeologico, collaudati gli argini del tratto finale dell’Ofanto Dissesto idrogeologico, collaudati gli argini del tratto finale dell’Ofanto Domani inaugurazione dell’opera idraulica che prevede anche pista ciclopedonale lungo gli argini
E se l'Ofanto esondasse? «Un ecosistema da rispettare» E se l'Ofanto esondasse? «Un ecosistema da rispettare» Ultima parte del nostro approfondimento, con le interviste agli esperti Giuseppe Cava e Michele Marino
1 E se l'Ofanto esondasse? Il ruolo del Parco regionale Fiume Ofanto E se l'Ofanto esondasse? Il ruolo del Parco regionale Fiume Ofanto Intervista al presidente del parco, l’architetto Mauro Iacoviello
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.