Discarica abusiva
Discarica abusiva
La città

Discarica abusiva nel vallone Tittadegna: tra i rifiuti anche una pecora

L'inquietante scoperta di Antonio Binetti, subacqueo ambientalista

Anche la carcassa di una pecora tra i tanti cumuli di rifiuti. Passano gli anni ma l'emergenza rappresentata dall'abbandono indiscriminato dei rifiuti non accenna a diminuire. Emblematico lo stato in cui versa il vallone Tittadegna, un corso d'acqua trasformato nel suo tratto finale (sfocia nel fiume Ofanto) in uno sconcertante canalone di cemento.

Qui, accanto al cadavere dell'ovino vi è di tutto: copertoni, lattine di plastica, cumuli di audiocassette, di videocassette, cassette per il trasporto della frutta ed anche tanti sacchetti di rifiuti chiusi. Non solo ma vi sono anche documenti che potrebbero ricondurre ad una ditta che, incautamente, ha conferito i suoi rifiuti alla persona sbagliata. Uno scenario sconcertante rappresentato da quintali e quintali di rifiuti speciali e pericolosi (in particolare la carcassa dell'animale che sarebbe opportuno verificare le cause della morte) che, alla prima piena, finiranno prima nel fiume Ofanto e da qui nel mare tra Barletta e Margherita di Savoia.

Non è passato tanto tempo da quando un gruppo di ambientalisti barlettani denunciò lo stato in cui versava il vallone Tittadegna. Anche allora vi erano tanti cumuli di rifiuti, poi rimossi. Ed anche adesso la segnalazione è di uno di loro, Antonio Binetti (subacqueo ambientalista), che sollecita anche le autorità pubbliche ad intervenire per la bonifica e soprattutto per cercare di prevenire un fenomeno che, purtroppo, interessa anche altre zone del territorio: Ariscianne, tra Barletta e Trani, le cave, tra Barletta ed Andria, i territori al confine tra questi ultimi comuni.

Non solo ma dappertutto è possibile rinvenire cumuli di rifiuti dispersi. Si tratta del fenomeno noto come "discarica selvaggia", mai adeguatamente contrastato e debellato. Tutto questo in una zona soggetta a inquietanti fenomeni di inquinamento dell'aria, del territorio e del mare.
24 fotoLa discarica a cielo aperto a due passi dalla città
DiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscaricaDiscarica
  • Discarica Abusiva
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
Timac incontra i comitati ambientalisti di Barletta Timac incontra i comitati ambientalisti di Barletta L'esito del confronto avvenuto mercoledì nella sede di via Trani
Una passeggiata naturalistica lungo il litorale di Ponente a Barletta Una passeggiata naturalistica lungo il litorale di Ponente a Barletta Il resoconto dell'iniziativa dello scorso 5 maggio
Timac Agro risponde al Comitato OAP e convoca nuovo tavolo per l’ambiente a Barletta Timac Agro risponde al Comitato OAP e convoca nuovo tavolo per l’ambiente a Barletta L'invito verrà esteso a Comune, Provincia e organi di informazione
Uniti x l’Ambiente Barletta: «Approvata la delibera sulle questioni ambientali, ora incontro con la provincia» Uniti x l’Ambiente Barletta: «Approvata la delibera sulle questioni ambientali, ora incontro con la provincia» La nota dell'associazione ambientalista
Uniti x l'ambiente: «Bene il consiglio comunale monotematico, pronte altre iniziative» Uniti x l'ambiente: «Bene il consiglio comunale monotematico, pronte altre iniziative» La nota degli attivisti
3 Il nucleo guardie ambientali in campo per prevenire le deiezioni canine Il nucleo guardie ambientali in campo per prevenire le deiezioni canine L'impegno dei volontari per sensiblizzare la comunità
Rinnovo AIA Buzzi Unicem, “Uniti x l’ambiente” chiede consiglio comunale monotematico Rinnovo AIA Buzzi Unicem, “Uniti x l’ambiente” chiede consiglio comunale monotematico La nota degli ambientalisti
PUMS, Barletta a che punto è? La dichiarazione di Savio Rociola PUMS, Barletta a che punto è? La dichiarazione di Savio Rociola «Sarebbe fondamentale portare alla discussione il PUMS, non solo presentarlo e studiarlo, ma attuandolo»
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.