campagna
campagna
Territorio

Criminalità nelle campagne, Coldiretti: «Necessaria cabina di regia ministeriale»

Coldiretti Puglia rinnova la richiesta dopo il danneggiamento di 5 ettari di vigneto di uva da tavola ad Andria

L'ennesimo grave danneggiamento di 5 ettari di vigneto ad Andria con una banda criminale che ha tranciato i tiranti dei tendoni di uva da tavola Regina e Italia, con il prodotto di eccellente qualità pronto alla vendita rovinato perché crollato sotto il peso dei tendoni caduti, la dice lunga sulla necessità di non abbassare la guardia contro i continui fenomeni criminosi nelle aree rurali.

È quanto denuncia Coldiretti Puglia, che chiede la piena attuazione del protocollo d'intesa siglato con le Procure della Repubblica di Bari e Trani, la Questura di Bari, i Carabinieri, i CC Forestali, la Guardia di Finanza e la Polizia di Bari.

«Le aziende hanno bisogno di sicurezza, perché la criminalità le costringe a vivere quotidianamente attanagliate in un clima di incertezza e paura. È necessaria l'attivazione di una cabina di regia tra il Ministero delle Politiche Agricole e il Ministero dell'Interno che coordini le attività delle forze dell'ordine, a cui va il nostro plauso, che va sostenuto dall'intervento dell'Esercito in alcune aree a forte rischio, in collaborazione con l'Osservatorio sulla criminalità in agricoltura di Coldiretti che sta monitorando i fenomeni della criminalità nelle campagne attraverso le segnalazioni degli imprenditori agricoli», torna a chiedere Savino Muraglia, presidente di Coldiretti BARI e BAT.

«Nelle aree rurali i criminali stanno condizionando – insiste il presidente Muraglia - la vita quotidiana degli agricoltori, costretti a trasformarsi in vigilanti diurni e notturni. È a rischio la loro stessa incolumità. Il clima che si respira è di paura per imprenditori agricoli, stremati da furti quotidiani, che hanno perso la speranza e per timore e sfiducia non denunciano più gli episodi criminosi che sono costretti a vivere».

I reati contro il patrimonio, quali furto di mezzi agricoli (15%), abigeato (11%), furto di prodotti agricoli (13%), racket (9%), usura, danneggiamento, pascolo abusivo, estorsione, rappresentano la "porta di ingresso principale" della criminalità organizzata e spicciola nella vita dell'imprenditore e nella regolare conduzione aziendale, aggiunge Coldiretti Puglia.
  • Agricoltura
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Galantino chiede più attenzione per i territori Bat per il danneggiamento agricolo Galantino chiede più attenzione per i territori Bat per il danneggiamento agricolo Il Governo farà chiarezza sugli eventi criminosi per tutelare il settore agricolo
Tornano i matrimoni, in Puglia salvi 100mila posti di lavoro Tornano i matrimoni, in Puglia salvi 100mila posti di lavoro Nel 2020 è stato registrato un crack di 50 milioni di euro per l'agriwedding
Puglia, ripartenza economica grazie ai vaccini, fiducia di 9 su 10 attività Puglia, ripartenza economica grazie ai vaccini, fiducia di 9 su 10 attività Aumenta la fiducia delle imprese
Covid, 1 cittadino su 3 desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia Covid, 1 cittadino su 3 desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia L'indagine di Coldiretti Puglia
1 Gelate anche nella Bat, Damiani: «Massima attenzione del governo» Gelate anche nella Bat, Damiani: «Massima attenzione del governo» Il senatore Dario Damiani al sottosegretario al Mipaaf Francesco Battistoni
Agricoltura, gelate anche a Barletta. La Regione impegnata per sopralluoghi e risarcimenti Agricoltura, gelate anche a Barletta. La Regione impegnata per sopralluoghi e risarcimenti Si contano danni nella provincia Bat dopo gli eventi climatici dei giorni scorsi
Zona rossa non stop in Puglia, «rafforzare le misure di sostegno» Zona rossa non stop in Puglia, «rafforzare le misure di sostegno» Appello di Coldiretti Puglia: «Servono interventi per l’intera filiera per salvare il sistema agroalimentare»
Turismo, Coldiretti Puglia: «A Pasqua azzerati viaggi e gite fuori porta» Turismo, Coldiretti Puglia: «A Pasqua azzerati viaggi e gite fuori porta» L'arrivo per l'estate del passaporto vaccinale potrà salvare il turismo straniero
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.