Coronavirus, l'appello di due sposi di Barletta
Coronavirus, l'appello di due sposi di Barletta
Cronaca

Coronavirus, l'appello di due futuri sposi di Barletta

«Fateci un regalo di nozze: fermiamo il contagio!»

Quando ad essere messe in standby non sono solo le piccole abitudini quotidiane come il caffè al bar, l'aperitivo con gli amici o la cena fuori, ma sono i progetti di vita, allora l'appello a restare a casa non proviene solo dalle istituzioni, ma anche dai cittadini.

Due ragazzi, in questo caso. Due giovani fisioterapisti che il prossimo giugno diventeranno marito e moglie lanciano un appello sui social, chiedendo di condividerlo affinché il loro messaggio venga diffuso, come fosse il loro regalo di nozze.

Ciao a tutti, siamo Emanuele e Rosalba una giovane coppia di colleghi fisioterapisti che convolerà a nozze i primi di giugno. Noi non possiamo restare a casa perché dobbiamo lavorare in clinica per garantire la salute dei vostri cari, voi però, potete fare tanto per noi e per il nostro matrimonio, comportandovi con senso di responsabilità.

Dopo un primo momento di sconforto che ci ha pervaso stamane, abbiamo deciso di "combattere" poiché dopo mille preparativi ci siamo resi conto di quanto le nostre nozze dipendano solo da voi e dalle vostre azioni. È il momento di accantonare l'egoismo, per far spazio all'altruista che è in ognuno di voi... e se fossimo i vostri figli, nipoti, amici, parenti, ci dareste una mano?

Ci sono tante coppie che hanno già rinunciato al proprio sogno, altre sono in bilico come noi, altre ancora non hanno ben chiara la gravità della situazione... sì perché il blocco è fino al 3 aprile, ma se non restiamo a casa non passerà mai! Sconfiggiamo insieme questo virus, uniamoci e rispettiamo le regole, fateci un bellissimo regalo di nozze: fermiamo il contagio!

Ora andiamo a lavoro, per il vostro bene noi non possiamo restare a casa. Per la nostra felicità, però, voi dovete farlo.
Aiutateci a condividere. 💞 #iorestoacasa

Nelle ore in cui l'Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara lo stato di pandemia, lo sforzo deve farsi più forte. Tutto quello a cui siamo chiamati in questi giorni per senso di responsabilità, tutte le conseguenze che ne derivano e ne deriveranno, diventeranno un brutto ricordo solo se ognuno di noi si adeguerà alle regole. Allora, saremo certi di dire "Andrà tutto bene".
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

874 contenuti
Altri contenuti a tema
1 Covid-19, chiuso il plesso in via Botticelli del Liceo Classico di Barletta Covid-19, chiuso il plesso in via Botticelli del Liceo Classico di Barletta Le lezioni riprenderanno lunedì 28 settembre dopo l'attività di sanificazione
2 Covid-19 a Barletta: «Gravissimo che il sindaco inviti a non frequentare le nostre scuole di danza» Covid-19 a Barletta: «Gravissimo che il sindaco inviti a non frequentare le nostre scuole di danza» «Non siamo luoghi di assembramento»
Oggi 17 nuovi casi di Covid-19 nella Bat Oggi 17 nuovi casi di Covid-19 nella Bat In Puglia si registrano 90 contagi nelle ultime 24 ore
1 Le scuole di Barletta restano aperte, Cannito: «I genitori devono fare la loro parte» Le scuole di Barletta restano aperte, Cannito: «I genitori devono fare la loro parte» L’appello del primo cittadino è alla collaborazione di tutti per affrontare e superare l’emergenza con la quale siamo chiamati a convivere
Covid-19, anche a Barletta i Point-of-care: processano 36 test all'ora Covid-19, anche a Barletta i Point-of-care: processano 36 test all'ora Possono essere eseguiti 6 test alla volta e il risultato arriva dopo pochi minuti
Covid-19, 100 barlettani in isolamento. Più di 51 positivi in città Covid-19, 100 barlettani in isolamento. Più di 51 positivi in città Massimo riserbo sul numero esatto di cittadini attualmente positivi
2 Coronavirus, a Barletta le scuole non saranno chiuse in caso di contagi Coronavirus, a Barletta le scuole non saranno chiuse in caso di contagi Negativi i tamponi effettuati su 16 docenti della scuola Girondi
1 Ritardi nella fornitura dei banchi scolastici, Cannito: «Ho sollecitato il Ministero» Ritardi nella fornitura dei banchi scolastici, Cannito: «Ho sollecitato il Ministero» «La fornitura dei banchi non è di competenza comunale bensì a totale carico del Ministero della Pubblica Istruzione»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.