Flaconi sequestrati a Gorizia
Flaconi sequestrati a Gorizia
Cronaca

Coronavirus, a Gorizia la frode dell'igienizzante prodotto a Barletta

La Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 1600 flaconi privi dei requisiti di legge

Elezioni Regionali 2020
In relazione all'emergenza sanitaria in corso, negli scorsi giorni la Guardia di Finanza di Gorizia, nell'ambito dei propri compiti istituzionali, ha eseguito varie ispezioni agli esercizi di vendita di prodotti sanitari e tecnici della provincia, con l'obiettivo di contrastare l'aumento ingiustificato dei prezzi dei dispositivi di protezione individuale, dei prodotti igienizzanti ovvero dei beni di prima necessità.

In tale ottica, le Fiamme Gialle hanno orientato la propria attività alla prevenzione e repressione di ogni forma di illegalità connessa a manovre speculative su merci e beni di prima necessità, a fenomeni di concorrenza sleale, di vendita di beni in frode commerciale ovvero cessione di oggetti non idonei sotto il profilo sanitario all'uso dichiarato.

Ferme restando le difficoltà oggettive nell'approvvigionamento dei prodotti sanitari e tecnici di prevenzione, sono stati ispezionati 15 esercizi nella provincia, in 14 dei quali non sono emerse irregolarità mentre in uno, un magazzino del monfalconese, sono stati rinvenuti e sequestrati centinaia di flaconi da 800 ml di prodotto definito igienizzante e disinfettante privo della certificazione di qualità di "Presidio medico-chirurgico", quindi non registrato presso il Ministero della Salute.

Nello stesso ambito, ma con diverso "innesco operativo", i Finanzieri di Gorizia, aiutati dai colleghi di Barletta, hanno eseguito perquisizioni delegate e d'iniziativa nel settore delle frodi commerciali per violazioni di cui all'articolo 515 del Codice Penale, avendo rilevato che attraverso una chat privata, riconducibile a una persona residente in provincia di Gorizia, veniva proposto l'acquisto di flaconi di un non meglio specificato prodotto dalle asserite proprietà igienizzanti, disinfettanti e antisettiche, denominato "VIRUSTOP", riportante il logo del tutto simile ad un prodotto nazionale di largo consumo.

Il prodotto in questione, commercializzato da una società ubicata nella città di Barletta, non è compreso tra i prodotti certificati e depositati presso il Ministero della Salute quale "Presidio medico-chirurgico", perciò privo dei requisiti di legge ed in assenza di garanzie sulle qualità descritte nella confezione.

L'attività congiunta dei Finanzieri friulani e pugliesi, coordinata dal Pubblico Ministero presso il Tribunale di Gorizia, Ilaria Iozzi, ha consentito di pervenire al sequestro di oltre 1.600 flaconi di prodotto denominato "VIRUSTOP", corrispondenti a circa 250 kg di prodotto per un valore stimato di circa 20.000 euro, nonché di accertare la vendita in frode di ulteriori 40.000 flaconi, corrispondenti a circa 6.000 kg di prodotto per un valore stimato di circa 480.000 euro. Il presunto igienizzante veniva commercializzato in flaconi da 100 ml al prezzo di 14 euro a confezione, prezzo notevolmente superiore al prezzo medio di mercato di prodotti simili.

L'azione di contrasto alla contraffazione della Guardia di Finanza, nel particolare momento contingente dell'emergenza epidemiologica ed eseguita anche attraverso il monitoraggio del web, è finalizzata alla salvaguardia della salute pubblica e a tutela dei cittadini che, acquistando in buonafede merce contraffatta o non conforme, possono nel migliore dei casi non ottenere i benefici ricercati per la loro salute e quella delle loro famiglie.
  • Sequestro
  • Guardia di Finanza
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, altri 22 casi in Puglia oggi Coronavirus, altri 22 casi in Puglia oggi Non si registra nessun nuovo positivo nella provincia Bat
Notte di Ferragosto: controlli delle Fiamme Gialle nella Bat Notte di Ferragosto: controlli delle Fiamme Gialle nella Bat Impegnato personale del gruppo Barletta con i finanzieri della Compagnia di Trani ed il nucleo cinofili di Bari
Rientri in Puglia e Covid, laboratori pubblici e privati in rete per l’esecuzione dei tamponi Rientri in Puglia e Covid, laboratori pubblici e privati in rete per l’esecuzione dei tamponi Prima di procedere con il tampone, i laboratori dovranno verificare che il soggetto si sia auto segnalato
Covid-19, il bollettino di oggi: nessun caso nella Bat Covid-19, il bollettino di oggi: nessun caso nella Bat Nelle ultime 24 ore stati registrati 1.701 test
2 Ferragosto, il sindaco Cannito ai giovani: «Divertitevi, ma siate prudenti» Ferragosto, il sindaco Cannito ai giovani: «Divertitevi, ma siate prudenti» Il primo cittadino di Barletta si rivolge ai più giovani: «Non vi si chiede di stare chiusi in casa, ma di essere responsabili»
1 Esercenti di Barletta: «Pronti al rispetto delle regole anti-Covid» Esercenti di Barletta: «Pronti al rispetto delle regole anti-Covid» «Chiediamo che lo stesso impegno sia profuso anche negli spazi pubblici e nelle spiagge libere»
Coronavirus, un nuovo caso nella Bat e 16 in Puglia Coronavirus, un nuovo caso nella Bat e 16 in Puglia Il nuovo contagio si è registrato ad Andria. Si tratta di uno dei giovani di ritorno da Malta
Codacons: «Si chiudano le discoteche a Ferragosto». Pronti a denunciare per epidemia colposa Codacons: «Si chiudano le discoteche a Ferragosto». Pronti a denunciare per epidemia colposa «Il Ferragosto 2020 rischia di trasformarsi in un gigantesco focolaio di coronavirus»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.