Ottavio Narracci
Ottavio Narracci
Servizi sociali

Caso Avis Barletta, Narracci: «Nessuno sfratto, solo una riorganizzazione degli spazi»

Il direttore generale risponde alle lamentele degli ultimi giorni

Nei giorni scorsi ha suscitato un inaspettato clamore la decisione della Direzione della Asl Bt di riorganizzare gli spazi della sede distrettuale di piazza Umberto I a Barletta che ospitano le sedi sociali di diverse associazioni di volontariato, tra le quali l'Avis. «La Asl sta infatti procedendo a una riorganizzazione dei propri spazi - si legge nel comunicato diffuso dalla stessa Asl in risposta alla polemica emersa in questi giorni sul presunto "sfratto" della Avis Barletta dalla sua sede - per garantire ai servizi di assistenza territoriali luoghi consoni alla erogazioni di prestazioni sanitarie: è il caso, per esempio, del servizio di pneumotisiologia e della farmacia territoriale. Per questo, e in considerazione della impossibilità a prendere in locazione altri luoghi per le restrizioni normative regionali in materia, le associazioni di volontariato al momento presenti nella struttura dell'ex ospedale di Barletta (Aido, Alba, Avis, Bat Cuore, Cross e Fratres) sono state invitate a riposizionarsi in spazi che l'Azienda ha messo loro a disposizione per poter riutilizzare alcuni luoghi che i tecnici hanno ritenuto idonei alla erogazione di prestazioni sanitarie (è il caso dei luoghi che hanno ospitato la sede sociale dell'Avis).

"Abbiamo coinvolto tutte le associazioni presenti a Barletta – dice Ottavio Narracci, Direttore Generale Asl Bt – la direzione amministrativa aziendale ha reso tutti partecipi della necessità di riorganizzare gli spazi a vantaggio degli utenti. Abbiamo anche chiesto alle associazioni di collaborare tra di loro per ridefinire la propria presenza nelle nostre sede e all'Avis è stata offerta la possibilità di utilizzare la sede che fino ad oggi ha ospitato l'associazione Cross che si sposterà in altri luoghi. Ci rendiamo conto che si tratta di luoghi più piccoli, ma nessuno è stato "sfrattato". Abbiamo semplicemente chiesto di ridimensionare la propria sede sociale. Facciamo i conti con la necessità di garantire spazi adeguati a diversi servizi aziendali di assistenza che in questo momento non possono contare su luoghi consoni e dobbiamo riorganizzare i luoghi che abbiamo a disposizione. La stessa valutazione, rispetto all'uso degli spazi aziendali, è in corso su tutto il territorio. Ci siamo aperti al confronto e abbiamo ampiamente rappresentato le nostre necessità. Per questo ci auguriamo che il rapporto di collaborazione con l'Avis e con tutte le atre associazioni che ospitiamo nelle nostre sedi possa continuare serenamente".
  • Avis
  • Asl Bt
  • Ottavio Narracci
Altri contenuti a tema
Organizzazione 118, la posizione della Asl BT Organizzazione 118, la posizione della Asl BT Confronto con tutti i sindaci della provincia. La dg Dimatteo: «Il servizio resta invariato»
Sanità, lutto per la scomparsa del dottor Andrea Sinigaglia Sanità, lutto per la scomparsa del dottor Andrea Sinigaglia Il medico biscegliese è stato anche direttore di presidio a Barletta
Damiani: «Avis "R.Lattanzio" di Barletta compie 70 anni» Damiani: «Avis "R.Lattanzio" di Barletta compie 70 anni» «Una giornata di festa per un presidio di volontariato che si è distinto non solo per la sua attività di promozione della donazione del sangue, ma anche per l'impegno in ambito sportivo»
Buon compleanno all'Avis di Barletta: oggi i suoi primi 70 anni Buon compleanno all'Avis di Barletta: oggi i suoi primi 70 anni Il presidente Leonardo Santo: «Nonostante i progressi della scienza, ancora oggi l’unica “fonte” di sangue è l’uomo, il donatore»
Le procedure di sicurezza dell'Asl Bt per il Jova Beach Le procedure di sicurezza dell'Asl Bt per il Jova Beach «Abbiamo organizzato i servizi ospedalieri e di assistenza sul territorio»
Asl Bt: reumatologia ottiene la certificazione di qualità Asl Bt: reumatologia ottiene la certificazione di qualità Siamo entusiasti di aver raggiunto questo «Importante traguardo nonostante le difficoltà degli ultimi due anni»
2 Un nuovo ospedale nel nord barese: approvato il progetto di fattibilità Un nuovo ospedale nel nord barese: approvato il progetto di fattibilità Adesso il progetto sarà inviato agli organi ministeriali
«Dopo anni di battaglie, sono avviate le procedure di internalizzazione del 118 nell'Asl Bt» «Dopo anni di battaglie, sono avviate le procedure di internalizzazione del 118 nell'Asl Bt» Attualmente le 18 postazioni sono gestite dalle associazioni di volontariato
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.