Cimitero
Cimitero
La città

Cappella Nazareth, l'esito della lunga vicenda giudiziaria

La nota pervenuta in redazione dall'avvocato Luigi Peschechera

Sul caso della Cappella Nazareth riceviamo e pubblichiamo una nota a firma dell'avv. Luigi Peschechera.

"A seguito del processo penale n.3973/2013 r.g.n.r. la Suprema Corte di Cassazione, VII Sez. Penale, in data 07.05.2021 ha dichiarato in sentenza che il ricorso del sacerdote Angelo Di Pasquale è inammissibile e lo ha condannato al pagamento delle spese processuali oltre al pagamento in favore della cassa ammende di euro tremila.

Pertanto, il mons. Angelo Di Pasquale, come precedentemente acclarato dalla Corte di Appello di Bari- III sez. Penale- in data 29.09.2020, è stato dichiarato responsabile ai fini civili della violazione di sepolcro del loculo della famiglia Portone.

La vicenda giudiziaria traeva origine anni fa, quando il loculo LXXXIV con l'iscrizione "famiglia Portone" ubicato nella Cappella funebre c.d. Nazareth del cimitero di Barletta veniva violato con l'apertura dell'originaria lastra marmorea su cui vi era incisa l'iscrizione "famiglia Portone" e le salme ivi deposte, sei cassette funerarie contenenti i resti di altrettanti avi della famiglia Portone, venivano illegittimamente traslate in un ossario comune senza il consenso dei familiari e senza le prescritte autorizzazioni comunali.

Pertanto, è stata messa la parola fine a tale triste vicenda giudiziaria, che è stata molto dolorosa per gli eredi della famiglia Portone, poichè la pietas dei propri defunti veniva violata proprio da un alto prelato della Curia di Trani, difatti, la Suprema Corte di Cassazione, respingendo il ricorso del mons. Angelo Di Pasquale ha definitivamente statuito che, agli effetti civili, sussiste la responsabilità del medesimo Angelo Di Pasquale nella violazione del sepolcro della famiglia Portone".
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Cimitero
Altri contenuti a tema
1 «La bara di mia madre in un deposito», la segnalazione dal cimitero di Barletta «La bara di mia madre in un deposito», la segnalazione dal cimitero di Barletta Lo denuncia un cittadino barlettano: «Una stanza che definire una bottega degli orrori è dir poco»
Cimitero chiuso anche oggi - Riapre alle ore 15 Cimitero chiuso anche oggi - Riapre alle ore 15 In via di completamento le procedure di messa in sicurezza disposte dal Comune dopo il vento forte
1 Cimitero: «Non vi è alcuna situazione di abbandono» Cimitero: «Non vi è alcuna situazione di abbandono» Sono state svolte attività di perfezionamento nella giornata di ieri affinché si potessero riprendere le regolari operazioni
Cimitero di Barletta: consegnati 300 nuovi loculi Cimitero di Barletta: consegnati 300 nuovi loculi La ditta è stata incaricata di realizzare in totale 900 loculi
Lavori di manutenzione presso il cimitero di Barletta: procede il restyling Lavori di manutenzione presso il cimitero di Barletta: procede il restyling La spesa complessiva è di € 160.000,00
Cimitero di Barletta, proseguono gli interventi di manutenzione straordinaria Cimitero di Barletta, proseguono gli interventi di manutenzione straordinaria I lavori si sono resi necessari per garantire la sicurezza degli avventori
Loculi pericolanti nel cimitero di Barletta, la segnalazione arriva dai cittadini Loculi pericolanti nel cimitero di Barletta, la segnalazione arriva dai cittadini Il sindaco si è recato sul posto in mattinata per un sopralluogo
1 Cimitero di Barletta, avviata la costruzione di 900 loculi e di 240 nuovi ossari Cimitero di Barletta, avviata la costruzione di 900 loculi e di 240 nuovi ossari In pandemia il sindaco aveva lanciato l'allarme: il cimitero era saturo
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.