Botti di Capodanno
Botti di Capodanno
Cronaca

Botti di Capodanno? Ecco come evitare incidenti

Ad Andria vendite e uso vietati, Barletta si affida alla buona coscienza dei cittadini

A breve saluteremo il vecchio per affacciarci al nuovo anno, liberi di rimpianti e delusioni, ma colmi di speranze e desideri. In effetti il nuovo simboleggia una sorta di nuova vita, l'opportunità per ricominciare e poter dire la fatidica frase "Da quest'anno…". Talvolta capita realmente che le abitudini e gli stili di vita possano mutare, mentre irrimediabilmente si ripetono il 1° gennaio le cronache su incidenti più o meno gravi, dovuti all'uso dei cosiddetti "botti di Capodanno" illegali, con ordigni semiesplosi o inceppati, che rovinano talvolta per sempre, intere esistenze.

Già in quest'ultima settimana di dicembre, le strade riecheggiano da mattina a sera di colpi e botti sparati a festa, spesso e volentieri sono proprio i più giovani a cimentarsi nell'acquisto di ordigni con meccanismi esplosivi assolutamente fuori legge, potendone acquistare molti a poco prezzo, pertanto sono proprio i minori a sottoporsi ai rischi più gravi.

Nella città di Andria il sindaco Nicola Giorgino ha firmato l'ordinanza che vieta ogni tipo di sparo in luogo pubblico, soprattutto quelli con effetto scoppiettante come botti e petardi, oltre che i razzi. L'ordinanza fa riferimento infatti all'articolo 4 del Decreto Legislativo 4 aprile 2010, n. 58, che vieta, al di fuori degli spettacoli autorizzati, qualsivoglia di fuoco d'artificio in luoghi pubblici e privati, laddove in questi ultimi, si possano avere ricadute sui pubblici o privati appartenenti a terzi non consenzienti, a partire dalle 20,00 del 31 dicembre, sino alle 7,00 del 1° gennaio, con la possibilità di una sanzione pecuniaria dai 25,00 ai 500,00 euro.

Insomma un'ordinanza, quella di Andria, molto utile e dettagliata, che non lascia dubbi sulla sua utilità ed efficacia al tempo stesso, ma in tutto ciò cosa succederà a Barletta? Il divertimento del 31 dicembre, sarà la pena dei primi di gennaio? Per il momento non resta che augurarci un provvedimento comunale con applicazione immediata, che riesca a vietare le vendite di ordigni illegali, soprattutto sui cossidetti "banchetti fantasma", che appaiono gli ultimi minuti dell'anno per poi scomparire poche ore dopo aver raccolto il "pesante" bottino di vendita incosciente. Non resta quindi che augurarci l'uso comune di un'ottima dose di buonsenso e amore per bambini e animali spesso spaventati o disorientati dai forti colpi e perché no, una piccola dose di amore anche per se stessi l'ultimo dell'anno, non può far altro che bene.
  • Salute pubblica
  • Ordigno esplosivo
Altri contenuti a tema
Lotta alle zanzare, posizionate a Barletta le trappole per monitorarne la presenza Lotta alle zanzare, posizionate a Barletta le trappole per monitorarne la presenza Al termine della fase di analisi verrà valutata la quantità di insetti catturati
La salute dell'ambiente di Barletta passa dal biomonitoraggio delle unghie La salute dell'ambiente di Barletta passa dal biomonitoraggio delle unghie Firmato il protocollo d'intesa: soddisfatto il Forum Salute e Ambiente
3 Esplosione nella notte a Barletta, ordigno in via dei Pini Esplosione nella notte a Barletta, ordigno in via dei Pini Danni a un centro scommesse: per fortuna nessun ferito
Deblattizzazione a Barletta, ecco a chi fare richiesta Deblattizzazione a Barletta, ecco a chi fare richiesta Le richieste d'intervento saranno inoltrate all'Acquedotto Pugliese
1 Esalazioni in corso Vittorio Emanuele, perdita dalle condotte fognarie Esalazioni in corso Vittorio Emanuele, perdita dalle condotte fognarie Interviene il nucleo batteriologico: era idrogeno solforato dovuto ai liquami
2 Di Cuonzo: «Processionaria, a Barletta ormai è allarme» Di Cuonzo: «Processionaria, a Barletta ormai è allarme» Il pericoloso parassita può portare allo shock anafilattico
Delibera sul monitoraggio ambientale, «hanno vinto i movimenti» Delibera sul monitoraggio ambientale, «hanno vinto i movimenti» Soddisfatti i rappresentanti del Forum Salute e Ambiente Barletta
Nube tossica dalla Cementeria, il giallo scatena polemiche Nube tossica dalla Cementeria, il giallo scatena polemiche Cianci: «Occorre verificare quanto è stato denunciato»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.