Cementeria e Rizzi
Cementeria e Rizzi
Politica

«Basta veleni sulla città, bisogna chiudere la Cementeria»

La nota di Michele Rizzi di "Alternativa Comunista"

«La vicenda giudiziaria che vede coinvolta Cementeria di Barletta, tecnici della Provincia, della Regione e dell'Arpa e di alcune aziende della zona che conferivano, conferma quanto da sempre sostenuto da Alternativa comunista in questi anni, assieme ad altri movimenti di lotta, che nella nostra città è in atto ormai un vero e proprio disastro ambientale che colpisce soprattutto il quartiere a ridosso dello stabilimento (che conosco bene visto che vi abito da anni) per allargarsi anche in altre zone della città». Lo scrive il rappresentante politico del partito "Alternativa comunista", il barlettano Michele Rizzi.

«La stessa Procura - continua Rizzi nella sua nota - afferma che la Cementeria avrebbe immesso nell'aria sostanze inquinanti oltre i limiti di legge "esponendo la popolazione di Barletta al rischio di inalazione di fattori inquinanti dannosi alla salute". Tra l'altro proprio un aumento di inquinamento da emissioni nell'aria probabilmente si lega allo sviluppo, seppur non dimostrato ma facilmente ipotizzabile, di malattie cancerogene in città. Noi contestammo la stessa Autorizzazione integrata ambientale rilasciata nel 2012 dalla Regione alla Buzzi Unicem (che va subito revocata), presa di mira adesso anche dalle inchieste giudiziarie, come contestammo e contestiamo anche chi strumentalmente vuole mettere in contrapposizione la salute della gente a quella di alcune decine di lavoratori della Cementeria.

E' bene ricordare che la Cementeria di Barletta, a dispetto del nome, è ormai diventata unicamente un grande inceneritore di rifiuti, una multinazionale che inquina da anni la città di Barletta e che non ha più motivo di esistere, come altre multinazionali che sposano il profitto sulla pelle di lavoratori e popolazione. Le aziende inquinanti vanno chiuse tutte e subito, non solo perché a quanto pare truccherebbero anche le carte per avere il lascia passare per ammorbare la città, ma soprattutto per la loro pericolosità per la gente ignara di quello che respira e che invece si trasforma in profitti per le multinazionali inquinanti. Per questo, ritirare l'autorizzazione ambientale integrata, per continuare la lotta per la chiusura della Cementeria, vero e proprio inceneritore cittadino, per una sua riconversione pubblica che impieghi i lavoratori, anch'essi esposti adesso alle inalazioni da emissioni, è assolutamente indispensabile e necessario e in questo saremo in prima linea, come sempre negli interessi delle masse popolari» conclude Rizzi.
  • Cementeria
  • Michele Rizzi
  • Alternativa Comunista
Altri contenuti a tema
1 Cementeria di Barletta, il disastro ambientale non sussiste. Imputati assolti Cementeria di Barletta, il disastro ambientale non sussiste. Imputati assolti Il Tribunale di Trani ha assolto anche i nove imputati che non optarono per il rito abbreviato
4 Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Gli altri nove imputati attendono la sentenza del prossimo 8 ottobre
3 Dimissioni del sindaco Cannito? Per Michele Rizzi «commedia scontata» Dimissioni del sindaco Cannito? Per Michele Rizzi «commedia scontata» Interviene l'esponente di "Sinistra radicale"
3 Non solo sport, la Barletta Sportiva in visita alla cementeria di Barletta Non solo sport, la Barletta Sportiva in visita alla cementeria di Barletta «Speriamo che in questo enorme spazio possano sorgere percorsi e viali alberati»
Cementeria di Barletta, chiesta l'assoluzione per tutti gli imputati Cementeria di Barletta, chiesta l'assoluzione per tutti gli imputati La sentenza sarà pronunciata il 18 settembre
La Buzzi Unicem dona una grande serra all'istituto Garrone di Barletta La Buzzi Unicem dona una grande serra all'istituto Garrone di Barletta Oggi la cerimonia di presentazione del laboratorio scolastico “VivaIO Insieme”
1 Presunto disastro ambientale, il Comitato Aria Pulita Bat rinuncia Presunto disastro ambientale, il Comitato Aria Pulita Bat rinuncia Non si costituirà parte civile, verosimile la richiesta di assoluzione il 4 aprile
3 Processo per disastro ambientale a Barletta, la difesa parlerà il 14 maggio Processo per disastro ambientale a Barletta, la difesa parlerà il 14 maggio Oggetto delle indagini "emissioni inquinanti rivenienti dalla combustione di rifiuti"
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.