Commissariato
Commissariato
Cronaca

Barletta, minacce di morte al poliziotto scomodo

Continua la catena di inquietanti avvertimenti. «Potrebbe trattarsi di uno squinternato», si limita a commentare il questore

Un anonimo interlocutore avrebbe utilizzato il 113, il numero telefonico di pronto intervento della Polizia di Stato, per minacciare di morte l'ispettore superiore Antonio Corvasce, responsabile della squadra anticrimine del commissariato di Barletta e medaglia d'argento al valore civile.

Al commissariato di via Manzoni le bocche sono cucite. L'ispettore Corvasce è stato minacciato di morte, ma sull'identità dell' anonimo interlocutore c'è il mistero. Sull'episodio, sono state avviate indagini da parte degli stessi uomini del commissariato ai comandi del primo dirigente Angelo Tedeschi e coordinati dal sostituto procuratore Mirella Conticelli del Tribunale di Trani. Accertamenti sono stati avviati per risalire all'autore della telefonata visto che le chiamate al 113 sono sempre registrate. Non è escluso, però, che l'interlocutore possa aver utilizzato un telefono pubblico e, quindi, in questo caso, la sua identificazione potrebbe risultare più complessa.

In servizio nel commissariato di Barletta dal 1991, l'ispettore Corvasce è all'anticrimine dal 1997 e le sue indagini sono spesso state fondamentali per mandare dietro le sbarre esponenti di spicco della criminalità barlettana e non solo. Ultimamente, insieme ai colleghi del commissariato, l'ispettore Antonio Corvasce aveva preso parte all'operazione antidroga denominata «Colosseum» che consentì di sgominare un gruppo di giovani spacciatori, arrestando ben 14 persone. Le minacce al poliziotto barlettano seguono solo di qualche giorno un atto grave episodio intimidatorio ai danni, questa volta, dei giornalisti della Gazzetta del Mezzogiorno della redazione del Nord Barese.
  • Polizia di Stato
  • Criminalità organizzata
  • Minaccia
Altri contenuti a tema
1 Barletta, la polizia di Stato salva la vita ad un uomo ed arresta il suo aggressore Barletta, la polizia di Stato salva la vita ad un uomo ed arresta il suo aggressore I fatti risalgono allo scorso maggio
Minacciava i passanti con coltello da cucina a Barletta: arrestato 32enne algerino Minacciava i passanti con coltello da cucina a Barletta: arrestato 32enne algerino L'operazione è stata condotta dagli agenti delle volanti del commissariato
Palpeggia una undicenne all’uscita di scuola, arrestato settantaduenne Palpeggia una undicenne all’uscita di scuola, arrestato settantaduenne Intervento della Polizia di Stato
Furti e danneggiamenti ai treni, arrestati tre giovani di Barletta Furti e danneggiamenti ai treni, arrestati tre giovani di Barletta I tre, poco più che maggiorenni, sono indiziati per reati commessi in stazione e nel centro cittadino. Avrebbe rubato anche la bici a un disabile
Danni al bar della stazione. Minore scappa da comunità, ora in carcere Danni al bar della stazione. Minore scappa da comunità, ora in carcere Il giovane è stato ritrovato a Barletta. La polizia lo ha portato all’IPM “Fornelli” di Bari
Furto in stazione a Barletta: nei guai due minorenni Furto in stazione a Barletta: nei guai due minorenni I due ragazzi erano stati già più volte segnalati all’Autorità Giudiziaria per altri reati
Prostituzione minorile in strutture ricettive della Bat: arresti della Polizia di Stato Prostituzione minorile in strutture ricettive della Bat: arresti della Polizia di Stato Per la gestione dell'attività venivano utilizzate utenze telefoniche dedicate, inserite in appositi annunci on line
Passaporti in città, nuova postazione mobile nella stazione di Barletta Passaporti in città, nuova postazione mobile nella stazione di Barletta Questa mattina l’inaugurazione: costante l'impegno della Questura per rispondere alle esigenze dei cittadini
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.