Processione del Venerdì Santo a Barletta. <span>Foto Ida Vinella</span>
Processione del Venerdì Santo a Barletta. Foto Ida Vinella
La città

Barletta, la neve e le epidemie: una storia che si ripete... e dà speranza

Il nevischio di questa mattina ha accompagnato l'ennesimo risveglio in quarantena

Stamattina la città di Barletta si è svegliata sotto una fugace ma piuttosto insolita spruzzata di neve, se consideriamo che, calendario alla mano, dovremmo essere entrati in primavera. Tranquilli, non è il solito pistolotto "gretista" sui cambiamenti climatici, anche perché in questi giorni, il tema dell'ecologismo, consapevole o straccione che sia, ha dovuto purtroppo gioco forza cedere il centro della scena mediatica alla tragedia del Coronavirus.

E a proposito di Coronavirus, i numeri del week-end, pur continuando a rimanere drammatici ed inquietanti, ci indicano una tutto sommato confortante inversione di tendenza sia in termini di contagi che di decessi. Ok, mi direte voi: ma tutto questo cosa c'entra con il nevischio di stamattina presto? A tal proposito, da appassionati della storia di Barletta, abbiamo subito pensato a quel racconto, tra storia e leggende, dei drammatici giorni della pestilenza che tra il 1656 e il 1657 decimò la popolazione della nostra città.

Il "feral morbo" fu portato a Barletta da una nave proveniente da Napoli. Il resto lo fecero le raccapriccianti condizioni igieniche in cui versava una città da oltre un secolo in piena decadenza, dopo le terribili devastazioni subite da Renzo de' Ceri e dall'esercito francese. In concomitanza con il rallentamento della pestilenza, in città fiorirono due leggende. La prima riguardante il ritrovamento da parte di alcuni contadini del quadro della Madonna dello Sterpeto. La seconda riguardante una processione della primavera del 1657, organizzata allo scopo di "implorare la cessazione del morbo". La leggenda narra che, mentre la processione era in transito nei pressi della chiesa di San Giacomo, una bianca colomba si posò dolcemente su di un'urna sacra e che "di lì a poco prese a nevicare cancellando ogni traccia del morbo che da quel giorno non avrebbe fatto più vittime".

Quante analogie con la spruzzatina di neve di oggi e i numeri drammatici, ma da un paio di giorni in calo, dell'epidemia da Covid-19 vero? Certo oggi, nell'anno di grazia(?) 2020, saremmo dei folli a pensare che una semplice processione sia sufficiente a fermare l'ecatombe causata dal Coronavirus. Ma nulla ci vieta, in concomitanza con il calo di contagi e di vittime, di interpretare questi fiocchi di neve decisamente fuori programma come un segnale di speranza. Un segnale già visto quattro secoli fa. Un segnale del tipo: "coraggio, ne stiamo uscendo anche stavolta!".

Non è nostra intenzione, né tantomeno nostro compito, quello di innescare l'ennesimo stucchevole conflitto tra fede e scienza. Anche perché se la fede è lo strumento con cui l'uomo punta a raggiungere Dio con le parole e le preghiere, la scienza non è forse lo strumento con cui l'uomo punta a raggiungere Dio nei fatti?
  • Chiesa cattolica
  • Neve
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1865 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid, a Barletta il 68% dei cittadini ha ricevuto la prima dose di vaccino Covid, a Barletta il 68% dei cittadini ha ricevuto la prima dose di vaccino Nella provincia Bat il 50% ha completato il ciclo vaccinale
Covid, oggi 248 nuovi casi in Puglia e 35 nella Bat Covid, oggi 248 nuovi casi in Puglia e 35 nella Bat Si rialza la curva del contagio, ma non si registrano decessi
In Puglia i vaccini anti-Covid arriveranno presto in farmacia In Puglia i vaccini anti-Covid arriveranno presto in farmacia Adesso si lavorerà sulle modalità di somministrazione
Nuova ondata pandemica? Risponde l'assessore Lopalco Nuova ondata pandemica? Risponde l'assessore Lopalco «La variante delta si sta sviluppando tra adolescenti e giovani adulti. Vacciniamoci»
Casi Covid in aumento nella Bat, sono 42 i nuovi positivi Casi Covid in aumento nella Bat, sono 42 i nuovi positivi Nelle ultime 24 ore sono stati 151 i nuovi casi in Puglia
Continuano le vaccinazioni nell'Asl Bt anche tra i 12 e i 19 anni Continuano le vaccinazioni nell'Asl Bt anche tra i 12 e i 19 anni Il 95% dei soggetti tra gli 80 e gli 89 anni ha ricevuto la prima dose
Nuovi casi Covid in Puglia, oggi sono 163 su più di 12mila tamponi Nuovi casi Covid in Puglia, oggi sono 163 su più di 12mila tamponi Di questi, 16 nella Bat. Si registra un decesso nel foggiano
Licenziata dopo il Covid, Alessandra torna a Barletta per ricominciare Licenziata dopo il Covid, Alessandra torna a Barletta per ricominciare La storia di un ritorno e di un nuovo progetto di vita
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.