Processione del Venerdì Santo a Barletta. <span>Foto Ida Vinella</span>
Processione del Venerdì Santo a Barletta. Foto Ida Vinella
La città

Barletta, la neve e le epidemie: una storia che si ripete... e dà speranza

Il nevischio di questa mattina ha accompagnato l'ennesimo risveglio in quarantena

Stamattina la città di Barletta si è svegliata sotto una fugace ma piuttosto insolita spruzzata di neve, se consideriamo che, calendario alla mano, dovremmo essere entrati in primavera. Tranquilli, non è il solito pistolotto "gretista" sui cambiamenti climatici, anche perché in questi giorni, il tema dell'ecologismo, consapevole o straccione che sia, ha dovuto purtroppo gioco forza cedere il centro della scena mediatica alla tragedia del Coronavirus.

E a proposito di Coronavirus, i numeri del week-end, pur continuando a rimanere drammatici ed inquietanti, ci indicano una tutto sommato confortante inversione di tendenza sia in termini di contagi che di decessi. Ok, mi direte voi: ma tutto questo cosa c'entra con il nevischio di stamattina presto? A tal proposito, da appassionati della storia di Barletta, abbiamo subito pensato a quel racconto, tra storia e leggende, dei drammatici giorni della pestilenza che tra il 1656 e il 1657 decimò la popolazione della nostra città.

Il "feral morbo" fu portato a Barletta da una nave proveniente da Napoli. Il resto lo fecero le raccapriccianti condizioni igieniche in cui versava una città da oltre un secolo in piena decadenza, dopo le terribili devastazioni subite da Renzo de' Ceri e dall'esercito francese. In concomitanza con il rallentamento della pestilenza, in città fiorirono due leggende. La prima riguardante il ritrovamento da parte di alcuni contadini del quadro della Madonna dello Sterpeto. La seconda riguardante una processione della primavera del 1657, organizzata allo scopo di "implorare la cessazione del morbo". La leggenda narra che, mentre la processione era in transito nei pressi della chiesa di San Giacomo, una bianca colomba si posò dolcemente su di un'urna sacra e che "di lì a poco prese a nevicare cancellando ogni traccia del morbo che da quel giorno non avrebbe fatto più vittime".

Quante analogie con la spruzzatina di neve di oggi e i numeri drammatici, ma da un paio di giorni in calo, dell'epidemia da Covid-19 vero? Certo oggi, nell'anno di grazia(?) 2020, saremmo dei folli a pensare che una semplice processione sia sufficiente a fermare l'ecatombe causata dal Coronavirus. Ma nulla ci vieta, in concomitanza con il calo di contagi e di vittime, di interpretare questi fiocchi di neve decisamente fuori programma come un segnale di speranza. Un segnale già visto quattro secoli fa. Un segnale del tipo: "coraggio, ne stiamo uscendo anche stavolta!".

Non è nostra intenzione, né tantomeno nostro compito, quello di innescare l'ennesimo stucchevole conflitto tra fede e scienza. Anche perché se la fede è lo strumento con cui l'uomo punta a raggiungere Dio con le parole e le preghiere, la scienza non è forse lo strumento con cui l'uomo punta a raggiungere Dio nei fatti?
  • Chiesa cattolica
  • Neve
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

940 contenuti
Altri contenuti a tema
Picco di contagi da Covid-19 con 485 casi in Puglia e 53 nella Bat Picco di contagi da Covid-19 con 485 casi in Puglia e 53 nella Bat Lopalco: «Evitare nel proprio contesto familiare e di lavoro ogni occasione di contagio”.
1 Covid, da lunedì in Puglia sospese le lezioni in presenza per gli ultimi tre anni di Superiori Covid, da lunedì in Puglia sospese le lezioni in presenza per gli ultimi tre anni di Superiori In Regione si lavora anche sui trasporti, Emiliano: «Stiamo chiedendo alle scuole di individuare quali sono le linee sovraccariche»
Nuovi casi di Covid-19 al Liceo scientifico di Barletta: scuola chiusa per sanificazione Nuovi casi di Covid-19 al Liceo scientifico di Barletta: scuola chiusa per sanificazione Il numero elevato dei docenti coinvolti nelle diverse classi renderebbe impraticabile la didattica in presenza
1 Tamponi privati anche a Barletta, sì della Giunta pugliese Tamponi privati anche a Barletta, sì della Giunta pugliese La tariffa massima applicabile è di 80 euro
Covid-19, 324 contagi in Puglia in un giorno su 5300 tamponi Covid-19, 324 contagi in Puglia in un giorno su 5300 tamponi Sono 38 i nuovi casi registrati nella provincia Barletta-Andria-Trani
I lavoratori del multiservizi in piazza a Barletta: «Chiediamo un adeguamento retributivo» I lavoratori del multiservizi in piazza a Barletta: «Chiediamo un adeguamento retributivo» Spera (Filcams Cgil): «È intollerabile che da circa 7 anni il contratto sia bloccato con retribuzioni lorde di 7 euro o poco più»
Scuola, Emiliano: «Forme flessibili di attività didattica per le superiori» Scuola, Emiliano: «Forme flessibili di attività didattica per le superiori» Il presidente della regione Puglia scrive al Ministero dell'Interno: «Altrimenti pronti ad adottare provvedimenti emergenziali»
Misure anti-Covid, la Confcommercio fornisce agli esercenti i cartelli da esporre Misure anti-Covid, la Confcommercio fornisce agli esercenti i cartelli da esporre Carriera: «Abbiamo approntato un vademecum per cittadini e commercianti»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.