Eventi

Barletta, grande successo per l’incontro con Gustavo Zagrebelsky

«La lingua rivelatrice di chi parla». Prossimo appuntamento il 29 Ottobre con Antonio Ingroia

Grande successo nel secondo appuntamento svoltosi presso la sala Rossa del castello, organizzato dall'associazione "La Democrazia delle parole", con la presenza del noto professore Gustavo Zagrebelsky, intervenuto sul tema "Le parole del potere".

Scendere, Amore, Contratto ma anche Italiani e Assolutamente, queste secondo Zagrebelsky le parole più usate dalla lingua del potere, quella lingua che secondo Zagrebelsky: «…pensa per noi. L Crediamo di sapere usare la lingua, ma molte volte è la lingua ad usare noi. La lingua è rivelatrice di chi parla, è il tramite tra il dentro e il fuori, uno strumento che unisce, ma che sa anche dividere».

Il professor Zagrebelsky nel suo intervento fa una analisi di quella che è la situazione politica attuale del nostro paese: «la situazione politica del nostro paese è degradata, ma per reagire al degrado bisogna fare una disamina delle parole che si usano nel mondo politico».

In tal senso il professore introduce il concetto di teologia politica, ma allo stesso tempo analizza una delle parole usate dal potere: Scendere. «La via che conduce alla politica può manifestarsi, dal basso o dall'alto. Dal basso quando si proviene dall'esperienza politica, dall'alto quando si fa valere la propria storia e la propria competenza facendo divenire la politica una missione». Insomma uno schema al limite, così come la teologia politica, vista l'irruzione nella politica da parte di re nascosti, un uso e costume che la secolarizzazione del potere non ha scacciato, ma ben mimetizzato.
L'idea provvidenziale, fa capolino ad ogni appuntamento importante, non si guarda più all'esperienza politica ma all'illusione.

La seconda parola esaminata da Zagrebelsky è la parola Contratto. Nel corso dell'intervento non mancano da parte del professore riferimenti al premier e alla sua discesa in campo e al suo "Contratto con gli italiani". « C'è un popolo che ha bisogno di soccorso, e il mezzo per rispondere alla richiesta di soccorso è appunto la politica. Opporsi alla discesa in campo, significa opporsi e non aiutare colui che ha risposto alla richiesta di soccorso». Ma anche Amore è una parola molto usata dal mondo politico, "l'Italia è il paese che amo", una frase secondo Zagrebelsky bipartigian più che bipartisan, visto che bisogna aspettare il 2007 per vedere il Partito Democratico nel suo citare " Noi democratici amiamo l'Italia", frase, secondo il parere di Zagrebelsky, esempio di imitazione di percorso, anziché di reazione alla forza politica avversaria, « anziché reagire con un atteggiamento di denuncia o di scarto, si sceglie la strada del scimmiottamento politico». Due frasi, quella della discesa in campo del premier nel lontano 1994 e quella del manifesto del PD, dove nella prima sembra leggervi tra le righe una preferenza o predilezione verso l'Italia, mentre nel manifesto del PD sembra percepire un atto dovuto, la prima una adulazione disinteressata, la seconda una adulazione interessata.

Zagrebelsky quindi prosegue citando un altro slogan delle campagne elettorali precedenti del premier: «Noi abbiamo in mente una Italia che sa amare..", « e se si guarda all'Italia di oggi ci rendiamo conto che la spaccatura è evidente».

Nell'esaminare la parola Italiani, Zagrebelsky dice:« è una parola che si pronuncia spesso in contesti polemici, o per eccesso o per difetto». Per difetto, se si pensa che gli italiani all'estero sono visti come cittadini appartenenti ad un paese dove dilaga corruzione e malavita, per eccesso se si pensa all'uso improprio che partiti come il Pdl fanno della parola italiani, con il loro "Partito degli italiani", dando l'idea che chi non appartenga al loro partito, non sia italiano.

Il professor Zagrebelsky conclude quindi la sua disamina delle parole esaminando appunto la parola Assolutamente: « tutto ciò che detto o fatto avviene sotto il segno dell'assoluto».
15 fotoZagrebelsky incontra i suoi lettori
Zagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossaZagrebelsky alla sala rossa
  • Conferenza stampa
  • Castello di Barletta
  • Sala Rossa
  • cultura
Altri contenuti a tema
La pubblicazione sul "Premio Don Uva" presentata al Salone del Libro di Torino La pubblicazione sul "Premio Don Uva" presentata al Salone del Libro di Torino Nei prossimi giorni sarà definito il cast dell'attesa quarta edizione
Il Castello di Barletta raccontato da Vito Bianchi in un podcast di Rai Radio 3 Il Castello di Barletta raccontato da Vito Bianchi in un podcast di Rai Radio 3 Disponibile il podcast sul sito Rai Play Sound
A Barletta beni culturali aperti il 1° Maggio A Barletta beni culturali aperti il 1° Maggio Le disposizioni dell’amministrazione comunale
1 Tutto pronto per il "Giro del Mediterraneo in rosa" Tutto pronto per il "Giro del Mediterraneo in rosa" La kermesse ciclistica presentata questa mattina in conferenza stampa
1 A Brindisi la cena di apertura del G7, Barletta "battuta" A Brindisi la cena di apertura del G7, Barletta "battuta" Cannito: «Pensavamo fosse già fatta»
A Bologna la presentazione del libro di Giuseppe Arcieri su Sergio Leone A Bologna la presentazione del libro di Giuseppe Arcieri su Sergio Leone Il pubblico presente è stato coinvolto in un dibattito al termine della visione del backstage del corto "Medea"
Niente G7, il Castello riapre domani Niente G7, il Castello riapre domani Inaccessibili al pubblico solo alcune aree interessate da lavori non precisati, aperta al biblioteca
Salterà la tappa del G7 a Barletta? Salterà la tappa del G7 a Barletta? Si rincorrono le indiscrezioni, non si conoscono al momento le motivazioni 
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.