Castello Svevo
Castello Svevo
Eventi

Barletta e l'arte, il Castello si veste a nuovo

Il 30 Aprile presentazione del Polo museale

In programma alle ore 19 di venerdì prossimo, 30 aprile, la presentazione in esclusiva alla stampa del museo civico – polo museale di Barletta. La presentazione si svolgerà presso il Castello aragonese. Interverranno il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola; il Sindaco di Barletta, Nicola Maffei; la Dirigente del Settore comunale Beni e Servizi Culturali, Emanuela Angiuli.

Il Museo Civico espone una selezione del suo ricco patrimonio d'arte giunto al Comune di Barletta attraverso acquisizioni e raccolte di illustri cittadini. Fra questi Giuseppe Gabbiani, Vincenzo De Stefano, Raffaele Girondi e Ferdinando Cafiero. Esso è organizzato in tre sezioni: la Galleria Antica, la Galleria dell'Ottocento, la Galleria di Ferdinando Cafiero.

La Galleria Antica comprende più di cinquanta opere databili fra la fine del 1300 e la seconda metà del 1700, provenienti in gran parte dal lascito di Giuseppe Gabbiani. Durante il lungo soggiorno a Napoli, Gabbiani colleziona e acquista opere di grande valore, oggi finalmente esposte al Pubblico. Al termine del percorso si snoda il nucleo di opere dedicate al Settecento, esemplificato da artisti come Francesco Solimena e Francesco De Mura. Anton Raphael Mengs e Francesco Solimena chiudono la Galleria Antica e consentono una riflessione sul tema della pittura di corte, ritraendo due immagini diverse del sovrano Carlo III di Borbone.

La Galleria dell'Ottocento annovera oltre quaranta dipinti e nasce da un'altra consistente parte della donazione di Giuseppe Gabbiani e dai lasciti e acquisizioni di opere di Vincenzo De Stefano e Raffaele Girondi. L'esposizione rappresenta l'occasione per conoscere la produzione di tre artisti barlettani, quasi contemporanei di Giuseppe De Nittis tutti allievi di Giambattista Calò. La Galleria dell'Ottocento si conclude nella sala Girondi, l'artista più fedele alle sperimentazioni sul paesaggio dal vero colto nelle campagne barlettane, nelle vedute veneziane, negli ambienti parigini.

Infine l'ultima sezione comprende una selezione degli oggetti raccolti da Ferdinando Cafiero. L'esposizione dà spazio a diverse tipologie di materiali: oggetti in legno, argento, ferro, bronzo, rame, marmo, ceramica, terracotta, dipinti, stampe e incisioni. La mostra documenta dunque, nel rispetto delle intenzioni del collezionista, la storia dell'artigianato italiano ed è esemplificativa delle mode legate al collezionismo dell'Ottocento.
  • Nicola Maffei
  • Nichi Vendola
  • Castello di Barletta
  • Museo Civico
Altri contenuti a tema
Xlart: tra passato, presente e futuro per la rigenerazione urbana Xlart: tra passato, presente e futuro per la rigenerazione urbana A Barletta associazioni culturali unite in un progetto artistico che coinvolge i cittadini di tutte le generazioni Il progetto è vincitore dell’avviso pubblico Creative
Al Museo Civico di Barletta la mostra sulla Terra di Bari e le sue province Al Museo Civico di Barletta la mostra sulla Terra di Bari e le sue province «La mostra ambisce ad essere un momento di riappropriazione e rivalutazione di un passato»
La biblioteca "Loffredo" chiama a raccolta gli esordienti digitali La biblioteca "Loffredo" chiama a raccolta gli esordienti digitali Il 18 dicembre largo al Coding
Grande successo per la mostra “Ditelo ai bambini” Grande successo per la mostra “Ditelo ai bambini” Oltre mille visitatori, grande coinvolgimento delle scuole
Grande partecipazione di pubblico per "Ditelo ai bambini" Grande partecipazione di pubblico per "Ditelo ai bambini" Tanti i visitatori della mostra promossa dell'ambientalista Antonio Binetti
Anche Barletta aderisce a "Illumina novembre 2022" Anche Barletta aderisce a "Illumina novembre 2022" Campagna di sensibilizzazione per la lotta contro il cancro al polmone, il Castello sarà illuminato di bianco
"Ditelo ai bambini", arte e scienza ambientale al Castello di Barletta "Ditelo ai bambini", arte e scienza ambientale al Castello di Barletta Mostra aperta dal 18 al 27 novembre
Archeoclub Canne della Battaglia: «Per il Castello servono interventi di tutela coordinati fra loro» Archeoclub Canne della Battaglia: «Per il Castello servono interventi di tutela coordinati fra loro» La nota firmata dal presidente Nino Vinella
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.