Calcio tafferugli
Calcio tafferugli
Cronaca

Barletta-Cavese, scontri nel dopo gara

Provvidenziale l’intervento degli stewards per dividere le due tifoserie. Marginale l’apporto delle forze dell’ordine

Quegli attimi di pura follia che svestono i panni calcistici per vestire quelli della cattiva condotta. E se non fosse bastato quanto accaduto in campo domenica scorsa nel corso della nona giornata di prima divisione tra Barletta-Cavese con i giocatori in campo protagonisti di errori tecnici-tattici a limite dell'inverosimile ci aggiungiamo gli episodi del dopo gara, che hanno avuto come scenario il retro della curva sud e della gradinata del "C.Puttilli".

Oltre alla contestazione messa in atto dai tifosi biancorossi - culminata poi con un duro faccia a faccia con i giocatori negli spogliatoi - è necessario evidenziare il censurabile comportamento di alcuni tifosi ospiti della Cavese, i quali nei minuti successivi al fischio finale del direttore di gara Domenico Rocca si sono riversati nello spazio antistante l'accesso alla curva sud nel tentativo di venire a contatto con un gruppo di tifosi biancorossi, la cui risposta non si era certo fatta attendere.

Provvidenziale è stato l'intervento degli stewards, mentre la presenza delle forze dell'ordine all'interno del "C.Puttilli" era davvero esigua: basti pensare che un poliziotto, trovatosi nello spazio antistante l'accesso alla gradinata, ha dovuto fronteggiare la barbarica invasione dei suddetti tifosi (quetsa volta tifosi e basta, senza colore) ricevendo in cambio calci e pugni. Stessa sorte è toccata agli stewards che han dovuto affrontare la situazione di emergenza determinata dal tentativo di aggressione perpetrato da alcuni facinorosi al seguito della Cavese. Gli addetti alla sicurezza hanno subito aggressioni fisiche e sono stati vittime di un fitto lancio di pietre, con conseguenti lesioni in molte parti del corpo.

La situazione ha dell'assurdo, se si pensa che successivamente a fronteggiare un gruppo di persone inermi all'ingresso dello stadio, vi era la polizia in tenuta antisommossa, cosa assurda data l'età media dei presenti, tra i quali vi erano molti ragazzini.

La domanda che ci poniamo è proprio questa: come mai a fronteggiare l'emergenza sono stati gli stewards e non le forze dell'ordine? Tra i compiti degli addetti alla sicurezza all'interno dello stadio sono compresi dunque quelli di fronteggiare eventuali scontri tra tifosi?

E per concludere, la tessera del tifoso non avrebbe dovuto arginare il fenomeno della violenza negli stadi?
  • SS Barletta Calcio
  • Calcio
  • Stadio "C. Puttilli"
  • Incidente
  • Tifoseria
Altri contenuti a tema
L’elicottero di Stato atterrato al “Puttilli” L’elicottero di Stato atterrato al “Puttilli” Prove generali in vista del G7?
1 Barletta-Matera 2-0. Finalmente tre punti. Finalmente una squadra Barletta-Matera 2-0. Finalmente tre punti. Finalmente una squadra Biancorossi vittoriosi dopo tre mesi di turbolenta agonia
Dimesso dall'ospedale il commerciante investito in via Geremia di Scanno Dimesso dall'ospedale il commerciante investito in via Geremia di Scanno La vittima ha subito un importante intervento chirurgico
Incidente in via Alvisi a Barletta, feriti due ragazzi sul monopattino Incidente in via Alvisi a Barletta, feriti due ragazzi sul monopattino Sul posto l'intervento del 118 e della Polizia Locale
Barletta-Nardò, ancora una volta il match del destino Barletta-Nardò, ancora una volta il match del destino Biancorossi impegnati al “Puttilli” in un impegno tanto difficile quanto importante
Motociclista investe pedoni in via Geremia di Scanno Motociclista investe pedoni in via Geremia di Scanno Due feriti gravi, sul posto la Polizia Locale di Barletta
Barletta in casa del Gallipoli con l’obbligo dei tre punti Barletta in casa del Gallipoli con l’obbligo dei tre punti Biancorossi a caccia di un successo che manca dal 12 novembre
Giuseppe Venanzio dal Barletta alla Fidelis Andria Giuseppe Venanzio dal Barletta alla Fidelis Andria Il classe 2005 barlettano lascia i biancorossi e si accasa ai federiciani
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.