Fumo
Fumo
Associazioni

Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato»

«L'aria è irrespirabile in città perché ci sono aziende che trattano e smaltiscono rifiuti»

«Tanto tuono' che all'improvviso piovve; quello che era diventato quasi un "segreto di stato" è stato finalmente rivelato. Ma andiamo con ordine; alcuni giorni fa c'è stato presso il Palazzo di città un incontro sulle questioni ambientali - scrive sui social il Collettivo Exit».

«Sono anni ormai che si fanno incontri con i movimenti e le associazioni che si battono contro le criticità ambientali ma le risposte da parte delle istituzioni sono alquante scarse. Da settimane il tema centrale della vita politica cittadina è la questione dell'aria irrespirabile ed è stato questo l'argomento che ha tenuto banco durante tutto l'incontro. Da tempo come Collettivo Exit poniamo una questione di fondo: l'aria è irrespirabile in città perché ci sono aziende che trattano e smaltiscono rifiuti; ed è su quelle aziende che bisognava e bisogna puntare l'attenzione. Nei giorni scorsi avevamo denunciato il fatto che dell'azienda di Trani che tratta scarti di macelleria (responsabile del cattivo odore lo scorso 18 agosto) sapevamo tutto mentre delle aziende di Barletta controllate lo scorso 20 agosto nessuna informazione. Colpo di scena: durante l'incontro è stato consegnato il verbale redatto in quei giorni dalla polizia locale in cui vengono menzionate le aziende presumibilmente responsabili dei cattivi odori in città. Si tratta appunto della Dalena ecologia e della ecologica Trasmar (cosa hanno di ecologico non è dato sapersi) aziende su cui noi avevamo puntato i riflettori. Le informazioni prodotte durante i controlli sono state trasmesse alla Procura. Doveva passare quasi un mese prima di conoscere le aziende coinvolte nelle indagini? Durante l'incontro il Sindaco Cannito coadiuvato dall'Arpa ha preso l'impegno di realizzare una app e un monitoraggio delle emissioni odorigene per individuare i responsabili dei cattivi odori».

«Benissimo il monitoraggio delle emissioni odorigene - concludono -, ma non abbiamo bisogno di conoscere i potenziali responsabili perché già si conoscono coloro che ammorbano l'aria. Quindi che senso ha fare un monitoraggio generico quando le istituzioni hanno già degli elementi da cui partire per affrontare e risolvere il problema? Perché è necessario prendere dei provvedimenti anche drastici(esempio il Sindaco può emettere un'ordinanza di chiusura di determinate aziende) per invertire questo nefasto trend. Forse tutto ciò lo scopriremo durante il consiglio comunale monotematico che dovrebbe svolgersi il prossimo 3 ottobre».
  • Collettivo Exit
Altri contenuti a tema
Cattivi odori, Collettivo Exit: «Barletta soffoca e la politica non risponde» Cattivi odori, Collettivo Exit: «Barletta soffoca e la politica non risponde» «Questa classe politica non riesce neanche a fare un consiglio comunale monotematico sull'argomento»
Aria maleodorante, Collettivo Exit: «I nostri problemi ambientali? Compito della magistratura» Aria maleodorante, Collettivo Exit: «I nostri problemi ambientali? Compito della magistratura» «Bisogna prendere dei provvedimenti ora e il primo cittadino ha i poteri per farlo»
Aria irrespirabile, Collettivo Exit: «Solo ora il Sindaco si accorge del disastro ambientale?» Aria irrespirabile, Collettivo Exit: «Solo ora il Sindaco si accorge del disastro ambientale?» «Finalmente ci sarà un consiglio comunale monotematico su questa vicenda: noi ci saremo»
1 Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito La dura nota del Collettivo Exit, critica verso il primo cittadino
Costruzioni nell'area industriale di Barletta, «l'amministrazione prende tempo» Costruzioni nell'area industriale di Barletta, «l'amministrazione prende tempo» Prorogata sino a maggio 2020 la sospensione di permesso a costruire
2 Cemento e crisi ambientale, la posizione del Collettivo Exit di Barletta Cemento e crisi ambientale, la posizione del Collettivo Exit di Barletta «Il sindaco e la maggioranza dormono sonni tranquilli»
3 Nuovi palazzi, nuovo cemento, e per Barletta resta il disastro ambientale Nuovi palazzi, nuovo cemento, e per Barletta resta il disastro ambientale La nota di Alessandro Zagaria del Collettivo Exit
Collettivo Exit di Barletta: «Non dimentichiamo Carlo Cafiero» Collettivo Exit di Barletta: «Non dimentichiamo Carlo Cafiero» Iniziativa in programma sabato, nell'anniversario della sua nascita
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.