Bottiglia rotta
Bottiglia rotta
Cronaca

Ancora violenza e vandalismo giovanile a Barletta

Viviamo in una città violenta? Nessun allarmismo, ma serve una presa di coscienza

Ancora movida selvaggia e vandalismo. Ancora fiumi di alcool. Ancora droga. Ancora bullismo e violenza gratuita perpetrata da minorenni ai danni di altri minorenni. Ancora cittadini letteralmente esasperati e talvolta rassegnati a questo stato di cose, nonostante le ormai decine e decine di denunce presso gli organi preposti, le istituzioni, gli organi di stampa e sui vari gruppi social.

E a proposito di social, è di qualche giorno fa la denuncia divulgata sulla pagina di "Barlett e Avest" di un'altra violenta e gratuita aggressione in branco da parte di un gruppo di ragazzini ai danni di loro inermi coetanei il cui unico torto pare sia stato quello di "non avere sigarette". Teatro di cotanto degrado, manco a dirlo, il centro storico. Presa di posizione dei passanti di fronte a questa vergogna, manco a dirlo, inesistente.

"Barletta non è una città violenta" è stato detto ai massimi livelli istituzionali cittadini qualche settimana fa, in occasione di uno dei frequenti episodi di violenza riportati dalle cronache recenti.

Sia chiaro. Non è certo nostra intenzione affermare che la nostra città sia diventata una sorta di barrìo sudamericano, così come non siamo tanto superficiali da fare di tutta un erba un fascio. Ma siamo ben consapevoli che il compito del cronista è quello di raccontare i fatti, e i fatti purtroppo ci dicono che tra i giovani barlettani gli episodi di violenza, di vandalismo, o di "semplice" maleducazione stanno assumendo sempre più i contorni di una malata e perversa "normalità". Tutto ciò è facilmente riscontrabile leggendo le varie pagine Facebook dedicate alle sorti della nostra città, dove tra foto e video i cittadini documentano un vero e proprio campionario di nefandezze: dagli specchietti di un'ambulanza frantumati da due ragazzi evidentemente alticci, ai petardi fatti esplodere nei bidoncini della raccolta differenziata; dai danneggiamenti delle auto in coda con tanto di risatine in faccia al malcapitato automobilista di turno, fino alla battaglia a colpi di sacchi di spazzatura (documentata da un video) scatenatasi qualche notte fa nei pressi della Stazione dei Carabinieri. Per non parlare poi del danneggiamento dell'esterno di un locale di Via Duomo, il cui video ha fatto il giro del web, dove un paio di "minus habentes" hanno pensato di festeggiare Capodanno rompendo le statuette adiacenti l'ingresso principale.

Di questi esempi di gioventù allo sbando, da tempo denunciamo, inoltre, l'aspetto più degenere, pericoloso e inquietante. E qui ci vengono in mente i gravi episodi delle risse notturne presso i locali della movida, l'accoltellamento e la gambizzazione ai danni di due ragazzi incensurati avvenuti entrambi durante le recenti festività natalizie. Quanto poi all'ennesimo fermo di alcuni minorenni dediti all'attività di spaccio di sostanze stupefacenti, rischieremmo infine di essere monotoni e ripetitivi.

In conclusione. Sì, è vero. Barletta non è violenta e, vista la situazione di altre realtà a noi anche molto vicine, tutto sommato è una città ancora vivibile e accogliente, ma che da troppo tempo si sta cullando sugli allori di un non lontano passato. Un passato dove dopo i lussureggianti fasti di inizio secolo, tra un Bacardi Breezer tenendo i "piedi alle 12.15", e una Heineken da tenere in mano rigorosamente senza berla per non sembrare grossiér, il germe di una deriva civica fatta di pericolosi eccessi e di maleducazione è stato colpevolmente lasciato crescere fino ad assumere i contorni della realtà attuale.

Giusto non creare allarmismi quindi, ma è altrettanto giusto porre rimedio ad una situazione che sta via via diventando molto insidiosa.
  • Violenza
Altri contenuti a tema
Oltre 50 sedie rosse in piazza Moro per ricordare le vittime delle violenze Oltre 50 sedie rosse in piazza Moro per ricordare le vittime delle violenze Anche Barletta ha aderito alla campagna "Posto occupato!"
Centri antiviolenza, in arrivo quasi 4 milioni di euro nel 2021 Centri antiviolenza, in arrivo quasi 4 milioni di euro nel 2021 I numeri e i dati forniti dalla Regione Puglia
25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» 25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» «È necessario riflettere sulla condizione delle donne ed impegnarsi per un mondo del lavoro più equo»
Gli psicologi: «Quella psicologica è una violenza invisibile» Gli psicologi: «Quella psicologica è una violenza invisibile» Secondo l'Oms, nel mondo il 35% delle donne ha subito violenza
A Barletta palloncini rossi in volo nella giornata per l'eliminazione della violenza sulle donne A Barletta palloncini rossi in volo nella giornata per l'eliminazione della violenza sulle donne Saranno lanciati questo pomeriggio dalle mamme e operatrici della comunità Lamacchia
Episodi di violenza a Barletta, l'intervento del sindaco in consiglio comunale Episodi di violenza a Barletta, l'intervento del sindaco in consiglio comunale «Da domani ci sarà un presidio della polizia locale nel centro storico»
6 Allarme baby gang a Barletta: ora la misura è davvero colma Allarme baby gang a Barletta: ora la misura è davvero colma O si reagisce come comunità o siamo al punto di non ritorno
6 Brutale aggressione tra ragazzi nel centro storico di Barletta Brutale aggressione tra ragazzi nel centro storico di Barletta I giovanissimi aggressori, tra cui anche minorenni, hanno agito in gruppo
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.