Scempio nel parco regionale del Fiume Ofanto
Scempio nel parco regionale del Fiume Ofanto
Territorio

Ancora uno sfregio per il Parco Regionale del fiume Ofanto

Il professor Ruggiero Maria Dellisanti commenta la denuncia del nucleo di vigilanza IFAE

Copertoni lungo il corso del fiume Ofanto, non abbandonati per mera incuria e inciviltà, ma posizionati con il chiaro intento di incendiare alberi e vegetazione. È quanto denunciato dal nucleo di vigilanza ittico, faunistica e ambientale di Barletta: su questa notizia, che lascia l'amaro in bocca per la situazione di abbandono e degrado in cui versa un patrimonio ambientale che andrebbe tutelato, si è espresso il professor Ruggiero Maria Dellisanti.

«Dal maggio 2013 la gestione provvisoria del Parco Naturale Regionale "Fiume Ofanto" è stata affidata alla Provincia di Barletta Andria Trani e fino adesso è stato fatto poco o nulla per tutelare un territorio esteso per oltre 15 ettari e ricadente in 11 Comuni. Un territorio che racchiude oltre alle bellezze paesaggistiche e ambientali, anche un patrimonio storico, artistico e culturale. Un parco che potrebbe vivere autonomamente di luce propria per 360 giorni l'anno, se solo l'Ente gestore prendesse coscienza delle potenzialità inespresse dal territorio.

Buona parte del Parco comprende il sito d'Importanza Comunitaria IT9120011 Valle Ofanto — Lago di Capaciotti e verso il quale la Provincia è tenuta, su delega regionale, ad attivare gli strumenti di gestione del Parco Regionale quali: il Regolamento del Parco, il Piano Parco e il piano di gestione. Il piano doveva essere predisposto dall'Ente parco entro sei mesi dalla sua istituzione e successivamente adottato dalla regione entro i successivi quattro mesi, sentiti gli enti locali.

Ad oggi, dopo cinque anni, gli strumenti di gestione sono ancora tutti da istituire. Occorre recuperare il tempo perso e dotare il Parco degli strumenti di gestione allo scopo di poter disciplinare le attività consentite nel rispetto delle caratteristiche del territorio».
  • Fiume Ofanto
  • Ruggiero Maria Dellisanti
Altri contenuti a tema
Premio nazionale AlberoAndronico, vince una poesia del prof. Dellisanti Premio nazionale AlberoAndronico, vince una poesia del prof. Dellisanti Premiata l'opera "Magliette rosse" nella sezione "Ambiente e territorio"
Zone umide, aderisce anche il circolo Legambiente di Barletta Zone umide, aderisce anche il circolo Legambiente di Barletta Iniziative previste in tutta la Puglia: passeggiate, visite guidate e birdwatching
Fiume Ofanto, la Polizia municipale di Barletta prosegue il monitoraggio Fiume Ofanto, la Polizia municipale di Barletta prosegue il monitoraggio Questa mattina il fiume ha raggiunto il livello di metri 5,70
Esondato il fiume Ofanto, acqua e fango nelle campagne Esondato il fiume Ofanto, acqua e fango nelle campagne Non c'è pericolo per le città: sul posto anche i Vigili del Fuoco di Barletta
1 Parco del fiume Ofanto, il senatore Quarto chiede un immediato intervento Parco del fiume Ofanto, il senatore Quarto chiede un immediato intervento «È stato fatto poco o nulla per tutelare un territorio che racchiude bellezze paesaggistiche e patrimonio storico»
3 Erosione delle coste, cose ne pensano i candidati sindaco di Barletta? Erosione delle coste, cose ne pensano i candidati sindaco di Barletta? L'interrogativo sollevato dal professor Ruggiero Maria Dellisanti
Piano comunale delle coste di Barletta, approfondimento del geologo Dellisanti Piano comunale delle coste di Barletta, approfondimento del geologo Dellisanti Una riflessione tecnica con lo sguardo rivolto al futuro sviluppo turistico
Fiume Ofanto bene comune, un convegno tra Canosa e Canne della Battaglia Fiume Ofanto bene comune, un convegno tra Canosa e Canne della Battaglia I musei archeologici riconosciuti come “porte del Parco dell’Ofanto”
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.