Alla Caritas Barletta un nuovo furgone per la raccolta degli alimenti
Alla Caritas Barletta un nuovo furgone per la raccolta degli alimenti
La città

Alcolisti senza tetto, un problema reale a Barletta

Il responsabile della Caritas Lorenzo Chieppa: «Chiediamo la convocazione di un tavolo permanente con ASL, Prefettura e Servizi Sociali»

Farmacie poco sicure nei turni notturni: la segnalazione pubblicata questa mattina sulle nostre pagine viene commentata dal responsabile della Caritas di Barletta Lorenzo Chieppa, che conosce bene questa problematica grazie al costante monitoraggio del territorio anche tramite le operose Unità di Strada della Caritas.
«Leggo con grande preoccupazione l'articolo della farmacista, che evidenzia sostanzialmente una situazione di grave pericolo a cui ogni giorno va incontro appunto la categoria da Lei rappresentata - scrive Chieppa - Purtroppo la situazione ha raggiunto un limite di grande preoccupazione, Caritas Barletta rappresenta da anni la gravità del problema, non c'è momento che io personalmente non lo denunci, quello degli alcolisti-senza-tetto è una categoria "del disagio" che investe sia la sfera della solidarietà, nel momento del soccorso, che quella sanitaria nel momento dell'anamnesi del disagio stesso con conseguente ricorso alle cure.

Oggi purtroppo devo riscontrare un ulteriore problematica, quella dell'ordine pubblico: fa bene la farmacista ad appellarsi alla città affinché non si renda suo malgrado partecipe, appunto attraverso l'elemosina che si trasforma in alcol fornito inconsapevolmente dagli esercenti pubblici.

Noi pensiamo che il problema dell'alcolismo a Barletta sia molto più ampio e ovviamente riflette ampi settori, in primis quello sanitario, ma soprattutto quello istituzionale ed è per questo che ancora oggi, chiediamo la convocazione di un tavolo permanente in cui ASL, Prefettura, Caritas e Servizi Sociali concordano un protocollo operativo, volto a sanare e risolvere definitivamente il fenomeno attraverso il recupero della Persona con un piano particolareggiato che preveda l'inserimento in strutture specializzate dopo il primo soccorso a cura del Volontariato.

Non c'è più tempo da perdere - conclude Chieppa - ora è la società civile che lo chiede e la nostra preoccupazione monta anche in prossimità della stagione invernale, Loro sono una categoria a rischio e nelle fredde serate di gennaio quando le temperature scendono sono i primi a rimetterci la vita, purtroppo nella nostra città ben tre individui hanno seguito questa triste sorte».
  • Situazione di pericolo
  • Caritas
Altri contenuti a tema
Esplosione in via Boggiano, paura per i residenti Esplosione in via Boggiano, paura per i residenti Sventrate le pareti di un vano tecnico a ridosso delle abitazioni
La Caritas di Barletta al fianco dei più bisognosi anche durante la festa patronale La Caritas di Barletta al fianco dei più bisognosi anche durante la festa patronale Le parole dei volontari
1 «Non potrò cancellare il terrore che ho provato», la lettera dopo il ferimento dell’operatrice Bar.S.A. «Non potrò cancellare il terrore che ho provato», la lettera dopo il ferimento dell’operatrice Bar.S.A. Nella busta c'erano garze usate e più di 30 siringhe senza cappuccio di protezione
7 Siringhe sporche di sangue tra i rifiuti, ferita operatrice Bar.S.A. Siringhe sporche di sangue tra i rifiuti, ferita operatrice Bar.S.A. Visibilmente scossa, la dipendente è sotto osservazione in ospedale: attivati protocolli sanitari di profilassi
Tragedia evitata nel mare di Barletta, salvato 65enne in difficoltà Tragedia evitata nel mare di Barletta, salvato 65enne in difficoltà È accaduto questa mattina, nelle acque antistanti il lido "ANMI"
Chiusura hub vaccinale, i ringraziamenti di Caritas Barletta Chiusura hub vaccinale, i ringraziamenti di Caritas Barletta «È stata garantita copertura vaccinale ad oltre 1.200 tra senza tetto, ambulanti e cosiddetti "invisibili"»
Violenza e criminalità, cosa ne pensano i giovani barlettani? Violenza e criminalità, cosa ne pensano i giovani barlettani? «Viviamo una vita di timore, ansia e preoccupazione ed abbiamo paura anche ad uscire»
Emergenza Ucraina, dalla Caritas le indicazioni per l'accoglienza Emergenza Ucraina, dalla Caritas le indicazioni per l'accoglienza «Bisogna far fronte ai bisogni immediati, ma anche dare ascolto e sostegno psicologico alla popolazione sconvolta dalla follia della guerra»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.