Pasquale Ventura. <span>Foto Mario Sculco</span>
Pasquale Ventura. Foto Mario Sculco
Cronaca

Agguato a Pasquale Ventura, pene ridotte per i tre condannati

Il reato contestato ora sarebbe di tentate lesioni aggravate, e non più tentato omicidio

Pene ridotte in appello per i tre imputati condannati per la sparatoria del 20 gennaio 2015, avvenuta in Via Firenze, ai danni del consigliere comunale barlettano Pasquale Ventura. La Corte d'Appello di Bari ha riqualificato il reato di tentato omicidio in quello meno grave di tentate lesioni aggravate: il capogruppo del Partito Democratico riuscì, infatti, a schivare i due colpi di pistola sparati. Che secondo la difesa non furono destinati ad organi vitali perchè esplosi dall'alto verso il basso, cioè verso le gambe.

Tornano peraltro in libertà Giacomo Lanotte, 35 anni di Barletta, ed il 31enne albanese Igli Kamberi che, proprio in virtù della riqualificazione del reato, hanno visto ridurre la pena da 8 anni di reclusione a 3 anni e 4 mesi e 4.000 euro di multa. Rideterminata al ribasso anche la pena inflitta ad Artan Belliu, 56 anni albanese, condannato in primo grado a 6 anni ed 8 mesi di reclusione: per il pm tranese Mirella Conticelli sarebbe stato l'intermediario tra i due sparatori e Concetta Di Matteo, moglie di Ventura che avrebbe ordito la sparatoria per motivi personali col costo di 20mila euro. Di Matteo ed il presunto favoreggiatore Gennaro Rociola sono, invece, ancora a processo davanti al Tribunale di Trani. A differenza degli altri tre imputati non optarono per il rito abbreviato che fu celebrato dinanzi al giudice per l'udienza preliminare Angela Schiralli.

Tornado alla sentenza di secondo grado, la Corte barese ha revocato "le statuizioni civili del giudizio di primo grado a seguito della revoca della costituzione di parte civile".
  • Tentato omicidio
  • Sparatoria
Altri contenuti a tema
1 Damiani: «Addolorato per la morte del giovane marito e padre di due bambine» Damiani: «Addolorato per la morte del giovane marito e padre di due bambine» «Il terzo fatto di sangue in meno di tre mesi, inaccettabile»
Ucciso da colpi di pistola il titolare del bar in via Rionero Ucciso da colpi di pistola il titolare del bar in via Rionero La sparatoria avvenuta nel quartiere Borgovilla: si indaga sulle motivazioni
1 Sparatoria in via Rionero, alla periferia di Barletta Sparatoria in via Rionero, alla periferia di Barletta Nella sparatoria ha perso la vita il titolare del bar
Agguato in periferia, ferito un uomo Agguato in periferia, ferito un uomo Gli aggressori sarebbero fuggiti a bordo di un fuoristrada nero
Sparato in pieno centro a Margherita di Savoia, muore 26enne Sparato in pieno centro a Margherita di Savoia, muore 26enne Il giovane era stato arrestato per la gambizzazione di un uomo a Barletta
Ferì un pregiudicato a Barletta, la sentenza di appello: non fu tentato omicidio Ferì un pregiudicato a Barletta, la sentenza di appello: non fu tentato omicidio A sparare nel suo garage fu Luigi Piccolo con l'intento di allontanare Luigi Lombardi e Luigi Marchisella, accusati di tentata estorsione
Spari a Barletta, ferito agli arti un trentenne pregiudicato Spari a Barletta, ferito agli arti un trentenne pregiudicato Ascoltato dagli agenti della Polizia di Stato, il trentenne si è mostrato poco collaborativo
Sparatoria in via Callano a Barletta, ferito un uomo Sparatoria in via Callano a Barletta, ferito un uomo Si indaga sulla ricostruzione dell'accaduto
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.