Ulivo
Ulivo
Territorio

Abbattuti 240 ulivi per far posto ad un piazzale: "Il silenzio delle istituzioni cittadine ci indigna e ci addolora"

L'intervento di protesta del Comitato Bene Comune di Trani

240 alberi di ulivi sono stati estirpati in questi giorni a Trani, sulla strada che collega Trani a Barletta, per fare spazio alla realizzazione di un piazzale da destinare a deposito di materiali per l'azienda che ne ha fatto richiesta. Nel silenzio generale, non certo dovuto al lock down, solo il Comitato Bene Comune di Trani fa sentire la sua indignazione.

"Un atto compiuto nel silenzio del Comune tranese - si legge in una nota del Comitato - che, nei 30 giorni dalla presentazione della segnalazione certificata di inizio attività da parte della suddetta azienda, non ha espresso alcuna comunicazione contraria, lasciando dunque che la Regione desse l'autorizzazione all'estirpazione sulla base del presupposto che gli ulivi in questione non avrebbero il carattere di monumentalità a cui la legge regionale accorda tutela.

Noi però non possiamo fare a meno di chiederci se, a prescindere dalla monumentalità o meno degli ulivi, sia giusto e opportuno distruggere un pezzo di patrimonio così prezioso per la tutela ambientale, ecologica e della salute, per fare spazio ad ulteriore cemento che già così tanto soffoca le nostre città.

Non si fa che parlare ormai da tempo della necessità di contrastare i cambiamenti climatici, il consumo di suolo e l'inquinamento; di andare insomma verso una vera e propria conversione ecologica che tuteli non solo la nostra salute ma la stessa sopravvivenza del pianeta.

Ed è noto quanto il verde e gli alberi siano importanti nell'equilibrio dell'ecosistema. Gli alberi assorbono Co2 mitigando così l'effetto serra, catturano polveri sottili ed eliminano smog svolgendo dunque una funzione di depurazione naturale dell'aria, contribuiscono a migliorare il microclima contenendo l'aumento delle temperature d'estate e mitigando i venti più freddi d'inverno, proteggono il suolo, preservano la biodiversità, ed altro ancora.

Si dovrebbero piantare tanti alberi dunque. E se abbatterne uno è un peccato, abbatterne 240 è un crimine che nessuna ragione, neanche di carattere economico, può giustificare.

Dov'è l'amministrazione di Trani, che ha proclamato nelle sue linee programmatiche di voler promuovere una trasformazione della nostra città nel solco della c.d. "Ecologia urbana", di fronte a questo attentato ecologico? E dove sono i consiglieri di maggioranza e di opposizione che le hanno approvate? Il silenzio delle istituzioni cittadine di fronte a questo scempio ci indigna e ci addolora".
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
Centri di raccolta a Barletta, l'opposizione: «Il sindaco ha ammesso di dover tornare sui propri passi» Centri di raccolta a Barletta, l'opposizione: «Il sindaco ha ammesso di dover tornare sui propri passi» La nota delle forze di minoranza: «Non resteremo a guardare, ma proseguiremo la nostra azione di monitoraggio»
3 Centro di raccolta in zona 167, i residenti: «Cannito ha un’idea personalissima di coerenza» Centro di raccolta in zona 167, i residenti: «Cannito ha un’idea personalissima di coerenza» Il Comitato di quartiere replica all'intervento del sindaco
7 Nuovo centro di raccolta a Barletta, Cannito: «Sarà portato a compimento» Nuovo centro di raccolta a Barletta, Cannito: «Sarà portato a compimento» «I cittadini non devono temere di ritrovarsi con un immondezzaio sotto casa»
Centro di raccolta in zona 167, torna la discussione in Consiglio comunale Centro di raccolta in zona 167, torna la discussione in Consiglio comunale L'assise cittadina ne parlerà il prossimo 18 marzo
Centro di raccolta a Barletta, i residenti della zona 167 attendono il confronto Centro di raccolta a Barletta, i residenti della zona 167 attendono il confronto «Nessun confronto pubblico con i cittadini»
Bar.S.A., da oggi in azione le nuove auto aziendali Bar.S.A., da oggi in azione le nuove auto aziendali Mezzi migliori e con minore impatto ambientale, Cianci: «Maggiore efficienza sempre»
1 Plogging: quando lo sport, l'ambientalismo e il panorama si incontrano Plogging: quando lo sport, l'ambientalismo e il panorama si incontrano È la nuova frontiera dello sport, che mette insieme attenzione per l’ambiente ed attività fisica
1 Revoca adozione area verde in via Tatò, si riunisce la Commissione ambiente Revoca adozione area verde in via Tatò, si riunisce la Commissione ambiente Convocazione per chiarimenti, rigorosamente online per le norme anti Covid
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.