Canne della battaglia
Canne della battaglia
Territorio

A Canne della Battaglia togli gli uliveti e metti il fotovoltaico

Cambia il paesaggio agrario ad un anno dalla deperimetrazione

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da parte di Nino Vinella, presidente Comitato italiano pro Canne della Battaglia

«Nelle campagne di Canne della Battaglia, dopo l'espianto degli oliveti, adesso spunta anche un impianto fotovoltaico di prossima installazione: cambia così il paesaggio agrario ad appena un anno dalla deperimetrazione del parco regionale del fiume Ofanto. In prossimità della località "Boccuta", a poche centinaia di metri dal santuario dedicato al patrono di Barletta, San Ruggero vescovo di Canne, e subito dopo l'accesso alla strada che vi conduce dopo il bivio dalla Provinciale 21 (ex 142), un intero fondo agricolo grande alcuni ettari è stato recintato nelle scorse settimane da una rete arancione. Campeggia verso la strada un cartello che annuncia la prossima, ormai imminente costruzione di un impianto fotovoltaico da parte di una Ditta per un importo appena leggibile di quarantamila euro. In aggiunta, solo qualche altra scarna indicazione, tipo: data dell'autorizzazione (ma di chi?), l'impresa del Nord realizzatrice (reperibile solo su internet), l'indirizzo a Barletta dove richiedere più notizie (ma perché?)».

«Cambia abbastanza velocemente così il paesaggio agrario nell'area cannense: solo qualche settimana fa avevamo segnalato quella che, un tempo conosciuta infatti come "la strada panoramica dei sepolcreti", costruita dalla Provincia di Bari per facilitare i collegamenti ad uso agricolo e d'interesse turistico atti a favorire la visitabilità del celebre sito archeologico verso la Cittadella, arteria certo suggestiva per il paesaggio conservatosi a destra ed a sinistra, oggi si è trasformata in un'area dove si lavora (anche nottetempo) su estese superfici per pianificare scientificamente (e non senza esborso di denaro vero per decine e decine di migliaia di euro) la trasformazione delle colture».

«Infatti, un anno fa, Nichi Vendola promulgava come Presidente della Regione la legge regionale n. 7 del 16 marzo 2009 che riperimetrava i confini del Parco dell'Ofanto dopo una raffica di proteste degli agricoltori culminate, a Barletta, nella delibera del Consiglio Comunale di Barletta che "tagliava" ben tremila ettari dalla precedente superficie riducendola drasticamente specie nell'area dal fiume verso l'agro di Canne della Battaglia. Esattamente un anno dopo, allertati da diverse segnalazioni di comuni cittadini al nostro Comitato, abbiamo voluto percorrere chilometro dopo chilometro la provinciale 21 (ex 142) dall'innesto della statale 93, la strada che segna la linea di demarcazione (sulla carta) al confine sud del Parco: appena superata la storica masseria seicentesca di Antenisi, avevamo assistito ad uno spettacolo continuo di pale meccaniche e di ruspe al lavoro per sbancare gli antichi uliveti e molto probabilmente sostituirli con vigneti ritenuti attualmente più remunerativi nella logica di mercato. Quasi che tutti gli "addetti ai lavori" si fossero messi d'accordo per "festeggiare" in questo modo il primo compleanno di una legge mai tanto discussa ed altrettanto discutibile in rapporto alle reali esigenze di un territorio che oggi viene assoggettato ad una sistematica operazione di alterazione del paesaggio che richiede coraggiosamente la riapertura del dibattito su larga scala».

«Purtroppo, volendo riproporre una gita turistica in questo desolato scenario, oggi come oggi al visitatore bisognerebbe solo mostrare ettari ed ettari di nudo terreno dove, una volta eliminati e cancellati gli ulivi simbolo della colture mediterranea più antica (ancora visibili solo da Google satellitare con vedute ahimé considerabili d'archivio storico), si riesce solo da intuire dagli "scassi" e dagli sbancamenti in atto, come lo scavo di trincee assai vistoso e profondo, che prossimamente su questo schermo andrà in onda il film di nuovi tendoni per uva da tavola e da vino: chissà mai con quali registi e con quale finale di partita».
4 fotoA Canne metti il fotovoltaico
A Canne metti il fotovoltaicoA Canne metti il fotovoltaicoA Canne metti il fotovoltaicoA Canne metti il fotovoltaico
  • Canne della battaglia
  • Ambiente
  • Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia
  • Salvaguardia ambientale
Altri contenuti a tema
Chiuse e trattate come discariche, le grotte di Minervino Murge finiscono nell'oblio Chiuse e trattate come discariche, le grotte di Minervino Murge finiscono nell'oblio Dellisanti: «Potrebbero rappresentare fonte di attrazione per il turismo speleologico»
"Spezza il retino", evento per sensibilizzare i bambini al rispetto degli animali marini "Spezza il retino", evento per sensibilizzare i bambini al rispetto degli animali marini Si terrà sabato mattina presso il lido Tropicana White Beach
Volontari dell’associazione Ekoclub puliscono la spiaggia di Ponente Volontari dell’associazione Ekoclub puliscono la spiaggia di Ponente Il fatto risale al 25 maggio nell’ambito della giornata ecologica
Accordo di programma per l’adozione di misure sulla qualità dell’aria in Puglia Accordo di programma per l’adozione di misure sulla qualità dell’aria in Puglia Previsto un finanziamento di 4 milioni di euro
Festeggiamenti in onore della Madonna di Canne e San Ruggero Festeggiamenti in onore della Madonna di Canne e San Ruggero Fedeli giunti numerosi a Canne della Battaglia nella giornata di ieri
Rinaldo Pinto è l'ambasciatore del Patto Europeo per il clima: la cerimonia e la targa Rinaldo Pinto è l'ambasciatore del Patto Europeo per il clima: la cerimonia e la targa Premiato il giovane cittadino barlettano dal Comune di Barletta
Pasqua e Pasquetta di cultura in Puglia Pasqua e Pasquetta di cultura in Puglia Sarà aperto anche il Parco archeologico di Canne della Battaglia
Laboratorio sul riciclo per gli alunni di Barletta Laboratorio sul riciclo per gli alunni di Barletta L'iniziativa è stata svolta in collaborazione con associazione Scartoff
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.