Giulio Regeni
Giulio Regeni

Un anno senza Giulio Regeni

La riflessione di un giovane barlettano

«Il 25 gennaio segna una data importante per l'Italia, la giovane Italia. Giulio era un ragazzo come me, come ogni altro appassionato studente italiano, che aveva preso la dura decisione di allontanarsi dalla propria famiglia e dal proprio paese per poter costruire un futuro tutto suo, radioso, concreto, dignitoso. Per farlo aveva raccolto l'ennesima sfida tra le sfide, una ricerca che lo metteva nelle condizioni di toccare con mano una realtà che voleva comprendere e spiegare al mondo.

Voleva capire la realtà. Quella "piccola", seppur letale, realtà Egiziana. Ma la realtà è atroce, e ben presto quegli uomini che dalla realtà, dalla vergogna, dal disonore, sono braccati, fanno della loro paura un movente. Così Giulio è stato sacrificato sull'altare del patriottismo, mentre a dilaniarne le carni era il pugnale dell'infamia. E' questo che un ricercatore fa: cerca. E per questo Giulio è stato torturato, ucciso e umiliato attraverso ogni tipo di bugia e sotterfugio. Forse è bene che ognuno di noi decida, per rispetto alla memoria di questa e di tante altre persone che sono andate via, di diventare a nostra volta ricercatori: Cercatori di Verità. Il mondo ha le sue cruente meccaniche, questo lo sappiamo tutti, e nessuno ne è escluso, ma la differenza tra noi esseri umani e le mansuete bestie che attendono il macello sta nel senso dell'onore, nella continua ricerca di una dignità per noi e nel riconoscimento di quella per gli altri. Stiamo dimenticando che siamo uomini e donne di questo mondo. E che prima di essere i protagonisti della nostra vita, siamo le comparse di un palcoscenico chiamato "Mondo", tutti uguali e tutti diversi. Così ognuno di noi viene toccato da questo ennesimo evento di barbarie e ignominia, anche se non ne sente gli effetti sulla loro pelle, anche se non ha avuto dei pugni in faccia, anche se non gli sono state strappate le unghie, perchè ha suscitato le paure di questo o quel potente. Malgrado tutto ciò possa accadere a qualcun altro, è questo il peso che viene dato alla dignità di un uomo o di una donna, che come nella brutale economia perde valore ad ogni attimo che passa, ad ogni evento che rafforza l'abominevole conclusione che il potere e i soldi possano fare da scudo ad ogni gesto disumano.

Così, ogni 25 gennaio, è come se avessero rapito ognuno di noi, le nostre speranze di poter vivere in un mondo migliore, dove la verità non è una macchia indelebile da coprire col sangue di chi vuole capire. Perché Giulio era un giovane come ogni altro giovane del mondo, di questo mondo così diviso eppure così indissolubilmente legato, un giovane che voleva solo e unicamente capire quel mondo che aveva d'avanti».

Vincenzo Sfregola
  • Guerra
Altri contenuti a tema
Associazioni di Barletta e dintorni in presidio contro l’occupazione turca Associazioni di Barletta e dintorni in presidio contro l’occupazione turca Oggi alle ore 18.30 in piazza Caduti nella giornata di mobilitazione internazionale per il Rojava
1 “La Brigata Barletta” 100 anni dopo: un incontro per celebrare i Caduti “La Brigata Barletta” 100 anni dopo: un incontro per celebrare i Caduti L’evento è organizzato dalla sezione cittadina dell’ANCR in stretta collaborazione con l’ANMIG
1 Vincenzo Palmieri e Domenico Senatore, doppia intitolazione per le vie di Barletta Vincenzo Palmieri e Domenico Senatore, doppia intitolazione per le vie di Barletta Le storie dell'Aviere pluridecorato, ex dipendente comunale e del Tenente Colonnello dell’aeronautica
4 Da Kobane a Raqqa, a Barletta due attivisti kurdi Da Kobane a Raqqa, a Barletta due attivisti kurdi Saranno ospiti del Collettivo Exit per un dibattito sulla Rivoluzione del Rojava
Francesco Conteduca, una lapide per non dimenticare Francesco Conteduca, una lapide per non dimenticare L'onore al cannoniere barlettano dalla sua città natale
La resistenza delle donne kurde, se ne parla a Barletta La resistenza delle donne kurde, se ne parla a Barletta Un dibattito promosso dal Collettivo Exit
Barletta ricorda la Grande Guerra, «occasione di riflessione e omaggio» Barletta ricorda la Grande Guerra, «occasione di riflessione e omaggio» Una nota del sindaco Cascella, sul filo del ricordo per la Festa della Repubblica
Conflitto in Siria e Turchia, se ne parla all'istituto "Archimede" Conflitto in Siria e Turchia, se ne parla all'istituto "Archimede" Alla conferenza saranno presenti Garip Siyabend Dunen e Alessandro Zagaria
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.