Alcool
Alcool

Stop alla vendita di alcool! I giovani non ci stanno

La giunta Maffei dice basta!

Un fenomeno molto preoccupante è quello dell'avvicinamento all'alcool da parte dei più giovani che va inconsapevolmente trasformandosi in una pericolosa dipendenza al pari dell'assuefazione alla droga. Gli effetti dell'alcool sull'organismo umano sono ben noti, ma la sua diffusione rimane costante. Negli ultimi anni il consumo di alcolici è lievitato in maniera vertiginosa; i pub, costantemente affollati da giovani di ogni età fanno affari d'oro. Si va sempre più diffondendo la tipica usanza di riunirsi la sera in tali locali, per discutere del più e del meno mentre si provano sempre nuove marche di birra. Abbassata la soglia di vigilanza, l'incidente è assicurato.

La giunta Maffei dice basta! La seconda ordinanza emanata dalla giunta ha la finalità di allontanare i giovanissimi dall'alcool vietandone la somministrazione, la vendita, la cessione anche a titolo gratuito pena l'applicazione della sanzione fino ad un massimo di 500 euro per il consumatore e per l'esercente la chiusura dell'esercizio fino a tre giorni lavorativi.

I ragazzi, convinti di essere più forti di quel bicchiere non ci stanno, non si lasciano intimorire. Non è semplice cancellare un'abitudine, quantomeno con un divieto. Cercheranno di evaderla ad ogni costo, per loro non rispettare le regole è sinonimo di libertà.

E' il fascino del proibito.

Troveranno ogni escamotage per raggirare l'ordinanza e riusciranno ad arrivare a quell'ambito bicchiere che ancora una volta riuscirà a scatenare una strage.

Non sarà un divieto ad allontanare i ragazzi da quel killer, piuttosto, andrebbe attivata un'azione rieducativa per tutti coloro che sostengono che bere faccia bene, per tutti coloro che credono che in una giornata fredda un buon bicchiere di brandy o della nostra grappa D.O.C. riscaldi il cuore, per tutti coloro che sono abituati a bere degli aperitivi (naturalmente alcolici) durante la giornata così, tanto per gradire. Ci si ritrova alcolizzati senza accorgersene.

Cominciamo a debellare quelle cattive abitudini radicate da tempo nelle famiglie italiane così che le prossime generazioni non siano abituate a bere dalla nascita!
  • InformaGiovani
  • Giovani e adolescenti
Altri contenuti a tema
Due ragazzi di Barletta alla Giornata Mondiale della Gioventù 2019 Due ragazzi di Barletta alla Giornata Mondiale della Gioventù 2019 Nella delegazione diocesana anche il responsabile della pastorale giovanile don Claudio Maino
Servizio civile nazionale, approvati due progetti per Barletta Servizio civile nazionale, approvati due progetti per Barletta “Bridge” e “Reading is cool”, per ragazzi di età compresa tra i 18 e i 28 anni
4 Sottovia Pertini, si "gioca" al lancio della bicicletta Sottovia Pertini, si "gioca" al lancio della bicicletta I colpevoli del gesto sono stati ripresi e il video da stamane gira sui social network
1 Il verde pubblico di Barletta tra degrado e vandalismi Il verde pubblico di Barletta tra degrado e vandalismi «Un'area verde per i piccoli rimasta da tempo nell'incuria è di recente ostaggio di baby-vandali»
L'adolescente e i suoi universi relazionali, un convegno a Palazzo della Marra L'adolescente e i suoi universi relazionali, un convegno a Palazzo della Marra La famiglia, il mondo dei coetanei e degli adulti svolgono ruoli fondamentali nella fase dell'adolescenza
6 Il Bonus assunzione giovani 2018 per favorire l'occupazione Il Bonus assunzione giovani 2018 per favorire l'occupazione Il nuovo incentivo occupazionale è rivolto ai datori di lavoro per nuove assunzioni a tempo indeterminato
Formazione professionale per i giornalisti, si parla di minori e social Formazione professionale per i giornalisti, si parla di minori e social Relatrice la giornalista di BarlettaViva Ida Vinella
6 «Schiamazzi notturni, non ne possiamo più» «Schiamazzi notturni, non ne possiamo più» Urla di ragazzi nei pressi del Parco dell'Umanità: la denuncia di un lettore
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.