Paziente
Paziente

Covid, il dottor Barbaro: «Pensiamo che uno di questi pazienti possa essere un nostro caro»

La riflessione del giovane medico barlettano

«Sabato mattina durante la pandemia Covid-19. Accendi la tv. I telegiornali continuano a parlare dei casi di pazienti Covid-19 che continuano a crescere a vista d'occhio in tutto il mondo, di pari passo con i nuovi ricoveri nei vari reparti ospedalieri e dei deceduti». Inizia così la riflessione che il dottor Stefano Barbaro, cittadino barlettano in servizio presso la rianimazione del policlinico di Bari, ha voluto condividere con la nostra redazione.

«Ti rechi a fare un po' di spesa, e non fai a meno di notare che molti degli operatori indossano la "famosa" mascherina, ma non correttamente (con naso scoperto per esempio, quindi inutile averla indossata), altri, completamente sprovveduti. Torni a casa passando davanti ad una delle piazze della tua città, una che fino a poco tempo fa era una delle più frequentate, e non fai a meno di notare che nonostante il momento particolare e le numerose restrizioni, gli stessi ragazzini che si ritrovavano lì in tempi di pace, lo fanno tutt'oggi come se nulla fosse.

E poi pensi a quando noi sanitari eravamo chiamati eroi. Pensi alla ragazza deceduta a Barletta nei giorni scorsi perché a quanto pare i sanitari erano impegnati con le altre decine di ammalati che giungevano in ospedale. Pensi a tutti i malati Covid ricoverati nei nostri nosocomi, e a quelli chiusi in casa con difficoltà a reperire assistenza o anche un semplice tampone.

Pensi a tutti i pazienti che a causa di questa emergenza stanno rinviando le loro visite mediche specialistiche. Pensi al fatto che uscire di casa per fare una passeggiata, partire per un viaggio, rivedere parenti e amici, sia diventato tutto così strano e complicato. E pensi che tra qualche ora avrai turno nel tuo reparto Covid, non come eroe, ma come sanitario che svolge il proprio lavoro.

Pensiamo che uno di questi pazienti possa essere un nostro caro. Sicuramente nessuno di noi si augura ciò. Rallentiamo il contagio, comportiamoci come persone civili e seguiamo le regole».
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1453 contenuti
Altri contenuti a tema
In Puglia 1.155 nuovi casi di Covid in 24 ore In Puglia 1.155 nuovi casi di Covid in 24 ore Sono 74 quelli registrati nella provincia Bat
Barletta, no alla vendita delle bevande alcoliche dopo le 18 Barletta, no alla vendita delle bevande alcoliche dopo le 18 Ad essere interessati dalle nuove restrizioni anche i negozi di generi alimentari
Covid, anche nella Bat è stata avviata la campagna vaccinale per i Vigili del fuoco Covid, anche nella Bat è stata avviata la campagna vaccinale per i Vigili del fuoco Fp Cgil Bat: “Soccorritori che ogni giorno rischiano il contagio”. Il 2 marzo è cominciata la somministrazione
1 Nella provincia Bat altri 110 contagi da Covid-19 Nella provincia Bat altri 110 contagi da Covid-19 Sono stati 1.483 i nuovi casi registrati in Puglia
Covid, a Barletta nuove restrizioni per contenere la curva dei contagi Covid, a Barletta nuove restrizioni per contenere la curva dei contagi I provvedimenti in vigore da oggi fino al 6 aprile
1 Vaccini Covid, in Puglia accordo con i medici di medicina generale Vaccini Covid, in Puglia accordo con i medici di medicina generale Lopalco: «Fino alla fine del mese potremo completare la vaccinazione degli ultraottantenni»
Ancora zona gialla per la Puglia, l’Rt resta inferiore 1 Ancora zona gialla per la Puglia, l’Rt resta inferiore 1 La decisione del ministero della Salute
Covid-19, sono 485 i barlettani attualmente positivi Covid-19, sono 485 i barlettani attualmente positivi L'indice Rt in Italia aumenta ma la Puglia dovrebbe rimanere gialla
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.