Gennaro Delvecchio
Gennaro Delvecchio
Calcio

Delvecchio: «La società ha rispettato i piani, organico completo e attrezzato»

Il dt biancorosso promuove il calciomercato del Barletta

Le offerte respinte per Liverani, Fall, Venitucci e De Rose, il "testa a testa" per Ingretolli, il lavoro per il futuro: l'ultimo giorno del calciomercato invernale 2015 in casa Barletta ha regalato tanti spunti e racconti. Tra questi spicca quello di Gennaro Delvecchio, responsabile dell'area tecnica biancorossa, al suo primo mese di mercato completo (era arrivato in agosto) da dt: ecco il suo bilancio raccolto nei salotti dell'Ata Hotel Executive dai microfoni di BarlettaViva.

Gennaro Delvecchio, partiamo dagli obiettivi rispettati: la conferma dei pezzi pregiati e il completamento dell'organico.
«La società ha rispettato i piani stabiliti, ha rispettato ciò che questa piazza merita, nonostante delle offerte anche abbastanza importanti per alcuni giocatori. Alla fine parlano i fatti e la squadra è rimasta così come tutti i tifosi del Barletta volevano».

E' risaputo che le sirene dell'ultimo giorno di trattative sono difficili da respingere: c'è stata un'offerta pesante per un calciatore in particolare?
«Proposte ce ne sono state, naturalmente ci siamo resi conto dell'importanza dei nostri giocatori per i nostri programmi finali e siamo stati bravi a resistere senza farci prendere per la gola».

Lunga la trattativa che ha condotto a Ingretolli: qual è stata la molla determinante?
«Questo è un calciatore che 10 giorni fa stava finendo al Trapani: poi il Pescara ha trovato l'accordo con la Torres, e dopo i problemi emersi nella trattativa con i sardi, dal momento in cui c'era una promessa verbale con il Barletta, abbiamo lottato con la concorrenza del Melfi e alla lunga, con tenacia, siamo stati bravi a portarla a casa. Lui voleva Barletta».

Velocci è stato un arrivo che ha spiazzato in molti: come si è sviluppata la trattativa?
«Velocci è un calciatore sul quale l'allenatore della Primavera del Genoa Liverani puntava tanto, ha anche fatto qualche amichevole in pre-campionato con la prima squadra. Se ne parlava molto bene anche tre-quattro anni fa, poi non ha avuto la crescita che ci si attendeva, ma crediamo in lui. E' un giovane di prospettiva, come ne abbiamo altri, e questo testimonia la nostra progettualità: dovremo lavorarci un pò, ma se capiremo che ha delle qualità importanti abbiamo un accordo con il Genoa per il quale potrà diventare nostro a giugno».

La conferma dei big è anche un messaggio all'ambiente e ai calciatori stessi a tenere alta la tensione a partire dalla sfida di domenica contro la Reggina?
«Credo che domenica abbiamo la partita più difficile del campionato: arriva una squadra ostica, che ha battuto il Lecce e che ha un obiettivo nella testa, quello di raggiungere almeno i playout: verranno a Barletta determinati e combattendo sul campo».

Otto mesi fa eri in campo, ora hai vissuto il primo calciomercato intero da dirigente: cosa cambia?
«Mi sembra di non giocare più da 10 anni (ride, ndr). Sei mesi fa giocavo a Bari, e devo dire che rispetto alla carriera da calciatore cambiano le emozioni e le responsabilità. Ora è cambiato tutto: sono orgoglioso di quello che faccio perchè lavoro per la mia città, nel luogo in cui sono cresciuto e mi sono formato, e metto la mia esperienza a disposizione di tutti coloro che lavorano nel Barletta Calcio, sperando grazie alla mia tenacia di raggiungere l'obiettivo-salvezza quanto prima possibile. Tutto quello che faccio a Barletta per me ha un sapore particolare».
(Twitter: @GuerraLuca88)
  • SS Barletta Calcio
  • Calcio
  • Intervista
  • calciomercato
  • Gennaro Delvecchio
Altri contenuti a tema
Un pezzo di Barletta in Serie B: Gennaro Delvecchio ds del Cosenza Un pezzo di Barletta in Serie B: Gennaro Delvecchio ds del Cosenza Nuova avventura per il dirigente barlettano
Claudio Cassano veste ancora l'azzurro Claudio Cassano veste ancora l'azzurro Il talento barlettano classe 2003 convocato nella nazionale Under 20 del CT Bollini
1 Barletta-Matera 2-0. Finalmente tre punti. Finalmente una squadra Barletta-Matera 2-0. Finalmente tre punti. Finalmente una squadra Biancorossi vittoriosi dopo tre mesi di turbolenta agonia
Barletta in casa del Gallipoli con l’obbligo dei tre punti Barletta in casa del Gallipoli con l’obbligo dei tre punti Biancorossi a caccia di un successo che manca dal 12 novembre
Giuseppe Venanzio dal Barletta alla Fidelis Andria Giuseppe Venanzio dal Barletta alla Fidelis Andria Il classe 2005 barlettano lascia i biancorossi e si accasa ai federiciani
1 Claudio Cassano, il gioiello del calcio barlettano che gioca in serie B Claudio Cassano, il gioiello del calcio barlettano che gioca in serie B Intervista al numero 10 del Cittadella
Gol, gioco, Gravina battuto e quinto posto: Barletta ora dicci chi sei Gol, gioco, Gravina battuto e quinto posto: Barletta ora dicci chi sei Gialloblu murgiani battuti e zona playoff agganciata, ma il bello (o il brutto) arriva ora con gli scontri diretti
Barletta-Gelbison 0-0. Bel gioco, ma pochi gol: un film già visto Barletta-Gelbison 0-0. Bel gioco, ma pochi gol: un film già visto Biancorossi sempre più solidi e sicuri, ma ancora troppo sterili
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.