Ogni cosa è illuminata

Oggi è una guerra essere giornalisti, ma quanto sono protetti al fronte?

All’Università di Bari si discute di verità e informazione in guerra

Diventare giornalista è impegnativo, esserlo è una lotta, rimanere tale è una fortuna. La situazione è precaria sin dal principio, sin dalla battaglia che, oggi più che mai, si affronta su un terreno di gioco variegato e sdrucciolevole. Facile scivolare, difficile rimanere in piedi e scalare a vetta. Ma come diceva una delle penne più controverse del giornalismo italiano, Indro Montanelli, "i giovani non vogliono fare i giornalisti, ma gli inviati speciali". Ed effettivamente, gran parte del fascino che aleggia su questa professione è la mitizzazione, se non la martirizzazione che permea un territorio afflitto dalla guerra. Una guerra che ha come prima vittima la verità; una guerra che, seppur illegittima, ha un suo diritto regolatore e una guerra in cui la democrazia non è che una debole figurante.

Per parlarci del polemos come caos istituzionalizzato, della condizione del giornalista al fronte e della verità soggettiva trasmissibile sono intervenuti, presso la sede della facoltà barese di Giurisprudenza, il Professor Fausto Pocar, Presidente dell'Institute of International Humanitarian Law e Giudice del Tribunale penale internazionale per l'ex Iugoslavia e Daniele Mastrogiacomo, Special International Correspondent "La Repubblica". La situazione tecnico-giuridica illustrata da Pocar non è incoraggiante: il giornalista inviato in luoghi di conflitto internazionale è considerato alla stessa stregua di un civile e, come tale, degno di protezione e tutela. Tuttavia, da regolamento, i civili dovrebbero essere tenuti lontani dai posti direttamente colpiti e questo non permetterebbe al giornalista di esercitare il suo ruolo. Situazione un po' più definita per i corrispondenti di guerra, i quali godono di un accreditamento speciale presso le truppe armate. Questo significa che il giornalista, pur non effettuando un esercizio militare, è a contatto con le informazioni militari ed è suo diritto diffonderle. Resta la contraddizione della verità parziale, mono-prospettica e dell'impossibilità di svolgere un'inchiesta autonoma. Questo spiega quanto il quarto potere sia, in realtà, collaterale e subordinato ad altri poteri maggioritari. Per ovviare a questo problema-dice Pocar-si sta valutando la proposta di creare un emblema per gli operatori dell'informazione (con la scritta Press di colore arancione), ma questo li renderebbe troppo riconoscibili e quindi facilmente attaccabili.

Sono sempre di più i giornalisti catturati in Medioriente e che si dichiarano prigionieri di guerra; qui subentra il dovere di tutela da parte dello Stato di appartenenza, ma le mancate (e forse apparenti) trattative Stato-terroristi seminano sempre più morti. Di morti sotto i suoi occhi ne ha visti tanti Daniele Mastrogiacomo, il quale critica l'ombrello protettivo del diritto internazionale che ha lasciato impuniti i criminali di guerra: «Fare l'inviato in Libia, in Afghanistan, in Iraq, in Iran e in Siria mi ha fatto capire come questa professione abbia una natura irrazionale. Con il giornalismo non si diventa ricchi, non si diventa simpatici e si rischia anche la vita, ma rimane uno dei lavori più appaganti che si possa fare. Per 12 anni ho conosciuto la fame, la prigionia, la mancanza di igiene e la paura. Un'altra cultura, alla quale il tuo comportamento deve conformarsi e si deve affidare. Importante è avere un pacchetto di contatti che ti faccia da guida, che conosca il posto e i suoi abiti. Il giornalista deve documentarsi, deve saper rischiare e deve regalare qualche "buco" a qualcuno; non è importante arrivare, ma arrivare primi ed è davvero una guerra farlo, vista la difficoltà di ricezione delle fonti».

Alla domanda se sia stato giusto pubblicare i video dell'Isis, Mastrogiacomo risponde positivamente, perché è bene che chi è lontano dai posti di guerra conosca le condizioni della stampa perseguitata, di uno Stato che non protegge i suoi inviati e di quanta ragionata follia ci sia nelle esecuzioni. Lo stato islamico è ormai dotato di tecnologie invidiabili, di un'abilità d'utilizzo molto calcolata e mirata a una reazione occidentale. E ai tanti studenti presenti in aula il giornalista consiglia di portare in valigia competenze tecnicho-informatiche (video making e montaggio), curiosità, scrittura, contatti e un buon paio di scarpe per sondare i terreni più occulti.
  • Guerra
  • Giornalismo
Altri contenuti a tema
1 “Canne della Battaglia fa sempre notizia” edizione 2018, oggi la consegna dei riconoscimenti “Canne della Battaglia fa sempre notizia” edizione 2018, oggi la consegna dei riconoscimenti Tra le testate giornalistiche premiate anche BarlettaViva
1 “La Brigata Barletta” 100 anni dopo: un incontro per celebrare i Caduti “La Brigata Barletta” 100 anni dopo: un incontro per celebrare i Caduti L’evento è organizzato dalla sezione cittadina dell’ANCR in stretta collaborazione con l’ANMIG
I 5 Stelle insultano la stampa, i giornalisti pugliesi scendono in piazza I 5 Stelle insultano la stampa, i giornalisti pugliesi scendono in piazza Flash mob questa mattina a Bari. Martellotta (AssoStampa): «Diritto di cronaca e pluralismo istituti tutelati dalla Costituzione»
1 Vincenzo Palmieri e Domenico Senatore, doppia intitolazione per le vie di Barletta Vincenzo Palmieri e Domenico Senatore, doppia intitolazione per le vie di Barletta Le storie dell'Aviere pluridecorato, ex dipendente comunale e del Tenente Colonnello dell’aeronautica
DigithON 2018, Barletta presente DigithON 2018, Barletta presente Tra le 100 finaliste della "maratona" anche la barlettana "ARTctory"
Giornalismo e informazione, la Regione Puglia finanza 900.000 euro Giornalismo e informazione, la Regione Puglia finanza 900.000 euro Il consigliere Santorsola: «Una norma di legge che garantisce la pluralità dell'informazione regionale»
1 «La verità vi farà liberi»: fake news e giornalismo di pace per Papa Francesco «La verità vi farà liberi»: fake news e giornalismo di pace per Papa Francesco Il messaggio del pontefice per la 52^ Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali
Giornalisti e influencer cercansi per raccontare la Puglia imperiale Giornalisti e influencer cercansi per raccontare la Puglia imperiale Pubblicato l'avviso regionale per ospitare opinion leader in Puglia nel 2018
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.