Donna
Donna
Servizi sociali

Voce del verbo amare. La violenza sulle donne come fatto culturale

Il centro anti violenza 'Giulia e Rossella' organizza l'incontro

Oltre l'universo delle parole in cui prendono vita innumerevoli discorsi sulla donna e il suo ruolo ancora troppo marginale all'interno della nostra società, ne esistono altri in cui ogni cosa detta è un fare che alimenta il cambiamento e che da la forza di sovvertire l'ordine delle cose. In cui l'8 marzo non è un giorno qualunque, ma un vero e proprio impegno nei confronti di chi vive l'aspetto peggiore della discriminazione femminile, quello delle violenze. Giornaliero è l'impegno dell'associazione osservatorio "Giulia e Rossella" centro anti violenza, occupato da un lato a restituire la vita a chi trova il coraggio di cercarne una nuova e dall'altro a sopravvivere in una realtà in cui si spreca per molto, ma si fa per pochi. Delle mancanze del nostro comune ci siamo più volte occupati, e lo stesso sindaco Maffei presente all'incontro ammette gli errori commessi.

Essere vicini alle donne significa anche far capire ed educare le nuove generazioni a non umiliare e non farsi umiliare, per questo venerdì 25 marzo presso l'ITC Michele Cassandro si è tenuta una conferenza dal titolo "Voce del verbo amare. Sconfiggere la violenza...si può", dedicata a chi ancora subisce violenze fisiche e psicologiche, e rivolta ai giovani di diverse scuole superiori. Un incontro in cui le parole trovano una dimensione concreta nelle testimonianze e nei casi reali illustrati dalla mediatrice del centro anti violenza Laura Pasquino e dal magistrato del Tribunale di Trani Francesco Messina.

La violenza dell'uomo sulla donna rappresenta la prima causa di morte, di invalidità e di malattie psichiatriche del genere femminile. Le donne che in Italia nel 2009 hanno trovato sostegno nei CAV sono state 11.805 (75 a Barletta), le donne uccise nello scorso anno (36% per mano dei propri mariti) sono state 135, un trend in aumento negli ultimi anni. Invece che diminuire, le donne che hanno subito una violenza o che perdono la vita per mano di un uomo aumentano, un dato avvilente che mostra quanto la discriminazione sia un fatto radicato nella nostra cultura. Di sicuro non si troverà la forza di cambiare in un Italia che ironizza su comportamenti discutibili che mostrano il poco rispetto nei confronti delle donne e la poca stima che queste ultime nutrono nei confronti di se stesse, facendone barzelletta e integrandoli in una società sempre più maschilista e discriminatoria.

Segue un'interessante intervista al magistrato Francesco Messina.
16 fotoCentro antiviolenza, interviene Messina
Centro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene MessinaCentro antiviolenza, interviene Messina
  • Violenza
  • Istituto Tecnico Commerciale "Cassandro"
  • Centro antiviolenza
Altri contenuti a tema
Ragazza aggredita, l'appello degli avvocati: «Smettete di far circolare il video» Ragazza aggredita, l'appello degli avvocati: «Smettete di far circolare il video» Scrivono i legali dei genitori della giovane vittima della violenza in strada
1 Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa» Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa» Interviene l'Ordine degli Psicologi sul caso di bullismo in strada a Barletta
1 Ragazzina schiaffeggia coetanea: inarrestabili condivisioni del video su Whatsapp Ragazzina schiaffeggia coetanea: inarrestabili condivisioni del video su Whatsapp Episodio di bullismo ripreso col telefonino
7 Barletta come nel "far west", tre omicidi in soli 6 mesi Barletta come nel "far west", tre omicidi in soli 6 mesi Il 43enne Giuseppe Tupputi ucciso nel suo bar nella sparatoria di ieri
Bat: registrata la percentuale più bassa di donne prese in carico dai CAV Bat: registrata la percentuale più bassa di donne prese in carico dai CAV Il report dell'Ufficio Statistico Regione Puglia sul tema della violenza sulle donne in puglia
«Solo la cultura e l’informazione possono salvare le donne da ignoranza e violenza» «Solo la cultura e l’informazione possono salvare le donne da ignoranza e violenza» La riflessione di Tina Arbues, responsabile dell’Osservatorio “Giulia e Rossella” di Barletta
Biblioteca di genere: il nuove evento lunedì 21 febbraio Biblioteca di genere: il nuove evento lunedì 21 febbraio L’incontro sarà aperto alla Cittadinanza
2 Serata violenta in Piazza Umberto, ferito un uomo Serata violenta in Piazza Umberto, ferito un uomo La piazza dell'ex ospedale è stata già più volte cornice di violenze
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.