Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
La città

Via Marina o Via delle Fiamme Gialle? Scelta inopportuna

Il valore ‘non storico’ della decisione della Commissione Toponomastica

Insensata e fuori luogo appare la decisione della Commissione toponomastica del Comune di Barletta presieduta dal sindaco Cascella, resa nota con un comunicato pubblicato oggi da BarlettaViva, di voler variare la denominazione di via Marina (strada che collega via Cialdini con piazza Marina) con il nome di via delle Fiamme Gialle, forse a voler emulare il principio di alcune altre città italiane di dare quel titolo alla strada segnata dalla presenza della caserma della Guardia di Finanza.

Tanto per cominciare nel caso barlettano, essa si trova nel cuore del centro storico e dunque tale denominazione risulterebbe quantomeno inappropriata; inoltre, la caserma è la più recente costruzione in zona quindi apparirebbe inconsueto che fosse proprio questa a dare il titolo alla strada. L'attuale denominazione, invece, pare assolutamente adatta visto che la strada collega con l'importante Piazza Marina con l'antica Porta omonima, nonché alla cosiddetta "marina" di Barletta, e dunque il criterio storicistico utilizzato per la proposta di ripristinare la denominazione originale di via Cialdini apparirebbe contrastante con questa scelta. Per "valutare" la denominazione di Via delle carrozze sono passati anni di discussione non solo storica ma anche burocratica, il Sindaco propone di rivolgersi addirittura agli uffici della Prefettura e ai proprietari dei civici di pertinenza, ma la scelta di trasformare la denominazione di via Marina è emersa all'improvviso dalla Commissione. Ricordiamo che la volontà di cambiare la denominazione di via Cialdini diviene dal fatto che la storia ha in seguito ricostruito la figura del generale dei Savoia, affatto meritevole della memoria così consacrata attribuendogli un'importante via del centro cittadino, anzi si trattò di un vero e proprio criminale del Risorgimento reo di aver commesso atrocità mostruose soprattutto nei confronti delle popolazioni meridionali.

Ricordiamo anche che la denominazione attuale di via Marina risale al 1876 con delibera di Giunta Comunale n. 260, ratificata dal Consiglio Comunale il 18 maggio dello stesso anno.

Aggiornamento: nelle ultime ore il Sindaco, a voler meglio precisare quanto espresso nell'articolo, fa sapere: «la denominazione di via Marina è comunque da ridefinire per una esigenza logistica (sollevata dai nuovi indirizzi generali) tesa a evitare e superare ogni sovrapposizione tra piazze e vie: è sembrato giusto preservare il richiamo storico di piazza Marina, accogliendo una proposta che tiene comunque conto del legame che la presenza in quel luogo della caserma della guardia di finanza garantisce tra la piazza e la via che la collega al centro storico».
  • Guardia di Finanza
  • Piazza Marina
  • Pasquale Cascella
Altri contenuti a tema
Inchiesta dentisti evasori, Andi Bari-Bat puntualizza Inchiesta dentisti evasori, Andi Bari-Bat puntualizza «La categoria è virtuosa, stigmatizziamo i comportamenti individuali richiamati dalla cronaca»
Guardia di Finanza, il Comandante Interregionale dell’Italia Meridionale in visita a Barletta Guardia di Finanza, il Comandante Interregionale dell’Italia Meridionale in visita a Barletta Nella sede provinciale un incontro con i Comandanti dei Reparti
Inchiesta evasione fiscale dentisti, c’è anche un barlettano Inchiesta evasione fiscale dentisti, c’è anche un barlettano Sequestrati beni per oltre 700mila euro
Sequestro giocattoli non sicuri, il Comune di Barletta ringrazia la Guardia di Finanza Sequestro giocattoli non sicuri, il Comune di Barletta ringrazia la Guardia di Finanza La nota dell'amministrazione comunale
Maxi sequestro di giocattoli, la Guardia di Finanza interviene a Barletta e Andria Maxi sequestro di giocattoli, la Guardia di Finanza interviene a Barletta e Andria Gli oggetti, privi dei requisiti di sicurezza, venivano venduti abusivamente all'uscita delle scuole
Intascavano bonus su lavori mai eseguiti, la Finanza di Barletta scopre la truffa Intascavano bonus su lavori mai eseguiti, la Finanza di Barletta scopre la truffa Tutti i dettagli nella conferenza stampa convocata questa mattina
Truffa e reati tributari: operazione "Cassetto distratto" della Guardia di Finanza di Barletta Truffa e reati tributari: operazione "Cassetto distratto" della Guardia di Finanza di Barletta Eseguite 3 misure cautelari e sequestrati beni per oltre 6 milioni di euro
GDF Barletta, operazione "Prosit": sequestrato champagne contraffatto GDF Barletta, operazione "Prosit": sequestrato champagne contraffatto I controlli sono stati eseguiti nell'ambito delle attività sulla sicurezza dei prodotti
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.