Santissima Eucarestia tra le strade di Barletta durante la quarantena
Santissima Eucarestia tra le strade di Barletta durante la quarantena
Religioni

Venerdì Santo, le immagini del percorso notturno durante la quarantena

Preghiera in Cattedrale, poi il tragitto fino in via Romania

Barletta, 10 aprile 2020, Venerdì Santo. La Santissima Eucarestia ha superato gli obblighi della quarantena per calcare le strade di Barletta, nella notte. È stato rinnovato il "Voto" di Barletta, mai infranto dal 1656.

Ecco le immagini, insolite, del percorso notturno del Santissimo, senza popolo.
11 fotoIl "Voto" del Venerdì Santo ai tempi del Coronavirus
Processione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaProcessione Eucaristico PenitenziariaIl "Voto" del Venerdì Santo
Riportiamo la preghiera di questa notte pronunciata dal sindaco Cannito.

«Nel giorno decimo del mese di aprile 2020 della tredicesima indizione, tempore pestis COVID-19, alla presenza di Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Leonardo D'Ascenzo, Arcivescovo di Trani-Barletta Bisceglie e titolare di Nazareth, di Mons. Filippo Salvo, Vicario Episcopale di Barletta, del Can. Francesco Fruscio, Arciprete del Capitolo della Concattedrale di Santa Maria Maggiore in Barletta e da esso delegato, dell'avv. Gaetano Lacerenza, Priore dell'Arciconfraternita del Santissimo Sacramento in San Pietro e per essa operante, io, Cosimo Damiano Cannito, Sindaco della Città di Barletta, in nome e per conto della Giunta comunale, del Consiglio Comunale e della città intera, in questa Basilica Concattedrale di Santa Maria Maggiore solennemente intendo rinnovare il Voto di affidamento della città di Barletta formulato il 29 luglio 1656, nelle medesime condizioni di dolore e sofferenza. La pandemia in corso data dal virus COVID-19, che tante sofferenze e tante morti sta causando in Italia e nel mondo intero e molte altre difficoltà porterà nel futuro, per conseguenza diretta, sulle economie e le società delle nostre comunità, rende drammaticamente attuali le motivazioni alla base delle disposizioni assunte dai nostri antenati. Esse vincolano anche la presente Amministrazione e quelle future in un patto non scritto con la nostra storia, le nostre tradizioni, la nostra ritualità, i nostri più sacri istituti, nella tutela della memoria comune della nostra città e delle fondamenta che ne costituiscono la base di tradizioni e cultura sulle quali siamo chiamati a edificare la vicenda futura di Barletta. Tutto questo spinge noi, Sindaco, Giunta comunale e l'intero Consiglio, eletti delegati pro tempore all'amministrazione della cosa pubblica, a non interrompere quel patto e, per questo, a non interrompere quel legame sancito con il Voto del 1656, ma a rinnovarlo con maggiore forza, nella garanzia di continuità con gli impegni presi dai nostri avi e nel sostegno che tali festività dovranno ottenere per il futuro. Per questo, impegniamo noi e gli amministratori che verranno a fare altrettanto e a perseguire con sempre più consapevole convinzione l'importanza di tali impegni, non solo simbolici, essendo essi garanzia del vincolo esistente tra i Barlettani e la sacralità del proprio patrimonio comune di cultura e ritualità, sia essa laica o sostenuta dalla fede ma che è alla base delle nostre tradizioni più antiche. Anche per questo, quali Amministratori di Barletta, intendiamo rafforzare questo impegno non solo garantendo il sostegno della città a che tali impegni solennemente assunti e ribaditi nei secoli non vengano interrotti, ma ricordando altresì che oggi la nostra comunità è composta da fedi e culture differenti, alle quali la nostra Costituzione sub art. 3 riconosce uguaglianza cultuale e di diritti. Per questo, nel pieno delle mie funzioni di rappresentanza della comunità cittadina, impegno Noi e gli Amministratori futuri anche a sostenere e valorizzare tutte le occasioni cultuali che la nostra città avvertirà il bisogno di celebrare in particolari condizioni di necessità e in momenti drammatici per la nostra comunità, quali quelle alla base della formulazione del Voto in oggetto e del suo rinnovo con il quale oggi ci impegniamo».

  • Processione
Altri contenuti a tema
1 Si rinnova la devozione di Barletta per i Santi Patroni con la processione serale - FOTO Si rinnova la devozione di Barletta per i Santi Patroni con la processione serale - FOTO Dalla Cattedrale attraverso le principali vie della città, la preghiera e l'affetto per la Madonna dello Sterpeto e San Ruggero
Una nuova sosta nella processione dei Santi Patroni Una nuova sosta nella processione dei Santi Patroni Sarà in piazza mons. Damato, davanti alla Prefettura
Arriva questa sera l'icona della Madonna dello Sterpeto Arriva questa sera l'icona della Madonna dello Sterpeto Tutti i divieti per consentire il passaggio del corteo religioso
Termina il Mese Mariano, Barletta saluta Maria Santissima dello Sterpeto Termina il Mese Mariano, Barletta saluta Maria Santissima dello Sterpeto L'icona della patrona della città è rientrata al Santuario: il bilancio di questo mese nelle parole di don Dario Dicorato
La devozione del quartiere per San Filippo Neri - FOTO La devozione del quartiere per San Filippo Neri - FOTO Ieri la processione tra le strade per l'incontro con i fedeli
Barletta rinnova il "Voto" con la processione eucaristico-penitenziale Barletta rinnova il "Voto" con la processione eucaristico-penitenziale L'uscita alle ore 13.30 dalla Cattedrale
Il prodigio, il voto... la Processione del Venerdì Santo a Barletta Il prodigio, il voto... la Processione del Venerdì Santo a Barletta Il racconto del direttore dell'Archivio di Stato Michele Grimaldi
Luce, preghiera, silenzio: la devozione di Barletta nella processione del Venerdì Santo (FOTO) Luce, preghiera, silenzio: la devozione di Barletta nella processione del Venerdì Santo (FOTO) «Elì, Elì, lemà sabactàni?». Nell'Ora Nona si rinnova il rito eucaristico-penitenziale nel rispetto dello storico "Voto" che liberò la città dalla peste
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.