AIPD - Associazione persone con sindrome di Down
AIPD - Associazione persone con sindrome di Down
Associazioni

Una raccolta fondi per la nuova sede AIPD

L'Associazione italiana persone con sindrome di Down ha ottenuto la disponibilità dalle Ferrovie dello Stato

«La sezione barlettana dell'AIPD (Associazione italiana persone con sindrome di Down) sta per compiere cinque anni. Quando ho deciso di aprire in città una sede per i nostri ragazzi speciali ero consapevole dell'impegno assunto, ma confidavo anche nella generosità della mia comunità» scrive il Presidente dell'AIPD - Barletta, Armando Delcuratolo.

«Una comunità che in questi anni non si è mai sottratta dal sostenere le nostre attività con piccole donazioni, con la partecipazione al Down Tour del 2019 e anche con quegli imprenditori che hanno aperto le porte delle loro attività per concedere un'opportunità lavorativa a ragazzi capaci di tutto, ma che continuano ad avere bisogno di sostegno.

La pandemia è stata un duro colpo per tutti. Non per questo, però, i nostri volontari hanno interrotto le loro attività. Abbiamo dovuto ripensarci, sono stati i nostri ragazzi ad averci insegnato la prudenza. E ora che un ritorno alla normalità è possibile stiamo per compiere un passo avanti per loro.

L'AIPD di Barletta ha ottenuto dalle Ferrovie dello Stato la disponibilità di un immobile della stazione ferroviaria di piazza Conteduca. Lì apriremo la nostra nuova sede, avvieremo nuove attività diurne per proseguire il percorso verso una maggiore autonomia dei nostri associati. In questi anni hanno imparato a fare acquisti, a gestire i loro budget, ad accordarsi per incontrarsi, ad organizzare il loro tempo tra casa, svago e lavoro.

Ripartiremo da qui, dalla consapevolezza che i nostri ragazzi sono capaci di contribuire allo sviluppo e all'arricchimento della nostra società. Ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto.

L'appartamento in cui ci sposteremo sconta qualche criticità dovuta agli anni. Prima di poter ospitare al suo interno i ragazzi sarà necessario metterlo in sicurezza e allestirlo. Inizieremo dalla messa a norma dell'impianto elettrico, ma sarà necessario anche sistemare l'impianto idrico e installare dei condizionatori per il riscaldamento degli ambienti.

Ci sarà una zona giorno dotata anche di una cucina affinché gli associati imparino a preparare da mangiare per sé e per gli altri. Stiamo iniziando i lavori di risistemazione dell'appartamento, ma le nostre forze da sole non bastano.

Con questa lettera faccio appello alla parte più generosa della città, affinché possa contribuire ad una missione civile e sociale che riguarda i nostri ragazzi, ma anche tutti noi»
IBAN: IT 04W0303241351010000205809
  • solidarietà
Altri contenuti a tema
«Una casa senza barriere architettoniche». Il sogno di Donato Ventura «Una casa senza barriere architettoniche». Il sogno di Donato Ventura L'appello lanciato dal biscegliese con l'apertura di una raccolta fondi
Sulla spiaggia di Barletta 50 barattoli di latta recuperati per i mozziconi di sigarette Sulla spiaggia di Barletta 50 barattoli di latta recuperati per i mozziconi di sigarette Il progetto “CICCAus sté a fé - Cosa fai? Gettala nel posto giusto!” ha coinvolto diverse associazioni del territorio
Zaini, quaderni e amore, la spedizione partita da Barletta è arrivata in Kenya Zaini, quaderni e amore, la spedizione partita da Barletta è arrivata in Kenya Obiettivo raggiunto: donati giocattoli e materiali per la scuola ai bambini di Meru
1 A cavallo per solidarietà, una raccolta fondi per la famiglia Tupputi A cavallo per solidarietà, una raccolta fondi per la famiglia Tupputi L'iniziativa dell'associazione "I Cavalieri del Mito" di Barletta
Zaini, quaderni e giocattoli in viaggio da Barletta al Kenya Zaini, quaderni e giocattoli in viaggio da Barletta al Kenya Si concretizza l'iniziativa "Dona uno zaino a un bimbo"
Solidarietà Ucraina, attivato un centro di raccolta a Barletta Solidarietà Ucraina, attivato un centro di raccolta a Barletta L'iniziativa dell'Ambulatorio popolare
1 «Sognavo l’Africa da bambina, ma sono diventata cooperante grazie a “Un medico in famiglia”» «Sognavo l’Africa da bambina, ma sono diventata cooperante grazie a “Un medico in famiglia”» Antonella Morelli, giovane barlettana, racconta la sua missione umanitaria in Kenya
Due furgoni carichi di scarpe partiranno da Barletta per la rotta balcanica Due furgoni carichi di scarpe partiranno da Barletta per la rotta balcanica Raccolti i fondi per finanziare il viaggio grazie anche ad un importante contributo del Comune di Barletta
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.