Finanza Leo Point Break
Finanza Leo Point Break
Cronaca

Truffe assicurative nella Bat, gli interrogatori si sono conclusi

Proseguono le indagini nell'operazione "Point Break". Revocati gli arresti domiciliari per 3 indagati

Hanno avuto termine sabato mattina gli interrogatori di garanzia inerenti la seconda parte dell'indagine "Point Break", inchiesta imbastita dalla procura di Trani nei confronti di gruppi criminali della Bat dediti a truffe in danno delle compagnie assicurative. Al termine di un'articolata indagine svolta dai militari della Guardia di Finanza di Barletta, lo scorso 15 settembre erano state arrestate 12 persone (9 di Barletta e 3 di Andria). Il sistema scoperto dalle "Fiamme Gialle" prevedeva la creazione a tavolino (sotto la regia dei professionisti) di falsi incidenti stradali, talvolta del tutto inventati, talvolta alterati nelle reali dinamiche, talvolta all'insaputa degli stessi proprietari dei mezzi coinvolti. Fra i destinatari della misura cautelare c'erano anche 3 avvocati barlettani (Michele Tupputi e Davide Doronzo con suo fratello Giuseppe) ed uno di Andria (Francesco Tota di 40 anni, legale di una coppia di coniugi barlettani). Nove invece gli indagati, fra questi due ortopedici di Barletta, per i quali era scattata la denuncia a piede libero.

In data 24 settembre è stato quindi il turno delle audizioni per Matteo Fasanella, 38enne di Andria, Carlo Di Gennaro, 25enne anch'egli di Andria e Salvatore Rizzi, 36enne di Barletta, gli ultimi tre indagati per i quali era scattata la misura degli arresti domiciliari al termine dell'operazione. I tre si sono presentati davanti al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Roberto Olivieri Del Castillo: Fasanella avrebbe rilasciato ammissioni parziali sulle colpe attribuitegli, mentre Di Gennaro e Rizzi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere alle domande del Gip. Lo stesso Dott. Del Castillo ha revocato nella mattinata di venerdì gli arresti domiciliari per tre barlettani coinvolti, nel dettaglio il 51enne Patrizio Nicola Rizzi e i figli Nicola Ruggiero, 30 anni, e Gianluigi, 24.

Ora le sorti degli altri indagati per i quali il Gip ha mantenuto la misura di custodia cautelare (per rischio di reiterazione del reato e inquinamento probatorio) sono in mano al Tribunale del Riesame di Bari, dinanzi al quale entro domani, lunedì 26 settembre, gli avvocati difensori degli indagati potranno impugnare l'ordinanza di custodia cautelare stabilita dal Gip. Ricorsi che potrebbero essere modificati anche dallo stesso Gip tranese con una prossima attenuazione della misura cautelare o la revoca dei domiciliari a seguito del patteggiamento che alcuni degli indagati potrebbero accettare.

L'inchiesta "Point Break", avviata nel luglio scorso, prosegue dunque la sua onda lunga. Cinque i casi attenzionati sinora, tutti a Barletta in danno di 4 compagnie assicurative. Il valore della truffa scoperta ammontava a 50mila euro. Nell'arco di due mesi sono state complessivamente 24 le persone sottoposte a misure cautelari. Un dato preoccupante che dimostra quanto sia strutturato e ben orchestrato il sistema criminale legato alle truffe assicurative.

  • Guardia di Finanza
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Interrogatorio
  • Assicurazioni
Altri contenuti a tema
La Finanza di Barletta sequestra oltre 138mila prodotti non sicuri La Finanza di Barletta sequestra oltre 138mila prodotti non sicuri L'esito dell'operazione a tutela della sicurezza dei consumatori
Maxi truffa su bonus edilizi, interviene la Finanza di Barletta: quattro arresti Maxi truffa su bonus edilizi, interviene la Finanza di Barletta: quattro arresti Eseguito sequestro pari a circa 2 milioni di euro
Le consigliere di parità della provincia Bat: «Solidarietà a Raffaella Piccolo» Le consigliere di parità della provincia Bat: «Solidarietà a Raffaella Piccolo» La nota di Rosa D'Alterio e Maddalena Petronelli
Estorsione ai danni di un imprenditore barlettano, arrestato pluripregiudicato Estorsione ai danni di un imprenditore barlettano, arrestato pluripregiudicato Le indagini delle Fiamme gialle hanno consentito di documentare gli incontri tra la vittima e l’estorsore
5 Sequestrati oltre 55mila litri di carburante nel porto di Barletta Sequestrati oltre 55mila litri di carburante nel porto di Barletta Controllati due mezzi al varco doganale: maggiori controlli in vista del G7
Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto L'andriese Lorenzo Marchio Rossi e lo spinazzolese Di Noia i vice-presidenti
Movida sicura, un venerdì sera di controlli straordinari a Barletta Movida sicura, un venerdì sera di controlli straordinari a Barletta Azione congiunta di Polizia di Stato, Polizia locale e Guardia di Finanza
1 Contrasto al mercato nero dei ricambi auto, illustrata l’operazione congiunta di Polizia e Finanza Contrasto al mercato nero dei ricambi auto, illustrata l’operazione congiunta di Polizia e Finanza Numerosi i controlli effettuati nella Bat: nel mirino delle forze dell’ordine sono finite in particolare due attività andriesi e una di Barletta
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.