Timac Agro
Timac Agro
La città

Timac di Barletta, Pasquale Cascella: «Bonifica e sostegno ai lavoratori»

«Al risanamento insieme all'occupazione non si può rinunciare»

«Bonifica o lavoro? Perché non occupazione e risanamento insieme? È comprensibile l'allarme dei lavoratori per la gravità della decisione assunta dalla Timac di scaricare sulla occupazione i problemi derivanti dalla decisione della magistratura di non rinnovare dopo due anni la facoltà d'uso dello stabilimento. Ma proprio questa preoccupazione deve richiamare tutti - dall'impresa ai sindacati, dagli enti pubblici alla magistratura, dalle forze politiche alle associazioni e movimenti sociali - a una riflessione severa su quale sia stata, e resti, la reale posta in gioco» scrive Pasquale Cascella in un comunicato stampa.

«C'è stato il tempo e il modo per individuare soluzioni che rendessero compatibili le attività di bonifica richieste da due ordinanze della Provincia, e poste alla base del sequestro giudiziario, con la messa in sicurezza operativa disposta dalla Regione. Purtroppo, l'azienda ha ritenuto che gli interventi per la continuità delle attività produttive potessero assorbire, o rinviare, gli interventi per rimediare alle situazioni - persino quelle storiche - di contaminazione ambientale dell'area. E ha trovato qualche alibi in speculari pregiudiziali politiche e sociali. Così, è toccato al Comune contrastare ogni tabù facendosi carico, nel contesto del nuovo monitoraggio ambientale, di disporre uno studio di fattibilità della bonifica necessaria e ammissibile. Ha dovuto farlo in sostituzione dell'azienda, anzi subendo da questa diffide e contestazioni. E ha dovuto difendere la stessa equilibrata impostazione nelle sedi istituzionali - in occasione dell'esame del Documento unico di programmazione e, da ultimo, su un particolare emendamento al Documento preliminare al Piano urbanistico generale - pur di preservare una prospettiva senza lacerazioni sociali per le complesse questioni ambientali lasciate da tempo accumulare nella zona industriale.

Ora che la magistratura rende ineludibile il compito di affrontare le criticità irrisolte, sarebbe bene sgombrare il campo dalle strumentalizzazioni propagandistiche e dalle sterili contrapposizioni per recuperare gli spazi utili alla ricerca di soluzioni in grado di conciliare, finalmente, la tutela dell'ambiente con le garanzie (anche attraverso appropriati ammortizzatori sociali) per i lavoratori. Perché al risanamento insieme all'occupazione si può non rinunciare. E si deve, facendo valere proprio quella scrupolosa visione dello sviluppo sostenibile».
  • Pasquale Cascella
  • Timac Agro
Altri contenuti a tema
1 Avviati a Barletta i lavori di perforazione per la realizzazione del piezometro Avviati a Barletta i lavori di perforazione per la realizzazione del piezometro Sindaco Cannito: «Si aggiunge un altro tassello nell'azione di monitoraggio ambientale che è in corso in città»
Stop ai licenziamenti alla Timac di Barletta: intervengono Cgil, Cisl e Uil Stop ai licenziamenti alla Timac di Barletta: intervengono Cgil, Cisl e Uil «Un sospiro di sollievo per i 51 lavoratori dell’azienda»
«Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico» «Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico» Il resoconto della conferenza stampa convocata ieri nell'azienda
1 Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito La dura nota del Collettivo Exit, critica verso il primo cittadino
2 Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» La nota diramata dall'azienda: «Confermati i livelli occupazionali»
La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta «Nessun inquinamento nell'aria: MISO suolo e falda efficaci»
Per ora nessuna speranza per il sottovia di via Vitrani a Barletta Per ora nessuna speranza per il sottovia di via Vitrani a Barletta Il varco, che collega via Vittorio Veneto e via Vitrani, è considerato un'area a media pericolosità idraulica
1 Caso Timac, Collettivo Exit: «Ancora nessuna indagine ambientale per Barletta» Caso Timac, Collettivo Exit: «Ancora nessuna indagine ambientale per Barletta» «La vicenda merita un intervento chiarificatore da parte del Sindaco Cannito»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.