Salmone
Salmone
Cronaca

Sequestrate cinque tonnellate di pesce non tracciato e oltre 9.000 ricci

Operazione della Guardia Costiera tra pescherie e ristoranti

Sono circa 150 gli uomini della Guardia Costiera impegnati in questi giorni per garantire il pieno rispetto di tutte le disposizioni in materia di tracciabilità, etichettatura e tutela degli stock ittici.

L'intensa operazione di polizia marittima è stata finalizzata al controllo sull'intera filiera della pesca, in attuazione del piano operativo regionale, ed è stata coordinata dal 6° Centro di Controllo Area Pesca di Bari per tutto l'ambito della giurisdizione della Direzione Marittima della Puglia e Basilicata. I controlli hanno riguardato pescherie, ristoranti, grossisti e punti di sbarco del pescato, comprendendo anche posti di blocco stradali e in ambito portuale. Una parte di questo pesce sequestrato è stato donato a ospizi, casa di riposo e per Andria alla Caritas di don Geremia Acri.

Nell'ambito di tale operazione, il personale dei Comandi territoriali della Guardia Costiera di tutta la Direzione Marittima - per la Bat la Capitaneria di Porto di Barletta - ha provveduto, in totale, a porre sotto sequestro oltre 5 tonnellate di prodotto ittico, per la maggior parte privo di tracciabilità, per un valore commerciale stimato di 54.000 euro e la conseguente irrogazione di sanzioni amministrative per un totale di 80.000 euro circa.

Di particolare rilevanza, inoltre, per la tutela e difesa dell'ecosistema marino, è il sequestro di oltre 9.000 ricci di mare, di cui è vietata la raccolta e cattura nei mesi di maggio e giugno di ogni anno, in aggiunta a 2,5 chilogrammi di datteri di mare con relativa denuncia penale a carico dei trasgressori responsabili della devastazione del fondale.

Il contrammiraglio Giuseppe Meli, nell'assicurare che le attività di controllo proseguiranno al fine di contrastare ogni forma di pesca illegale, richiama l'attenzione dei consumatori affinché non effettuino incautamente acquisti di prodotto ittico di dubbia provenienza o venduto in violazione delle più elementari norme igienico-sanitarie.
  • Guardia Costiera
  • Pesca
  • Pesce
  • Capitaneria di Porto
Altri contenuti a tema
1 Sarà intitolata a Oberdan Fraddosio la nuova sede della Capitaneria di Porto Sarà intitolata a Oberdan Fraddosio la nuova sede della Capitaneria di Porto Approvati in giunta anche il Protocollo con la Fondazione Architetti e Ingegneri e un evento della Croce Rossa
3 In beneficenza 100 kg di prodotti ittici sequestrati nel porto di Barletta In beneficenza 100 kg di prodotti ittici sequestrati nel porto di Barletta In azione il Nucleo di Polizia Giudiziaria della Capitaneria: nei guai una società di Torre a Mare
15 Rifiuti pericolosi nel porto di Barletta, la Polizia Ambientale sequestra 4.000 mq Rifiuti pericolosi nel porto di Barletta, la Polizia Ambientale sequestra 4.000 mq L'area, in totale stato di abbandono, era destinata alla realizzazione di un cantiere navale
Pesci e molluschi senza etichettatura, plauso alla Capitaneria di Barletta Pesci e molluschi senza etichettatura, plauso alla Capitaneria di Barletta Coldiretti Puglia: «Garantire la trasparenza ai consumatori dal mare alla tavola»
2 Sequestrati dalla Guardia Costiera 500 kg di prodotti ittici Sequestrati dalla Guardia Costiera 500 kg di prodotti ittici Maxi operazione della Capitaneria di Porto
4 Ruggiero Mennea: «Al via il rafforzamento dei presidi di sicurezza» Ruggiero Mennea: «Al via il rafforzamento dei presidi di sicurezza» Così si esprime il consigliere regionale in occasione dell'inaugurazione della sede della Capitaneria di porto
La nuova sede della Capitaneria di Porto è realtà La nuova sede della Capitaneria di Porto è realtà Cascella: «Non un semplice recupero ma un esempio di cooperazione istituzionale e di riqualificazione urbana»
Capitaneria di Porto, il sindaco Cascella incontra il prossimo Comandante Capitaneria di Porto, il sindaco Cascella incontra il prossimo Comandante Sergio Castellano succederà nell'importante ruolo al comandante Pierpaolo Pallotti
© 2001-2017 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.