Consiglio provinciale della Bat
Consiglio provinciale della Bat
Cronaca

Selezione dirigenti Bat, 4 richieste di rinvio a giudizio

De Filippo, Digiesi, Camposeo, Mazzone accusati di concorso in abuso d'ufficio. La decisione verrà presa dal gup il prossimo 13 maggio

Quattro richieste di rinvio a giudizio per le selezioni di sei dirigenti della Provincia Bat, assunti a metà 2010 con contratti a tempo determinato. Il pm Giuseppe Maralfa ha chiesto il rinvio a giudizio del dirigente al personale della Provincia, Nicola Digiesi, e dei tre componenti della commissione esaminatrice: Maria De Filippo, segretaria generale della Bat; Anna Lisa Camposeo, all'epoca dirigente degli affari istituzionali, e Pasquale Mazzone, oggi segretario generale del Comune di Trani.

Tutti e quattro sono accusati di concorso in abuso d'ufficio e il 13 maggio il gup Rossella Volpe deciderà se devono essere mandati a processo. La commissione esaminatrice (presieduta da De Filippo) venne nominata da Digiesi perché esaminasse i candidati con procedura di mobilità, ma nessuno fu ritenuto idoneo. Eppure tra gli aspiranti c'erano un segretario provinciale, due comunali e un dirigente del Comune di Torino. I sei posti furono coperti, invece, da altre sei persone tra cui lo stesso Digiesi, che invece era obbligato (in base a un decreto ministeriale del 2000) ad astenersi in quanto aveva redatto il bando di selezione, nominato la commissione esaminatrice e gestito (insieme a De Filippo, Camposeo e Mazzone) le procedure di mobilità.

Digiesi e gli altri cinque sono stati individuati non con un concorso pubblico, bensì con una selezione che si è conclusa con la redazione di una semplice relazione della commissione e la successiva scelta discrezionale da parte del presidente della Provincia, Francesco Ventola. Inoltre, la procedura di selezione fu attivata prima ancora che fosse conclusa quella di mobilità, che per legge deve essere espletata prima di qualsiasi altra procedura.

Secondo la procura la prova davanti alla commissione esaminatrice era «formalmente finalizzata alla verifica del livello di professionalità dirigenziale acquisita» dai sei candidati, «ma di fatto era orientata a non consentire la copertura dei sei posti di dirigente con la mobilità volontaria», in modo da coprirli invece con l'assunzione di Digiesi e degli altri cinque.
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Indagini
Altri contenuti a tema
Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto L'andriese Lorenzo Marchio Rossi e lo spinazzolese Di Noia i vice-presidenti
Calabrese e Tupputi eletti al consiglio provinciale, gli auguri di Cannito Calabrese e Tupputi eletti al consiglio provinciale, gli auguri di Cannito «Saranno loro a rappresentare Barletta tra i banchi della nostra Provincia»
Eletto il nuovo consiglio provinciale della Bat Eletto il nuovo consiglio provinciale della Bat Ci sono anche i barlettani Rosa Tupputi e Gennaro Calabrese
Elezioni provinciali Bat, consegnate le liste: si rinnova il consiglio Elezioni provinciali Bat, consegnate le liste: si rinnova il consiglio Tra i candidati alla carica di consigliere provinciale i barlettani Gennaro Calabrese e Rosa Tupputi
15 Barletta capoluogo unico di provincia, «Noi non ci ritiriamo» Barletta capoluogo unico di provincia, «Noi non ci ritiriamo» Il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso per la "Provincia di Barletta". Interviene la Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Il presidente della Bat Bernardo Lodispoto saluta il questore uscente Roberto Pellicone Il presidente della Bat Bernardo Lodispoto saluta il questore uscente Roberto Pellicone «Lascia un segno tangibile nella nostra comunità»
Cozzoli: «Ringrazio Lodispoto ma rinuncio per rispetto dei consiglieri» Cozzoli: «Ringrazio Lodispoto ma rinuncio per rispetto dei consiglieri» Rimessa la delega a Patrimonio e Bilancio
Marchio Rossi e Di Noia nominati vicepresidenti della Bat Marchio Rossi e Di Noia nominati vicepresidenti della Bat La comunicazione del presidente Lodispoto
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.