Schiuma bianca naturale
Schiuma bianca naturale
Associazioni

Schiuma bianca nel mare di Barletta, Legambiente: «Facciamo chiarezza»

Il circolo barlettano lamenta una scarsa collaborazione con le istituzioni sul tema: «Se si continuano a fare sempre gli stessi errori i risultati saranno disastrosi»

Da giorni si sta parlando del fenomeno della comparsa di una insolita "schiuma bianca" sulla superficie marina lungo le coste barlettana. Dopo segnalazioni e numerosi commenti, giunge la nota del circolo Legambiente Barletta che fornisce alcune spiegazioni dettagliate su quanto accade in questi giorni.

"Le schiume sono definite "colloidi", e sono causate dalla dispersione di un gas in un mezzo liquido. Gran parte delle schiume che si originano in mare durante e dopo le mareggiate sono dovute all'energia stessa delle onde, che "spinge" molecole gassose in quelle liquide dell'acqua marina favorendo la formazione di schiume di colore bianco e poco compatte. Schiume della stessa tipologia possono anche formarsi nei corsi d'acqua, a causa dei moti turbolenti".

È quanto si legge nel documento scientifico condiviso da Arpa Puglia.

Tuttavia Legambiente lamenta una scarsa collaborazione con le istituzioni sul tema.

«Non basterebbero poche pagine per spiegare quali potrebbero essere le cause responsabili della formazione della schiuma in mare, del perché le biomasse spiaggiate non andrebbero rimosse, dell'importanza dei nostri progetti di rinaturalizzazione delle aree costiere che, oltre a dare valore naturalistico e non solo alla nostra città, hanno una funzione di tutela e protezione contro l'erosione costiera incalzante. Si continua a dar conto ad un manipolo di persone che inveiscono sui social per la vegetazione spiaggiata per poi lamentarsi della della schiuma in mare. Si continua a lavorare a compartimenti stagni senza capire che è tutto collegato. Si continua a procedere in spiaggia con arature adatte a campi di patate facendole passare per pulizie di inizio stagione, ma nella realtà quella pratica non fa altro che continuare irrimediabilmente a distruggere il litorale.

Si pretende di cambiare, invertire la rotta affinché Barletta diventi una città più sana e vivibile, ma se si continuano a fare sempre gli stessi errori i risultati saranno sempre gli stessi...disastrosi.

Abbiamo protocollato il 30 maggio scorso un progetto in collaborazione con la SIGEA - Società Italiana di Geologia Ambientale in cui proviamo a far capire (perché lo spieghiamo ormai da 4 anni) l'importanza dei nostri progetti di rinaturalizzazione e formazione delle dune costiere lungo la linea di costa, ma siamo ancora in attesa di una qualsiasi risposta alla nostra.

Il nostro compito sta diventando impossibile, pur organizzando tante iniziative e occasioni di confronto e divulgazione scientifica, la presenza della cittadinanza é sempre poca, snobbati continuamente dai cittadini e dalle istituzioni che potrebbero porre ascolto e comprendere la natura di questi fenomeni».
  • Legambiente
  • Mare
Altri contenuti a tema
Concessione balneari, ancora troppe incertezze: «Così la Bolkestein è divenuta realtà» Concessione balneari, ancora troppe incertezze: «Così la Bolkestein è divenuta realtà» Un approfondimento a firma dell'avvocato Francesco Tomasicchio
La Barletta-Bari tra le linee ferroviarie peggiori in Italia La Barletta-Bari tra le linee ferroviarie peggiori in Italia Lo stabilisce il Rapporto Pendolaria di Legambiente
7 Incontro Grimaldi-associazioni ambientaliste, Legambiente: «Noi non coinvolti» Incontro Grimaldi-associazioni ambientaliste, Legambiente: «Noi non coinvolti» La nota del presidente Raffaele Corvasce
L'istituto "Mennea" protagonista di un progetto per la salvaguardia del mare L'istituto "Mennea" protagonista di un progetto per la salvaguardia del mare Lunedì la conferenza di presentazione: previsti seminari, laboratori ed escursioni per i ragazzi
“Puliamo il Mondo”, l’iniziativa di Legambiente arriva al Parco Baden Powell “Puliamo il Mondo”, l’iniziativa di Legambiente arriva al Parco Baden Powell Numerosi i risultati raggiunti negli ultimi due anni grazie alla collaborazione tra volontari e amministrazione comunale
Open day per assistenti bagnanti: alla Lega Navale di Barletta si parla di sicurezza in mare Open day per assistenti bagnanti: alla Lega Navale di Barletta si parla di sicurezza in mare “Il miglior assistente bagnante è colui che sa fare un’ottima prevenzione”
Torna in libertà la tartaruga ferita al largo di Barletta Torna in libertà la tartaruga ferita al largo di Barletta Dopo le cure ricevute a Molfetta, ieri la liberazione in mare a Bisceglie
L’estate non finisce: il lido “La Conchiglia” di Bisceglie aperto fino al 17 settembre L’estate non finisce: il lido “La Conchiglia” di Bisceglie aperto fino al 17 settembre La decisione per offrire un servizio completo ai turisti e ai cittadini
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.