Pesce
Pesce
La città

Scatta fermo pesca, Coldiretti: «Stop al pesce fresco»

Il fermo bloccherà le attività dei pescherecci per 30 giorni consecutivi da Bari a Manfredonia

Stop al pesce fresco a tavola per l'avvio del fermo pesca che porta al blocco delle attività della flotta italiana lungo l'Adriatico. A darne notizia è Coldiretti Impresapesca in occasione dell'avvio del provvedimento per risparmiare le risorse del mare che scatta proprio in occasione dell'Overshoot day, il giorno in cui l'uomo ha già utilizzato tutte le risorse naturali che la Terra può rigenerare nell'intero 2019. Il fermo pesca - sottolinea la Coldiretti - bloccherà infatti le attività dei pescherecci per 30 giorni consecutivi da Bari a Manfredonia dal 29 luglio fino al 27. Per quanto riguarda il Tirreno lo stop scatterà da Brindisi a Roma dal 9 settembre all'8 ottobre.

La novità di quest'anno è che – spiega Coldiretti Impresapesca - in aggiunta ai periodi di fermo fissati i pescherecci dovranno effettuare ulteriori giorni di blocco che vanno da 7 a 17 giorni, a seconda dalla zona di pesca alla quale sono iscritti. Le giornate di stop saranno decise direttamente dai pescatori che dovranno darne comunicazione scritta entro le ore 9 del giorno stesso. L'intero ammontare delle giornate aggiuntive dovrà essere obbligatoriamente effettuato entro il 31 dicembre 2019. "Con il fermo pesca, in un Paese come l'Italia che importa dall'estero 8 pesci su 10, aumenta il rischio di ritrovarsi nel piatto per grigliate e fritture prodotto straniero o congelato. Il settore soffre la concorrenza sleale del prodotto importato dall'estero e spacciato come italiano, soprattutto nella ristorazione, grazie all'assenza dell'obbligo di etichettatura dell'origine. Ciò ha determinato negli anni in Puglia un crollo della produzione, la perdita di oltre 1/3 delle imprese e di 18.000 posti di lavoro, con un contestuale aumento delle importazioni dal 27% al 33%", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Nonostante la riduzione del periodo fisso di blocco delle attività, l'apertura alla tutela differenziata di alcune specie e la possibilità per le imprese di scegliere i restanti giorni di stop, come richiesto da Coldiretti Impresapesca, il giudizio sull'assetto del fermo pesca 2019 non può essere positivo poiché la misura continua a non rispondere alle esigenze della sostenibilità delle principali specie target della pesca nazionale, tanto che lo stato delle risorse nei 33 anni di fermo pesca è progressivamente peggiorato, come anche parallelamente lo stato economico delle imprese e dei redditi. "Una crisi quella del settore ittico, che si trascina da 30 anni – rileva Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia – in un mercato, quello del consumo del pesce, che aumenta, ma sempre più in mano alle importazioni. La produzione ittica derivante dall'attività della pesca è da anni in calo e quella dell'acquacoltura resta stabile, non riuscendo a compensare i vuoti di mercato creati dell'attività tradizionale di cattura. Una rinascita che passa per il mercato e sulla quale Coldiretti sta cercando di impegnarsi a fondo, facendo partire iniziative nei Mercati di Campagna Amica che hanno come obiettivo la vendita diretta, la qualità e la tracciabilità".

Di assoluto rilievo i numeri del settore in Puglia, il cui valore economico è pari all'1% del PIL pugliese e arriva fino al 3,5% se si considera l'intero indotto, conta 1500 imbarcazioni, 5000 addetti, 10 impianti di acquacoltura e mitilicoltura. Le aree vocate sono prioritariamente Manfredonia, Molfetta, sud Barese, Salento, dove il pescato più importante è costituito da gamberi, scampi, merluzzi. Per effettuare acquisti di qualità al giusto prezzo il consiglio di Coldiretti Impresapesca è, dunque, di verificare sul bancone l'etichetta, che per legge deve prevedere l'area di pesca (Gsa)
  • Pesca
  • Pescatore
Altri contenuti a tema
Fermo pesca in Puglia, Coldiretti: «Attenzione alle truffe» Fermo pesca in Puglia, Coldiretti: «Attenzione alle truffe» Rischio importazioni e vendita falso pesce made in Italy
Sequestrate in Puglia 9 tonnellate di prodotti ittici "non made in Italy" Sequestrate in Puglia 9 tonnellate di prodotti ittici "non made in Italy" Da Coldiretti plauso alla stretta sui controlli della Guardia Costiera
Coronavirus "affonda" la flotta pugliese, 5.000 posti di lavoro a rischio Coronavirus "affonda" la flotta pugliese, 5.000 posti di lavoro a rischio Coldiretti lancia l'allarme: "Duro colpo per l'intero settore"
1 Diritti in marineria, la protesta della Bat parte da Barletta Diritti in marineria, la protesta della Bat parte da Barletta Sabato la prima di una serie di iniziative promosse dalla Flai Cgil
1 Marinerie in sciopero, si protesta anche a Barletta Marinerie in sciopero, si protesta anche a Barletta Delegazione pugliese a Roma a colloquio con il sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe L'Abbate
Fermo pesca prorogato fino a settembre, niente pesce fresco Fermo pesca prorogato fino a settembre, niente pesce fresco «Misure a sostegno della pesca professionale e dell'economia ambientale»
Pesca illegale di datteri di mare, blitz della Capitaneria di Porto di Barletta Pesca illegale di datteri di mare, blitz della Capitaneria di Porto di Barletta Scoperte violazioni per l'uso di attrezzi da pesca non consentiti
Rifiuti "speciali" di pescherie e macellerie, arriva il riconoscimento Rifiuti "speciali" di pescherie e macellerie, arriva il riconoscimento Va in porto a richiesta di Democrazia Cristiana Barletta
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.