Vincenzo Gesualdo - Presidente Ordine Psicologi Puglia
Vincenzo Gesualdo - Presidente Ordine Psicologi Puglia
Cronaca

Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa»

Interviene l'Ordine degli Psicologi sul caso di bullismo in strada a Barletta

Non solo criminalità, ma anche bullismo e violenza a Barletta negli ultimi giorni. Sta facendo il giro del web il video di una ragazzina aggredita in strada e picchiata da una coetanea. "Entrambe le vicende hanno come denominatore comune il linguaggio della violenza e la negazione del valore dell'altro come soggetto portatore di diritti", sottolinea Vincenzo Gesualdo, presidente dell'Ordine degli psicologi della regione Puglia. "Siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa che si dipana dal livello macro sociale a quello delle relazioni familiari".

L'odio per il prossimo prolifera a macchia d'olio e la sempre più carente offerta culturale e la mancanza di modelli di riferimento che educhino al rispetto per il prossimo non aiuta a frenare il dilagante fenomeno soprattutto tra i minorenni, come in questi ultimi casi di cronaca. "Quello del bullismo – continua il presidente degli psicologi pugliesi - è un fenomeno che enfatizza i comportamenti di prepotenza e aggressività come unico canale comunicativo e relazionale che ha modificato il naturale comportamento sociale in esibizioni comportamentali esagerate, nelle quali ogni freno inibitorio è carente".

L'accaduto pone le basi per una riflessione ben più ampia che riguarda una sorta di rigurgito di ribellione contro le maldicenze. Dalle immagini, infatti, si evince che l'intento dell'aggressore sia stato punire la coetanea per aver usato un appellativo non consono nei confronti di una amica. La scena è stata ripresa con uno smartphone ed è stata diffusa sul web, nelle chat di giovanissimi e non solo. "Il cyberbullismo rappresenta una delle conseguenze più pericolose presenti nel mondo virtuale – spiega Gesualdo - un vero e proprio reato, in quanto sfrutta le insicurezze personali e le vulnerabilità delle vittime per causare loro umiliazioni e danni psicologici. Ansie, depressione e, nei casi peggiori gli istinti suicidi, sono le conseguenze psicologiche legate a questo fenomeno. Uno degli errori, del tutto comprensibile, che commette la vittima di cyberbullismo è quello di non parlarne con nessuno, assumendo quindi un atteggiamento passivo che altro non è che linfa vitale per i carnefici".

Occorre individuare un'area di intervento che è quella dell'infanzia e dell'adolescenza in cui famiglie e istituzioni che si interessano dello sviluppo dell'individuo orientino i propri processi formativi e di socializzazione alla ricostruzione di sentimenti di identità. In quest'ottica la prevenzione, realizzata anche attraverso il potenziamento dei centri di ascolto per le famiglie ed i consultori familiari e la realizzazione del servizio di psicologia scolastica, si presenta come una strategia ineludibile e non procrastinabile.

"È fondamentale riflettere sulla natura predatoria di alcuni comportamenti in cui l'Io ancora una volta si riafferma a danno dell'altro. Occorre in questo caso predisporre interventi di psicologia di comunità al fine di recuperare il valore della alterità e della comunità solidale come contenitore sociale" conclude Gesualdo.
  • Violenza
  • Bullismo
Altri contenuti a tema
7 Baby-gang a Barletta, segnalazioni provenienti da tutti i quartieri Baby-gang a Barletta, segnalazioni provenienti da tutti i quartieri La preoccupazione dei nostri lettori
"Al posto tuo… Imparare a sentirsi, non solo a sentire!": un incontro sul bullismo "Al posto tuo… Imparare a sentirsi, non solo a sentire!": un incontro sul bullismo L’evento si terrà il prossimo 20 gennaio nell’Auditorium del 6° C. D. “R. Girondi” di Barletta
Ascolto e accettazione di sé: da Barletta un messaggio per le donne Ascolto e accettazione di sé: da Barletta un messaggio per le donne Successo per il talk di sei giovani professioniste al "Bahia Wellness"
La Asl Bt presenta #panchinarossa La Asl Bt presenta #panchinarossa Appuntamento domani alle 10.30 al "Mons.Dimiccoli"
Ragazzi dipingono di rosso una panchina: è dedicata a Giulia Cecchettin Ragazzi dipingono di rosso una panchina: è dedicata a Giulia Cecchettin L'iniziativa del Movimento AMICO. ha coinvolto i giovani studenti dell'Istituto Comprensivo "D'Azeglio De Nittis"
1 Ancora violenza a Barletta: pestato a sangue un quarantenne nel centro storico Ancora violenza a Barletta: pestato a sangue un quarantenne nel centro storico Tra impotenza delle istituzioni e ignavia legislativa, continuano gli episodi di (micro)criminalità in città
11 Furti, aggressioni, vandalismo: a Barletta se non è allarme, poco ci manca Furti, aggressioni, vandalismo: a Barletta se non è allarme, poco ci manca Continua incessante l’escalation di microcriminalità in città
1 Ennesimo episodio di aggressione a Barletta Ennesimo episodio di aggressione a Barletta La denuncia di un genitore barlettano: il fatto è avvenuto in zona orto botanico
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.