Preservare l'ambiente, si comincia da piccoli
Preservare l'ambiente, si comincia da piccoli
Territorio

Preservare l'ambiente, si comincia da piccoli: iniziativa di Legambiente Barletta

Agli alunni della "Giovanni Paolo II" è stato spiegato come differenziare correttamente i rifiuti

Si è concluso lo scorso 1° Marzo, con una interessata partecipazione dei piccoli alunni del VII circolo didattico Giovanni Paolo II, nell'ambito del progetto classi STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica), il secondo appuntamento di educazione ambientale, organizzato dal circolo Legambiente di Barletta in partnership con la direzione didattica della scuola e la Bar.SA - Servizi Ambientali.

La bella mattinata di sole ha preso le mosse con una passeggiata ecologica a piedi dal plesso scolastico di largo Primavera alla volta dell'Ecocentro di Parco degli Ulivi, dove i bambini hanno ricevuto il saluto del sindaco Cosimo Damiano Cannito, dell'assessore all'ambiente Ruggiero Passero e dell'amministratore unico di Bar.Sa – servizi ambientali, avv. Michele Cianci, che hanno espresso grande soddisfazione per l'iniziativa, volta a radicare nella cultura delle nuove generazioni, la consapevolezza che il rispetto delle regole di civile convivenza, la tutela dei beni e degli spazi comuni e la salvaguardia dell'ambiente che ci circonda, sono valori fondamentali che vanno incentivati e promossi. Ad informare i bambini sulle corrette modalità di differenziazione dei rifiuti e sul funzionamento dei due centri di raccolta cittadini, il funzionario di Bar.SA spa, Domenico Acconciaioco, la cui dettagliata spiegazione ha permesso ai piccoli di apprendere i corretti criteri di selezione e differenziazione dei rifiuti domestici e il funzionamento della filiera del riciclo di carta e imballaggi; al termine della visita all'Ecocentro i volontari di Legambiente hanno distribuito agli allievi un piccolo omaggio, un album da colorare sulla raccolta differenziata, messo a disposizione dalla Bar.SA.

Soddisfatto della riuscita dell'iniziativa il presidente del circolo Legambiente di Barletta, Raffaele Corvasce che ha sottolineato come la finalità dell'iniziativa è stata quella di promuovere nei piccoli allievi della scuola primaria e nelle loro famiglie lo sviluppo di comportamenti responsabili, ispirati alla conoscenza ed al rispetto della legalità e dell'ambiente, promuovere e potenziare una corretta raccolta differenziata dei rifiuti domestici.

Prossimi appuntamenti di educazione ambientale con i piccoli alunni del VII circolo didattico Giovanni Paolo II sono le iniziative di citizen science del progetto nazionale di Legambiente e Corepla "Se butti male… finisci in mare". Il progetto che verrà completato entro la metà di Aprile avrà come finalità quella di informare gli studenti sulla prevenzione del marine litter, accrescendo in loro la consapevolezza delle conseguenze dei propri stili di vita sull'ambiente circostante e consisterà nel monitoraggio scientifico dei rifiuti spiaggiati. Due le regioni italiane coinvolte Puglia e Campania , per un totale di 4000 tra studenti e volontari coinvolti, di cui 2000 solo in Puglia. I litorali di Barletta saranno oggetto di monitoraggio insieme a quelli di altre sei città pugliesi: Bari, Carovigno, Margherita di Savoia, Otranto, Porto Cesareo e Trani.
Preservare l'ambiente, si comincia da piccoli: iniziativa di Legambiente BarlettaPreservare l'ambiente, si comincia da piccoli: iniziativa di Legambiente BarlettaPreservare l'ambiente, si comincia da piccoli: iniziativa di Legambiente BarlettaPreservare l'ambiente, si comincia da piccoli: iniziativa di Legambiente Barletta
  • Legambiente
  • Raccolta differenziata
Altri contenuti a tema
Legambiente Barletta a difesa della costa: trovate oltre 1000 reti abbandonate Legambiente Barletta a difesa della costa: trovate oltre 1000 reti abbandonate Ieri una passeggiata che ha rivelato presenza di tantissime reti per miticoltura sulla battigia
A Barletta sale la percentuale di raccolta differenziata con le attività produttive chiuse A Barletta sale la percentuale di raccolta differenziata con le attività produttive chiuse Cannito e Passero: «I cittadini hanno grande cura nella differenziazione dei rifiuti, meno, evidentemente, ne hanno le attività produttive»
6 Potature «inappropriate» a Barletta, «il verde pubblico non è uno spot» Potature «inappropriate» a Barletta, «il verde pubblico non è uno spot» La lettera del circolo Legambiente di Barletta: «Superficialità nella cura dei nostri alberi»
2 Distribuzione kit buste, rinviata a Barletta l'apertura del centro raccolta Distribuzione kit buste, rinviata a Barletta l'apertura del centro raccolta Con tutta probabilità saranno le stesse scuole ad essere scelte come punti di distribuzione
Gestione spiagge libere, Legambiente: «Ai Comuni offriamo il nostro supporto» Gestione spiagge libere, Legambiente: «Ai Comuni offriamo il nostro supporto» Presidente Tarantini: «Si tratta di beni comuni che devono restare tali, ma per evitare al tempo stesso rischi per la salute serve l'adozione di un piano di gestione»
Alziamo l'asticella, interventi per la salvaguardia del "Fratino" Alziamo l'asticella, interventi per la salvaguardia del "Fratino" Tutelare il “Charadrius alexandrinus” per la stupefacente biodiversità del territorio
1 Un concorso per valorizzare i giardini "Baden Powell" di Barletta Un concorso per valorizzare i giardini "Baden Powell" di Barletta Per sostenere l'iniziativa, accolta dal circolo Legambiente, è sufficiente votare attraverso il link all'interno dell'articolo
4 Mare di Barletta tinto di rosso, si tratta di un'alga luminescente Mare di Barletta tinto di rosso, si tratta di un'alga luminescente Intervento di Legambiente con il supporto di una biologa
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.