Sparatoria in piazza Divittorio
Sparatoria in piazza Divittorio
Cronaca

Omicidio Pellizzieri, tre indagati tornano in libertà

Il quarto resta in carcere: la sparatoria avvenne a Piazza Divittorio nel 2012

Tornano in libertà tre dei quattro indagati per l'omicidio del 32enne barlettano Michele Pellizzieri, morto 19 giorni dopo la sparatoria di cui fu vittima il 5 ottobre 2012 al mercato di Piazza Divittorio. Il quarto indagato resta in carcere ma per un'altra causa. Il "k.o." alle misure cautelari, e dunque alle indagini della Procura Antimafia di Bari, giunge dal Tribunale della Libertà di Bari sulla scorta della sentenza della Cassazione che a fine settembre aveva annullato con rinvio una prima decisione dei giudici baresi. Lo scorso marzo, infatti, un altro collegio del Tribunale della Libertà aveva confermato l'ordinanza di custodia cautelare del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari facendo così rimane in carcere il presunto esecutore materiale del delitto Giuseppe Cirino, 29 anni di Foggia, ed i presunti mandanti barlettani: Ruggiero Lattanzio, 56, detto "Rino non lo so"; Luigi Marchisella, 45, detto "lo zio", e Pasquale Lattanzio, 41, detto "Fanale". Tutti ora (su ricorso degli avvocati Nicola Mastrapasqua e Giuseppe Cioce) hanno visto cadere il provvedimento che li costringeva in cella per il delitto di "Tucchett", nomignolo con cui era noto Pellizzieri.

L'inchiesta, condotta dai Carabinieri, portò a ritenere che il suo delitto fosse maturato per ragioni legate al controllo delle attività illecite a Barletta in un momento di riassestamento degli assetti malavitosi.

Alla base dell'ordinanza custodiale dello scorso febbraio anche le versioni di tre collaboratori di giustizia, che però la Cassazione ha ritenuto divergenti. Nella sentenza la Suprema Corte non risparmia l'ipotesi di una pista investigativa alternativa coi nomi dei relativi sicari.
  • Indagini
  • Sparatoria
Altri contenuti a tema
Agguato a Pasquale Ventura, pene ridotte per i tre condannati Agguato a Pasquale Ventura, pene ridotte per i tre condannati Il reato contestato ora sarebbe di tentate lesioni aggravate, e non più tentato omicidio
Morte dell'avvocato Casale, nessun colpevole Morte dell'avvocato Casale, nessun colpevole Il professionista 52enne perse la vita per cause naturali
1 Rapina con sparatoria in via Trani, «è stato un brutale atto criminale» Rapina con sparatoria in via Trani, «è stato un brutale atto criminale» Dopo l'attacco armato interviene il sindaco Pasquale Cascella
3 Barletta insicura, dopo gli spari interviene "Noi con Salvini" Barletta insicura, dopo gli spari interviene "Noi con Salvini" «Stato e governo cosa fanno? Cittadini abbandonati» dichiara Rossano Sasso
21 Scene da far west a Barletta, sparatoria in via Trani Scene da far west a Barletta, sparatoria in via Trani Rapina in pieno giorno, il bottino è stato di 30.000 euro
1 Indagini dopo l'abbattimento degli ulivi nell'ex Cartiera Indagini dopo l'abbattimento degli ulivi nell'ex Cartiera Il primo report è stato trasmesso al Comando Carabinieri Forestali di Bari
Sangue a Piazza Marina, perde la vita un trentanovenne Sangue a Piazza Marina, perde la vita un trentanovenne Sparatoria nella mattinata di ieri, coinvolto un uomo di San Ferdinando
Barletta sotto inchiesta, «amministrazione da rottamare» Barletta sotto inchiesta, «amministrazione da rottamare» Le opposizioni: «Chiediamo le dimissioni di chi ha determinato questo sfascio»
© 2001-2017 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.