Hub vaccinale Barletta
Hub vaccinale Barletta
Servizi sociali

Oltre i numeri, i volti che davvero fanno la differenza nelle vaccinazioni

Variante omicron, no vax, giovani: le parole del dottor Falco

Un sistema scientifico e umano: è questo quello che caratterizza l'hub vaccinale di Barletta. Per saperne di più abbiamo incontrato giovedì mattina al PalaBorgia il dottor Sabino Falco, Responsabile del Dipartimento di Prevenzione di Barletta con il quale abbiamo fatto il punto dello stato di vaccinazioni in città «Rispetto all'intera popolazione barlettana fino ad oggi abbiamo vaccinato:
  • 91% Prima dose
  • 84% Seconda dose
  • 24% Terza dose
«Vacciniamo moltissime persone al giorno ogni giorno, oggi – 16 dicembre 2021 [ndr.]– in una sola mattinata sono stata vaccinate 450 persone circa. Arrivando a un totale di 1000 persone al giorno. Effettuiamo un monitoraggio costante dei contagi con sequenziamento del genoma dei contagiati già vaccinati con due dosi - ci spiega il dott. Falco - Inoltre sono state eseguite circa 1400 vaccinazioni domiciliari».

Se poteste passare una giornata nell'hub vaccinale di Barletta, vi accorgereste quanto ogni azione sia scandita da un tempo preciso, quello della cura e dell'impegno che ci mette ogni singolo componente.

Una "catena di montaggio" fatta da diversi step:
  1. primo accesso e controllo della temperatura;
  2. secondo accesso si è accolti dal personale della Caritas per il controllo della prenotazione;
  3. secondo controllo: verifica dei 5 mesi passati;
  4. passaggio ai medici per compilare le ultime carte. In questo momento verrà scelta l'azienda farmaceutica per la propria vaccinazione;
  5. somministrazione del vaccino;
  6. 15 minuti nella sala d'attesa nel caso in cui qualcuno dovesse sentirsi poco bene;
  7. registrazione della dose effettuata.
Segue un passo rapidissimo, che non è sinonimo di noncuranza. Sono riusciti a coniugare il massimo della velocità con il massimo dell'umanità. Il personale accompagna e guida attentamente ogni nuovo entrato, ogni singolo prenotato, lasciando le porte aperte anche a chi non lo è.

Abbiamo ricordato insieme al dottor Falco quando, esattamente un anno fa, nel periodo di novembre, la situazione stava sfuggendo di mano, sorprendendo tutti per l'imprevedibilità con cui il virus si stava diffondendo. «Quando sono arrivato qui mi sono posto un obiettivo: tutto doveva essere organizzato nei minimi dettagli. Adesso chiunque risulti positivo viene prontamente messo in isolamento. Quando gli altri hanno sospeso l'attività di vaccinazione, siamo rimasti aperti per la mole ingente di richieste di persone prevenienti anche da altre città.

Voglio far passare l'idea che in questo hub le persone entrano con dei punti interrogativi ed escono con delle risposte, perché qui possono trovarle» dice Falco. «Il centro di Barletta continua la sua attività mostrandosi il vero antidoto contro la malainformazione. Un hub dalle mille potenzialità avendo vaccinato oltre 1000 soggetti allergici e non solo: personale medico, bambini, giovani e anche i più diffidenti. Come? Il contatto umano. I professionisti forniscono dati scientifici, non sono chiamati a convincere gli scettici eppure rispondono con numeri.
4 fotoHub Vaccinale Barletta
Hub vaccinale BarlettaHub vaccinale BarlettaHub vaccinale BarlettaHub vaccinale Barletta

Variante Omicron

«Ci siamo occupati anche della ricerca e della raccolta dati. In questo momento tutti i positivi vengono analizzati. Da settembre monitoriamo tutti i casi positivi dopo la vaccinazione, schedandoli per età, tempo passato e altre metriche. Sono tutti dati che metteremo a disposizione della ricerca. Certo, per evitare e varianti dovremmo vaccinare tutto il mondo, ma il vaccino è la possibilità di curare un nuovo positivo come se avesse contratto un'influenza».

Associazioni

«Caritas, Croce Rossa e Operatori Emergenza Radio sono costantemente al nostro fianco, non sono un elemento accessorio, ma fondamentali per tutta l'organizzazione e per il flusso di persone da gestire. Anche l'Amministrazione ci è stata vicina, incluso il commissario Delle Donne.No Vax
«Ne abbiamo vaccinati molti, soprattutto nell'ultimo periodo. Vorrei chiedere loro: «Perché non credete nella scienza?»

Giovani
«Loro, stanno dimostrando una partecipazione attiva. Si recano qui con molto entusiasmo. È segno di responsabilità, ed è quella che deve prevalere»

«L'hub di Barletta sta dando numeri importantissimi per l'Asl. La cittadinanza deve sapere che questa struttura è vicina a loro per il presente. Stiamo programmando anche il futuro, organizzando tutte le date di gennaio».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid in Puglia, oltre 8600 decessi dall'inizio dell'emergenza Covid in Puglia, oltre 8600 decessi dall'inizio dell'emergenza Prosegue l'aumento degli attualmente positivi e dei ricoverati
Covid in Puglia, boom di ricoverati nelle ultime ore Covid in Puglia, boom di ricoverati nelle ultime ore Attualmente positivi sempre in aumento
Vaccini: il 90% della popolazione over 5 anni ha ricevuto la prima dose Vaccini: il 90% della popolazione over 5 anni ha ricevuto la prima dose Il 64 per cento della popolazione ha ricevuto anche la terza dose
Covid in Puglia, nuova impennata di casi: quasi 30 mila attualmente positivi Covid in Puglia, nuova impennata di casi: quasi 30 mila attualmente positivi Il numero dei ricoverati scende leggermente ma si registrano 11 decessi nelle ultime ore
Covid in Puglia, sensibile aumento dei ricoverati Covid in Puglia, sensibile aumento dei ricoverati Gli attualmente positivi continuano a salire PUGLIA - MERCOLEDÌ 22 GIUGNO 2022
Covid in Puglia, quasi 4 mila casi positivi nelle ultime ore Covid in Puglia, quasi 4 mila casi positivi nelle ultime ore Leggero aumento dei ricoverati
Covid, quasi il 25% di positività ai test in Puglia Covid, quasi il 25% di positività ai test in Puglia Superata nuovamente la quota di 2500 attualmente contagiati nelle ultime ore
Covid in Puglia, sale la curva dei contagi Covid in Puglia, sale la curva dei contagi Attualmente positivi vicini nuovamente a superare quota 25 mila
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.