Antonio Decaro
Antonio Decaro
La città

Nuovo Dpcm, scettici i sindaci d’Italia. Decaro: «Bisognava partire un mese fa»

Il presidente Anci e primo cittadino di Bari: «Non credo servirà a contenere i contagi, ma ora stop alle polemiche»

«Probabilmente dovevamo partire prima, almeno di un mese. Noi chiedevamo da diverso tempo un parametro oggettivo, per avere restrizioni in base a un parametro numerico così da liberare anche tutti da una responsabilità nei confronti dei cittadini. Ci sono dei dati numerici con cui stabilire le restrizioni regione per regione». Lo ha detto Antonio Decaro, presidente Anci e primo cittadino di Bari, intervenendo questa mattina a La7 e portando la posizione dei sindaci sul nuovo Dpcm che entrerà in vigore da domani, con la divisione dell'Italia in tre diverse zone di rischio (Puglia in fascia "arancione", livello medio-alto per la diffusione del Covid-19).

«Se fossimo partiti prima con queste restrizioni probabilmente avremmo contenuto il contagio, che comunque continua ad aumentare e non credo che riusciremo a limitarlo anche con queste restrizioni - ha proseguito Decaro. È come se fosse una fisarmonica: più aumentano i numeri, più aumentano le restrizioni, se i numeri diminuiscono le restrizioni si allentano. Questo fino a quando non ci sarà il vaccino».

Il sindaco di Bari, poi, si augura che «Non ci siano ulteriori polemiche. Sui ristori è giusto che le forze politiche e i rappresentanti delle categorie dicano la loro, è giusto che il dibattito parlamentare non venga esautorato, ma siamo in una fase di emergenza sanitaria e le istituzioni debbano avere un comportamento univoco sulle restrizioni. L'auspicio è che ci sia una voce unica anche da parte della scienza. Capisco che si tratti di un virus nuovo, ma ormai ci conviviamo da febbraio».
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Sindaco
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

2066 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid in Puglia, meno di 600 casi nelle ultime ore Covid in Puglia, meno di 600 casi nelle ultime ore Stabili i dati sugli attualmente positivi e sui ricoveri
Covid in Puglia, 13% di positività ai test nelle ultime ore Covid in Puglia, 13% di positività ai test nelle ultime ore Sempre in discesa il dato dei ricoverati
Covid, meno di 90 mila attualmente positivi in Puglia Covid, meno di 90 mila attualmente positivi in Puglia 7 decessi registrati nelle ultime ore
Chiusura hub vaccinale, i ringraziamenti di Caritas Barletta Chiusura hub vaccinale, i ringraziamenti di Caritas Barletta «È stata garantita copertura vaccinale ad oltre 1.200 tra senza tetto, ambulanti e cosiddetti "invisibili"»
Chiude l'hub vaccinale al PalaBorgia, in 180mila si sono vaccinati qui Chiude l'hub vaccinale al PalaBorgia, in 180mila si sono vaccinati qui La cerimonia di chiusura nella Giornata internazionale dell'infermiere
14 Chiude l'hub vaccinale di Barletta, 15 mesi di attività contro il Covid Chiude l'hub vaccinale di Barletta, 15 mesi di attività contro il Covid Falco: «Chiudere un hub di questa portata significa che l’emergenza volge al termine»
Bollettino Covid, stabili i dati in Puglia nelle ultime ore Bollettino Covid, stabili i dati in Puglia nelle ultime ore Attualmente positivi e numero dei ricoverati in calo
Covid in Puglia, oltre il 15% di positività ai test nelle ultime ore Covid in Puglia, oltre il 15% di positività ai test nelle ultime ore Registrati nove decessi e quasi 3000 casi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.