Filippo Caracciolo
Filippo Caracciolo
Politica

Lavoratori in piazza a Barletta, Caracciolo: «Cannito gioca allo scarica barile»

«Non è possibile chiedere al Presidente Emiliano di rivedere la zona rossa»

«Le informazioni inesatte fanno più danno del Coronavirus e accendono focolai di incertezze e disorientamento tra i cittadini. Responsabilità e concretezza in primis, pur comprendendo le motivazioni personali di ogni cittadino. Altrimenti si fomenta "la rabbia" sociale e la logica improduttiva dello scarica barile. Il concetto di comunicazione è molto importante, per parlare davanti ad una situazione di disagio sociale espressa in una protesta di piazza come quella degli operatori del terziario a Barletta questa mattina, servono qualità come la chiarezza e il senso di responsabilità. Al Sindaco Cannito sono evidentemente mancate». A rivolgersi al primo cittadino di Barletta è il consigliere regionale e presidente del gruppo PD Filippo Caracciolo.

«Una comunicazione non corretta - afferma il consigliere regionale - trasforma il disagio sociale in odio sociale e questo accade soprattutto quando il sindaco scarica le proprie responsabilità su altri livelli istituzionali: è quello che è accaduto in questo caso. È doveroso ricordare al primo cittadino - prosegue Caracciolo - che il colore delle zone viene definito dal Governo in base all'indice RT che, per quanto ci riguarda in Puglia, resta ancora molto alto. Quindi non è possibile rivolgere questa richiesta al Presidente Emiliano.
Ricordo inoltre al sindaco che essendo lui stesso il primo organo di sicurezza, nonché responsabile sanitario della città può e deve attuare tutte le prerogative riconosciute dalla legge circa i controlli da effettuare. In questo periodo pandemico il Sindaco deve garantire alla propria comunità, che rappresenta e che deve tutelare, il rispetto di un clima di dialogo trasparente, civile e costruttivo. Non è corretto far passare "opinioni" per "dati".

Alle esigenze comprensibili di ogni cittadino - aggiunge Caracciolo - sia lavorative sia psicologiche, non si può eludere con risposte fuorvianti, non si possono fare passi in avanti con la logica improduttiva dello scarica barile. L'attuazione di strategie sociali, economiche e politiche condivise in base alle normative nazionali e regionali è l'unico binario di percorrenza che abbiamo a nostra disposizione. Non andrà tutto bene, se non faremo tutto meglio. Se ci soffermiamo su polemiche astratte (zona rossa o zona arancione, disinformazione su ristori e indice di contagio, potere del Governatore e dei Sindaci) continueremo a ottenere fumo.

La protesta sociale deve essere ascoltata da orecchie che hanno esecutivo potere di rappresentanza e reali competenze. Altrimenti si innesca semplicemente una speculazione mediatica e questo è un gioco al ribasso sociale e umano. Contano i fatti, non le parole. E francamente certe parole ce le saremmo volentieri risparmiate. Non è momento di far perdere tempo a nessuno e neanche di fare evidenti passi falsi.

Le persone - conclude Caracciolo- chiaramente e condivisibilmente sotto pressione, devono manifestare nelle sedi di competenza, con proteste civili, altrimenti saranno oggetto di strumentalizzazione. Parlare di tutto e male, facendo anche confronti con realtà regionali differenti da quella pugliese. Comunicare, non fomentare, la prima regola di una politica costruttiva».
  • Filippo Caracciolo
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1700 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid, 136 nuovi contagi nella provincia Bat Covid, 136 nuovi contagi nella provincia Bat Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 979 casi si più di 11mila tamponi
Vaccini, da lunedì prenotazioni per fascia 59-50 anni Vaccini, da lunedì prenotazioni per fascia 59-50 anni Resta la priorità per i pazienti fragili: le ultime novità sulla campagna vaccinale in Puglia
Vaccini anti-Covid, anche a Barletta verranno anticipate le prime dosi per i nati nel '51 e '52 Vaccini anti-Covid, anche a Barletta verranno anticipate le prime dosi per i nati nel '51 e '52 I cittadini prenotati saranno richiamati attraverso il recall telefonico
Barletta in zona gialla da lunedì 10 maggio con il resto della Puglia Barletta in zona gialla da lunedì 10 maggio con il resto della Puglia La regione abbandona la zona arancione. Tornano gli spostamenti tra Comuni e riaprono teatri e cinema
Covid, in Puglia 870 contagi su più di 11mila tamponi Covid, in Puglia 870 contagi su più di 11mila tamponi Ma sono altri 20 i decessi registrati in regione
2 Dragaggio del porto di Barletta, si va verso l'avvio dei lavori Dragaggio del porto di Barletta, si va verso l'avvio dei lavori Filippo Caracciolo: «Siamo ad un passo dal raggiungimento di un risultato storico ed atteso da tutta la comunità»
Puglia zona gialla, in attesa della conferma da lunedì 10 maggio Puglia zona gialla, in attesa della conferma da lunedì 10 maggio Tutti gli indicatori sono migliorati sostanzialmente negli ultimi 15 giorni
Vaccini, Figliuolo: "Dal 10 maggio prenotazioni per gli over 50" Vaccini, Figliuolo: "Dal 10 maggio prenotazioni per gli over 50" Le prenotazioni saranno comunque gestire dai singoli portali regionali
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.