IMG JPG
IMG JPG
La città

"Santa Allegrezza": Don Vito Carpentiere racconta una tradizione barlettana

«Ogni componente della famiglia suonava uno strumento musicale ma sopratutto utensili da cucina»

Elezioni Regionali 2020
La Santa Allegrezza è un canto popolar-religioso che ripercorre i momenti legati alla nascita di Gesù Cristo come l'annunciazione a Maria, il viaggio verso Betlemme, l'arrivo dei magi, fino alla fuga di Maria, Giuseppe e il Bambino. Il componimento ha origini molto antiche e per questa ragione non si conosce il suo autore.

Ieri sera le Parrocchie del centro storico di Barletta si sono incontrate tra via R. Girondi e via M. Stagni per intonare la Santa Allegrezza. Ma quali sono le origini di questa antica consuetudine? «Tradizionalmente la Santa Allegrezza – racconta Don Vito Carpentiere, Parroco di Santa Lucia - si cantava all'interno delle proprie case. Le famiglie erano più numerose, e ogni suo membro, suonava uno strumento musicale come la fisarmonica e il lazzarino (ovvero il triangolo). Anche gli utensili da cucina erano perfetti strumenti di percussione. Si tratta dunque di una tradizione propria delle città di Barletta, Molfetta e Giovinazzo, tuttavia le melodie sono totalmente differenti mentre i testi sono similari. Le parole del canto traggono spunto dai quattro Vangeli e dai Vangeli apocrifi, ma sono anche specchio di un inno bizantino della Chiesa orientale dedicato alla Madre di Dio». È un canto alla letizia per raccontare la bellezza della nascita di Gesù bambino. «Allegrezza poiché attraverso l'arrivo del Salvatore si espande una gioia profonda e intima; un sentimento quest'ultimo che ritorna spesso nei canti natalizi come nel componimento "Quanno nascette Ninno" di Sant'Alfonzo de Liguori - dal quale deriva il noto canto "Tu scendi dalle stelle" - che narra del ricongiungimento degli opposti sulla Terra, creando un senso di unione e gioia intesa come sinonimo di pienezza».

Le Parrocchia di Sant'Andrea, Santa Lucia, Buon Pastore, San Pasquale e Santo Sepolcro invitano la cittadinanza a ricongiungersi questa sera in via Ferdinando D'Aragona per proseguire il cammino intrapreso alcuni giorni fa e canticchiare questo dolce canto che ci proietta verso la Notte di Natale.
IMG JPGIMG JPGIMG JPGIMG JPG
  • don Vito
Altri contenuti a tema
2 Don Vito Carpentiere festeggia 25 anni di sacerdozio Don Vito Carpentiere festeggia 25 anni di sacerdozio Mercoledì sera una messa per rendere grazie
2 La Festa Patronale di Barletta con gli occhi di Don Vito Carpentiere La Festa Patronale di Barletta con gli occhi di Don Vito Carpentiere «Potremmo fare molto di più per non lasciare andare i nostri concittadini con iniziative culturali, ludico e ricreative»
Non temere, piccolo gregge: viene il Signore! Non temere, piccolo gregge: viene il Signore! Una lezione di condivisione nelle parole di don Vito Carpentiere
"Che cosa dobbiamo fare?" "Che cosa dobbiamo fare?" La domenica della Gioia
Gesù: una gioia da condividere e di cui non mostrarsi gelosi Gesù: una gioia da condividere e di cui non mostrarsi gelosi "Chi non è contro di noi è per noi", il Vangelo secondo don Vito
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.