Donna kurda
Donna kurda
Associazioni

La resistenza delle donne kurde, se ne parla a Barletta

Un dibattito promosso dal Collettivo Exit

"La resistenza delle donne kurde: dalla difesa dei territori all'Antifascismo". Questo è il titolo del dibattito che si terrà stasera alle 19:00 presso la sala consiliare del Comune di Barletta. Saranno ospiti Ozlem Tanrikulu, presidente di "UIKI-ONLUS" (Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia), di fatto ambasciatrice del popolo kurdo in Italia, e Simonetta Crisci, avvocato membro del consiglio direttivo della Casa Internazionale delle donne. Modera Carmen Pisanello.

Ad annunciare l'appuntamento è Domenico Comitangelo del Collettivo EXIT. «Negli ultimi anni, quando il terrore dello Stato Islamico è improvvisamente diventato argomento di discussione quotidiana, abbiamo più volte sentito parlare dell'eroica resistenza del popolo kurdo alla barbarie di Daesh (nome con cui i kurdi chiamano l'ISIS). Erano i tempi dell'assedio di Kobane, una città al confine tra la Siria e la Turchia che ha a lungo resistito al tentativo del califfato di prendersi la città. Le immagini delle combattenti YPJ (Unità di difesa delle donne) hanno rapidamente fatto il giro del mondo, spesso in un modo che non rendeva giustizia ai loro ideali e ai valori che avevano portato le donne kurde e buona parte della popolazione del Rojava (Kurdistan siriano) ad essere l'unico esempio concreto di resistenza allo Stato Islamico. Il movimento delle donne kurde aveva però avuto inizio molto tempo prima.

Fin dallo smembramento dei territori kurdi, divisi entro i confini di altri 4 stati nazionali nati successivamente alla caduta dell'Impero Ottomano, la popolazione kurda si è trovata a patire la repressione degli stessi stati entro cui erano state relegate le sue comunità. In questo contesto le donne hanno dovuto affrontare due livelli di discriminazione, di carattere sia etnico (legata cioè alla persecuzione dei kurdi in Turchia, Siria, Iraq ed Iran), sia sessuale (all'interno di comunità ancora vincolate ad un modello di società patriarcale). Nel corso dei decenni le donne kurde si sono scontrate con un paradosso nei loro territori di appartenenza. Il sentimento di rivalsa e la voglia di libertà delle comunità kurde era in netta contraddizione con la repressione di genere che quotidianamente le donne pativano nei contesti familiari e nei rapporti sociali. Le donne hanno, perciò, messo in moto, un processo di riappropriazione della parità dei diritti e di rivendicazione di un ruolo da protagoniste nella società kurda. Questo processo di autodeterminazione ha finito per intaccare profondamente i presupposti di una società maschilista che non riconosceva alle donne alcun ruolo, se non quello di supporto logistico alla resistenza degli uomini. La naturale conseguenza è stata la partecipazione diretta delle donne alla lotta armata per la difesa e la presenza costante nell'autogoverno delle loro comunità. Oggi le donne kurde sono uno dei pilastri fondamentali di quel modello di società che si è opposto allo stato islamico e che vive nel confederalismo democratico; che fa dell'antisessismo, della tutela delle minoranze etniche e religiose e dell'ecologismo la propria linea politica, un modello che è quindi nemico delle logiche coloniali alla base delle guerre che destabilizzano il Medio Oriente e delle forme di fascismo che lì si esprimono nelle vesti dei regimi turco e siriano o con il volto spietato del fondamentalismo religioso.

Il dibattito rientra in un contesto più ampio di iniziative che da anni portiamo avanti sul territorio a sostegno della questione kurda. Uno degli obbiettivi è quello di creare un percorso di solidarietà con la popolazione kurda da parte della città di Barletta, sottoforma di patto di amicizia tra comuni con una delle città del Rojava simbolo della resistenza all'oppressione dello stato islamico. In una città che spesso dimentica la sua storia e le sue radici Antifasciste, e dove con troppa superficialità si concedono spazi ad organizzazioni neofasciste, è più che mai necessario parlare di come i popoli oppressi mettano in campo forme di resistenza concreta a vecchi e nuovi fascismi. Si dice che il livello di emancipazione di un popolo sia strettamente collegato alla condizione delle donne ed al loro ruolo nella società».


  • Collettivo Exit
  • Guerra
Altri contenuti a tema
Associazioni di Barletta e dintorni in presidio contro l’occupazione turca Associazioni di Barletta e dintorni in presidio contro l’occupazione turca Oggi alle ore 18.30 in piazza Caduti nella giornata di mobilitazione internazionale per il Rojava
1 Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato» Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato» «L'aria è irrespirabile in città perché ci sono aziende che trattano e smaltiscono rifiuti»
Cattivi odori, Collettivo Exit: «Barletta soffoca e la politica non risponde» Cattivi odori, Collettivo Exit: «Barletta soffoca e la politica non risponde» «Questa classe politica non riesce neanche a fare un consiglio comunale monotematico sull'argomento»
Aria maleodorante, Collettivo Exit: «I nostri problemi ambientali? Compito della magistratura» Aria maleodorante, Collettivo Exit: «I nostri problemi ambientali? Compito della magistratura» «Bisogna prendere dei provvedimenti ora e il primo cittadino ha i poteri per farlo»
Aria irrespirabile, Collettivo Exit: «Solo ora il Sindaco si accorge del disastro ambientale?» Aria irrespirabile, Collettivo Exit: «Solo ora il Sindaco si accorge del disastro ambientale?» «Finalmente ci sarà un consiglio comunale monotematico su questa vicenda: noi ci saremo»
1 Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito La dura nota del Collettivo Exit, critica verso il primo cittadino
Costruzioni nell'area industriale di Barletta, «l'amministrazione prende tempo» Costruzioni nell'area industriale di Barletta, «l'amministrazione prende tempo» Prorogata sino a maggio 2020 la sospensione di permesso a costruire
2 Cemento e crisi ambientale, la posizione del Collettivo Exit di Barletta Cemento e crisi ambientale, la posizione del Collettivo Exit di Barletta «Il sindaco e la maggioranza dormono sonni tranquilli»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.