Distanziamento o movida?
Distanziamento o movida?
Cronaca

Il «rischio calcolato» di Barletta, ancora assembramenti in centro

Decine i ragazzi riversi nel centro storico al di fuori dei locali che normalmente ospitano la movida barlettana

«Affrontiamo un rischio calcolato, ma dobbiamo ripartire». Le ha introdotte così il Premier Giuseppe Conte le misure che, a partire da domani, regoleranno la nostra nuova "normalità".

Chissà se il Governo ha calcolato anche il tasso di irresponsabilità che attanaglia molti cittadini, non solo (purtroppo) della città di Barletta. Non vorremmo farlo, ma siamo costretti a documentare ancora una volta atteggiamenti che con il senso di responsabilità non hanno nulla a che vedere.

Decine, anche questa sera, i ragazzi riversi nel centro storico al di fuori dei locali che normalmente ospitano la movida barlettana. Così, mentre domani bar e ristoranti dovranno ridurre drasticamente il numero di coperti per garantire la distanza interpersonale di almeno un metro, sono in tanti a fingere che il problema non riguardi anche loro.

La "Fase 2" affida una porzione importante delle sorti dell'intero Paese alla responsabilità personale di ciascuno e, ad ogni modo, non deroga in alcun modo al divieto di assembramenti e all'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.

«Raccomandiamo di portare sempre la mascherina – ha aggiunto ieri sera il Presidente del Consiglio dei Ministri – di indossarla sempre al chiuso, e anche all'aperto se c'è il rischio o l'impossiblità di rispettare le distanze». Consigli che a Barletta non hanno trovato terreno fertile.

Se è vero che l'indignazione alla visione di queste immagini è costante, cresce allo stesso modo l'intolleranza alle restrizioni, come se il basso tasso di contagi nei nostri territori renda i cittadini immuni da qualsiasi virus, anche da quello del buon senso.
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

966 contenuti
Altri contenuti a tema
Scuola, l'ordinanza di Emiliano: stop alla didattica in presenza fino al 24 novembre in Puglia Scuola, l'ordinanza di Emiliano: stop alla didattica in presenza fino al 24 novembre in Puglia Escluse dal provvedimento le scuole dell'infanzia
Ufficiale: sospese lezioni in presenza nelle scuole da venerdì 30 ottobre Ufficiale: sospese lezioni in presenza nelle scuole da venerdì 30 ottobre «Le attività in presenza saranno possibili solo per i laboratori e per le esigenze di frequenza degli  alunni con bisogni educativi speciali»
1 L'annuncio del presidente Emiliano: «Chiudiamo le scuole in Puglia» L'annuncio del presidente Emiliano: «Chiudiamo le scuole in Puglia» La decisione è stata comunicata in diretta su Sky Tg24 durante la trasmissione "I numeri della Pandemia"
Il settore della ristorazione in piazza a Bari: «Abbiamo investito in sicurezza, lo Stato ci aiuti» Il settore della ristorazione in piazza a Bari: «Abbiamo investito in sicurezza, lo Stato ci aiuti» In largo Giannella la manifestazione di Fipe Confcommercio e la contro protesta degli operatori del settore indipendenti
3 I pediatri pugliesi chiedono ad Emiliano uno stop della scuola per 14 giorni I pediatri pugliesi chiedono ad Emiliano uno stop della scuola per 14 giorni «Le scuole sono nel caos per numero di positivi, numero di positivi asintomatici, insegnanti positivi»
In 24 ore 772 casi di Covid-19 in Puglia. Lopalco: «Scenario preoccupante» In 24 ore 772 casi di Covid-19 in Puglia. Lopalco: «Scenario preoccupante» Sono stati registrati 13 decessi di cui 1 nella provincia Bat
1 Covid-19 e crisi economica, a Barletta le categorie più colpite scendono in piazza Covid-19 e crisi economica, a Barletta le categorie più colpite scendono in piazza La manifestazione si svolgerà domani, alle ore 18:00, in piazza Prefettura
Ecco le misure previste dal decreto ristoro firmato oggi dal Premier Conte Ecco le misure previste dal decreto ristoro firmato oggi dal Premier Conte Risorse a fondo perduto per le categorie danneggiate dal Dpcm
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.