Presepe
Presepe
Religioni

«Il presepe rende tutti un po’ bambini»

In quella capanna rinasce la coerenza

Luca Dicuonzo, pizzaiolo, ha una sincera passione per il presepe artigianale, di cui gli italiani sono maestri. Nelle stanze del dopolavoro ferroviario di Barletta, sono esposti, oltre al suo presepe, anche altri presepi di ogni dimensione, ognuno di questi è la visione personale di un miracolo: la coerenza, contro tutti perbenismi e buonismi, presenti anche nella chiesa cattolica.

Purtroppo, quest'anno i presepi esposti sono meno dell'anno scorso, forse a causa di una crisi che ha un pò inaridito le tasche, ma non le idee, che viaggeranno sempre coerenti e libere da chi usa la religione per i propri scopi ipocriti e falsi. Incontro Luca nelle stanze del dopolavoro ferroviario, mentre fuori la gente si affanna e va di fretta, per non pensare.

Quanto tempo hai impiegato per costruirlo?
«Circa due mesi e mezzo. Ho iniziato a settembre e concluso agli inizi di dicembre, lavorandoci ogni pomeriggio, a volte la notte, dopo il lavoro».

Hai incontrato difficoltà tecniche?
«Non ho trovato grosse difficoltà, tutto è stato molto naturale».

Quali materiali hai utilizzato?
«Polistirolo, ricoperto di stucco e colla vinilica. Il costo complessivo dei materiali si aggira sui 250 euro».

Come è nata questa tua passione per il presepe?
«La passione è nata dieci anni fa, il presepe mi affascina. Ho iniziato col costruire le fontane per i presepi, in seguito mi sono specializzato. Questo è il quarto presepe che realizzo».

Quale significato ha la rappresentazione del presepe, per te?
«E' sempre più difficile sentire l'atmosfera del Natale, ma questa atmosfera la rivivo solo col presepe, che ci rende tutti un po' bambini. Usare la colla, i colori, i pupazzi, assemblare tutto e creare un presepe, mi rende un po' bambino».
8 fotoPresepe di Luca Dicuonzo presso il dopolavoro ferroviario di Barletta
PresepePresepePresepePresepePresepePresepePresepePresepe
La 36 esima Edizione del Presepe del Ferroviere si svolgerà dal 13 dicembre al 6 gennaio, nei locali del dopolavoro ferroviario, dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 20.30
  • Chiesa cattolica
  • Ferrovie dello Stato
  • Intervista
  • Santo Natale
  • Artigianato
  • Presepe
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
Mercoledì 13 marzo apertura straordinaria per la chiesa di San Gaetano Mercoledì 13 marzo apertura straordinaria per la chiesa di San Gaetano Evento promosso dal centro studi "Barletta in rosa"
40 anni dalla scomparsa di don Peppuccio, il prete barlettano innamorato della Disfida 40 anni dalla scomparsa di don Peppuccio, il prete barlettano innamorato della Disfida Contribuì a innestare il fervore per la rievocazione. «Fu conosciuto amato dai barlettani per il bene che fece»
Cerimonia di premiazione della XXII edizione di "Magico Natale" Cerimonia di premiazione della XXII edizione di "Magico Natale" Evento promosso dal centro studi Barletta in rosa
Christmas Wonderland chiude la sua prima edizione con oltre 30mila visitatori Christmas Wonderland chiude la sua prima edizione con oltre 30mila visitatori Un grande successo nel Castello di Barletta, ottimi riscontri anche per l’iniziativa di beneficenza: “Regala un giocattolo”
Natale 2023, gli auguri del sindaco Cannito Natale 2023, gli auguri del sindaco Cannito Il messaggio augurale del primo cittadino di Barletta
Il Natale è arrivato, gli auguri di don Filippo e don Vito Il Natale è arrivato, gli auguri di don Filippo e don Vito Un messaggio augurale alla comunità barlettana con la redazione di BarlettaViva
Pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea la gara per la nuova fermata Ospedale di Barletta Pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea la gara per la nuova fermata Ospedale di Barletta La nota di Rfi
Natale 2024, l'augurio del sindaco Cannito alla città Natale 2024, l'augurio del sindaco Cannito alla città «Invito tutti i consiglieri comunali a pensare al bene comune»
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.