Il Direttore Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi
Il Direttore Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi
La città

Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi

Ad accoglierlo c’erano il dott. Cosimo Damiano Cannito, il Senatore di Forza Italia Dario Damiani, l’Avv.Pier Paolo Grimaldi ed il Comm. Vito Dibitonto

Il Cav. Michele Grimaldi, Direttore dell'Archivio di Stato di Bari e delle Sezioni di Barletta e Trani e l'Associazione U.N.C.I. Unione Nazionale Cavalieri d'Italia Sezione provinciale Barletta Andria Trani il 18 luglio scorso hanno ricevuto presso la nuova sede della Sezione di Archivio di Barletta, Sua Eminenza il Cardinale Don Francesco Monterisi Arciprete emerito della Basilica San Paolo fuori le Mura.

Ad accogliere l'Alto Prelato, oltre al Direttore Grimaldi, c'erano il dott. Cosimo Damiano Cannito Sindaco di Barletta, il Senatore di Forza Italia Dario Damiani, l'Avv. Pier Paolo Grimaldi Assessore all'Urbanistica del Comune di Barletta ed il Comm. Vito Dibitonto Vice Presidente dell'U.N.C.I. BAT.
4 foto Il Direttore Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi
Il Direttore Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale MonterisiIl Direttore Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale MonterisiIl Direttore Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale MonterisiIl Direttore Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi
In occasione di questa visita il Direttore dell'Archivio di Stato ha illustrato a Sua Eminenza il lungo e travagliato cammino che ha portato all'imminente trasferimento nella nuova sede e cioè l'ex Convento dei Celestini, conosciuto anche come ex Caserma Stennio, sita in via Manfredi 22. Ed a proposito dell'iter burocratico, il Sindaco Cannito, dopo aver porto i saluti della Città al Porporato, ha tenuto a rimarcare l'ottimo lavoro compiuto dalla sua precedente amministrazione, per far si che lo stabile entrasse in pieno possesso del Ministero della Cultura, scongiurando così che il sogno della nuova sede dell'Archivio svanisse. Il Sindaco ha poi ha lodato quelle vere e proprie "operazioni di divulgazione" compiute dall'Archivio di Stato di Barletta che hanno coperto un arco di tempo di 20 anni dal 1983 sino ad oggi, tutte tese alla divulgazione e valorizzazione, spesso con la collaborazione del Comune di Barletta e degli Istituti scolatici, per attività didattica, visite guidate e mostre.

Il Senatore Dario Damiani porgendo i suoi saluti a S.E. Monterisi ha rimarcato le attività istituzionali dell'Istituto culturale utili a far si che in 50 anni di storia, la Sezione di Archivio di Stato di Barletta crescesse in maniera esponenziale e da semplice e sconosciuto ufficio statale, arrivasse ad essere un punto di riferimento dell'intero panorama culturale del Nord Barese, Sud Foggiano e parte confinante della Basilicata.

Grimaldi ha voluto poi spiegare come l'ex edificio religioso, dove avrà la sua prestigiosa sede l'Archivio di Stato di Barletta, presenta tutti i requisiti necessari ed utili per rendere un istituto culturale consono alle sue principali e imprescindibili peculiarità e cioè agevolare la consultazione dei tanti ed interessanti fondi che costituiscono un vero e proprio tesoro per i ricercatori, gli amanti della storia, i "curiosi" e gli intenditori della architettura storica della quale l'ex convento è un vero e proprio gioiello. Basti pensare all'ex sala refettorio che sarà adibita a contenitore per conferenze, mostre e incontri culturali, considerata dagli esperti una "chicca" dal punto di vista architettonico e logistico visto che nella stessa possono essere ospitate 200 persone.

Lo stabile ubicato fra via Manfredi e via Mura del Carmine, è parte superstite di un più ampio complesso monumentale la cui antica denominazione era "Sancti Lazari de' Leprosis". Le prime notizie riguardanti la Chiesa, con l'annesso Monastero ed Ospedale, risalgono al 1185 o se preferite al medio Medioevo o secoli centrali del Medioevo (XI-XII sec): infatti in una pergamena di quell'anno, relativa ad un atto di permuta, viene citata la chiesa di "Sancti Lazari de Leprosis".

Il Cardinale Monterisi apprezzando in maniera particolare la "storia" dell'immobile, del quale aveva personale conoscenza in quanto in quello stesso rione era nato e vissuto nei primi anni della sua vita, ha rimarcato come "L'archivio costituisce la memoria storica di una comunità e rappresenta l'unico mezzo per documentare i fatti del passato la cui conoscenza è indispensabile per studiare i presupposti onde avviare una azione futura. Realizzare l'obiettivo di metterlo a disposizione per la ricerca storica, cioè garantirne la conservazione, la divulgazione e la valorizzazione, rappresenta un indubbio salto di qualità".

Al termine dell'incontro, il Direttore dell'Archivio e il Vice Presidente Commendatore Vito Dibitonto della Sezione UNCI BAT hanno consegnato al Cardinale Monterisi una copia autentica dell'atto rogato dal notaio Leonardo Cellammare datato 29 luglio 1656, più conosciuto come il "Voto" effettuato dalla "Fedelissima Città di Barletta in occasione del contagio". in seguito alla fondamentale intercessione ricevuta da Nostro Signore per l'inspiegabile e repentina cessazione della peste.
  • Archivio di Stato
Altri contenuti a tema
1 Domenica di Carta, un tour tra storia e archivi a Barletta Domenica di Carta, un tour tra storia e archivi a Barletta Si è tenuto domenica 9 ottobre in Via F. D'Aragona 132
"Domenica di Carta", porte aperte all'Archivio di Stato "Domenica di Carta", porte aperte all'Archivio di Stato L'iniziativa coinvolge gli archivi di Bari, Barletta e Trani
Per le Giornate Europee del Patrimonio sarà possibile visitare l'Archivio di Stato Per le Giornate Europee del Patrimonio sarà possibile visitare l'Archivio di Stato Potranno essere visitati, dietro prenotazione obbligatoria a Bari nei giorni del 24 e 25 settembre, a Barletta il 24 settembre e a Trani il 25 settembre
Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Prefetto Riflesso Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Prefetto Riflesso Al centro dell'incontro anche il punto sull’ex Palazzo delle Poste
«Lo sport preferito da noi barlettani è sminuire o distruggere» «Lo sport preferito da noi barlettani è sminuire o distruggere» Il direttore dell'Archivio di Stato in una riflessione nel giorno dell'anniversario della battaglia di Canne
Stato civile e atti di nascita, excursus a cura di Michele Grimaldi Stato civile e atti di nascita, excursus a cura di Michele Grimaldi «Gli archivi sono lì. Saremo sempre lieti di accogliere tutti coloro che vorranno sapere come “effettivamente” sono andate le cose»
33 Il sindaco Cannito incontra il direttore dell'Archivio di Stato Michele Grimaldi Il sindaco Cannito incontra il direttore dell'Archivio di Stato Michele Grimaldi Il direttore Grimaldi ha sottolineato che la fine dei lavori della nuova sede della Sezione di Archivio di Stato di Barletta avverrà al termine dell'estate
Era di Barletta una delle 21 donne elette a far parte della Costituente Era di Barletta una delle 21 donne elette a far parte della Costituente La storia della Festa della Repubblica vista dalla Provincia Barletta Andria Trani, nella ricostruzione di Michele Grimaldi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.