Matrimonio Cinese
Matrimonio Cinese
Cronaca

Finti matrimoni cinesi, soldi e moglie per giovani barlettani e coratini

Arrestato a Bari un cittadino cinese, l’indagine si era conclusa nel 2007

Dovrà scontare 2 anni e 6 mesi di reclusione un cittadino cinese di 52 anni residente a Bari, Han Jinliang, arrestato dalla Polizia su disposizione dell'ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Trani. L'uomo, a seguito di condanna definitiva, è accusato di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e alla permanenza in Italia degli stranieri tramite matrimoni fittizi e finte assunzioni presso datori di lavoro "disponibili".

Il funzionamento di questa strana "agenzia matrimoniale" a delinquere sarebbe consistito nel trovare giovani coratini e barlettani che volentieri avrebbero preso moglie di nazionalità cinesi (oltre a lauti compensi a tre zeri): l'unione generava la possibilità di un ingresso legale sul territorio nazionale e di varie assunzioni compiacenti.

L'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trani, si era conclusa nel 2007 con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare, in carcere e ai domiciliari, nei confronti di 26 italiani e 9 cittadini cinesi tra cui proprio Jinliang. Questi era accusato di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'ingresso di cittadini extracomunitari nel territorio italiano, detenzione abusiva di armi, estorsione il cittadino cinese Han Jinliang, allora 44enne, ricercato da tempo e arrestato dalla Polizia del Commissariato 'San Nicola' di Bari all'interno di un ufficio pubblico mentre cercava di regolarizzare la sua posizione. Nei suoi confronti il gip del Tribunale di Trani Roberto Olivieri del Castillo aveva emesso il 28 novembre del 2006 una ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Jinliang era sfuggito alla cattura durante l'operazione "Fiori d'Arancio" condotta da agenti della Squadra Mobile e da militari dell'Arma di Barletta che mise fine ai matrimoni farsa tra pugliesi e cinesi organizzati da una organizzazione criminale italo-cinese. L'uomo, forte dell'atteggiamento omertoso di coloro che lo conoscevano e grazie alla sua nazionalita' cinese, era riuscito a mantenere la latitanza ed a confondersi tra i suoi connazionali, insediandosi a Bari dove aveva attivato le procedure per ottenere il nulla osta per il ricongiungimento di suoi familiari residenti in Cina.
  • Polizia di Stato
  • Arresto
  • Provincia di Bari
  • Matrimonio
  • Comunità cinese
Altri contenuti a tema
3 Alto impatto, controlli straordinari della Polizia di Stato a Barletta Alto impatto, controlli straordinari della Polizia di Stato a Barletta Attività concentrate nella zona 167
1 Rafforzati i controlli della Polizia di Stato a Barletta Rafforzati i controlli della Polizia di Stato a Barletta Servizi mirati anche nei comuni di Andria, Trani e Canosa con la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine
Il Prefetto Riflesso visita la Questura della Bat Il Prefetto Riflesso visita la Questura della Bat «Piena e sinergica collaborazione nella lotta alle diverse forme di illegalità»
Due andriesi arrestati a Barletta, tra le accuse anche lesioni e resistenza a pubblico ufficiale Due andriesi arrestati a Barletta, tra le accuse anche lesioni e resistenza a pubblico ufficiale L'episodio risale allo scorso 18 luglio
Sicurezza e legalità, il bilancio dei controlli della Polizia di Stato Sicurezza e legalità, il bilancio dei controlli della Polizia di Stato Intensificate le attività nelle ore serali tra i locali della movida
Inaugurata la sezione Bat dell'associazione Donatori Volontari della Polizia di Stato Inaugurata la sezione Bat dell'associazione Donatori Volontari della Polizia di Stato L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto Solidarietà e Sicurezza
Anche per i poliziotti del Commissariato di Barletta arriva il "taser" Anche per i poliziotti del Commissariato di Barletta arriva il "taser" Nuovo strumento operativo in dotazione alla Polizia di Stato della provincia di Barletta-Andria-Trani
Il taser da oggi a disposizione della Polizia anche a Barletta Il taser da oggi a disposizione della Polizia anche a Barletta Il sottosegretario all'interno Molteni: «Bisogna consolidare gli investimenti in sicurezza perché senza sicurezza non c'è ripartenza»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.