Fake Tax Credits
Fake Tax Credits
Cronaca

Fake Tax Credits. In carcere il consulente di Giuseppe Antonucci

L'intermediario è considerato sia ideatore che regista della strategia di evasione delle imposte. Il disegno criminoso fu scoperto grazie a controlli incrociati sui conti correnti

"Fake Tax Credits" ovvero "Falsi Crediti di Imposta", questo il nome dell'operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Barletta, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Trani, nella persona del dott. Michele Ruggiero, che lo scorso dicembre ha permesso di scoprire una maxi evasione fiscale di oltre 6 milioni di euro di ricavi non dichiarati, oltre 600 mila euro di IVA e 2 milioni e mezzo di indebite compensazioni di imposte.

La meticolosa e puntuale attività investigativa, svolta attraverso perquisizioni, esame della documentazione fiscale e amministrativo-contabile e complesse indagini finanziarie sui conti correnti societari e personali dei soggetti coinvolti, ha permesso di disvelare un vero e proprio disegno criminoso posto in essere attraverso diverse società facenti capo allo stesso gruppo familiare composto da un noto imprenditore di Barletta, operante nel settore dell'edilizia, e suoi conviventi (moglie e figlia), con la complicità del commercialista, consulente delle imprese. Gia alla fine dello scorso anno, l'imprenditore Giuseppe Antonucci aveva puntato il dito verso il proprio consulente. Era, secondo l'accusa, il commercialista Giovanni Teodoro Turi, di 48 anni, il consulente di cui si parla.

Le società costituite, avviate e messe in liquidazione con cadenza pressoché biennale, hanno operato, di fatto, in totale evasione di imposta, omettendo di presentare le dichiarazioni fiscali nonché di effettuare il versamento di tutte le imposte, contributi previdenziali e assistenziali mediante l'attuazione di un fraudolento meccanismo di indebita compensazione, consistente essenzialmente nella presentazione di modelli F24 attinenti i versamenti d'imposta, che riportavano a fronte degli effettivi debiti di imposta dell'impresa, importi di inesistenti crediti IVA e/o IRES a titolo di compensazione, peraltro relativi a dichiarazioni fiscali mai presentate ovvero a periodi di imposta antecedenti alla costituzione delle imprese stesse, evidenziando, in tal modo, sempre un saldo pari a zero.

Ad esito delle indagini della Guardia di Finanza, l'Autorità Giudiziaria, nel dicembre scorso, ha emesso un provvedimento cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell'imprenditore e dei suoi familiari, in ordine ai reati di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, trasferimento fittizio all'estero della sede di una delle società di famiglia, riciclaggio di somme di denaro frutto dell'evasione fiscale, omessa dichiarazione, occultamento e distruzione di documenti contabili, nonché una informazione di garanzia a carico del commercialista per aver concorso nei reati. Il successivo sviluppo penale dell'intera vicenda ha fatto emergere un ruolo di centralità assunto dal consulente, sia in veste di "ideatore" che di vero "regista" della strategia fraudolenta finalizzata all'evasione delle imposte.

La figura del consulente si pone, invero, quale soggetto specializzante con particolare riguardo al reato di indebita compensazione delle imposte in considerazione del ruolo di intermediario abilitato ed incaricato di curare la trasmissione telematica del modelli F24 delle imprese coinvolte. In particolare, il meccanismo illecito, da quest'ultimo artatamente ideato e attuato, ha consentito dal 2008 fino a marzo 2012, di aggirare il sistema informatico dell'Agenzia delle Entrate, eludendo il "controllo automatizzato" delle dichiarazioni dei redditi, IVA ed IRAP, che prevede "l'incrocio" tra i dati riportati in dichiarazione con quelli desunti dai versamenti d'imposta eseguiti mediante la presentazione degli stessi modelli F24, permettendo in tal modo all'imprenditore di evitare il pagamento delle imposte dovute.

Alla luce, dunque, della gravità dei fatti-reato, della continuità degli stessi, della professionalità e pervicacia manifestata nel realizzare le descritte condotte criminose, il G.I.P. presso il Tribunale di Trani, in accoglimento della richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, dott. Michele Ruggiero, ha emesso a carico del consulente, vera "mente" ed "istigatore" delle condotte delittuose perpetrate, la misura cautelare della custodia in carcere.
  • Guardia di Finanza
  • Indagini
  • Evasione fiscale
  • Carceri
Altri contenuti a tema
Guardia di Finanza, il Comandante Interregionale dell’Italia Meridionale in visita a Barletta Guardia di Finanza, il Comandante Interregionale dell’Italia Meridionale in visita a Barletta Nella sede provinciale un incontro con i Comandanti dei Reparti
Inchiesta evasione fiscale dentisti, c’è anche un barlettano Inchiesta evasione fiscale dentisti, c’è anche un barlettano Sequestrati beni per oltre 700mila euro
Sequestro giocattoli non sicuri, il Comune di Barletta ringrazia la Guardia di Finanza Sequestro giocattoli non sicuri, il Comune di Barletta ringrazia la Guardia di Finanza La nota dell'amministrazione comunale
Maxi sequestro di giocattoli, la Guardia di Finanza interviene a Barletta e Andria Maxi sequestro di giocattoli, la Guardia di Finanza interviene a Barletta e Andria Gli oggetti, privi dei requisiti di sicurezza, venivano venduti abusivamente all'uscita delle scuole
Intascavano bonus su lavori mai eseguiti, la Finanza di Barletta scopre la truffa Intascavano bonus su lavori mai eseguiti, la Finanza di Barletta scopre la truffa Tutti i dettagli nella conferenza stampa convocata questa mattina
Truffa e reati tributari: operazione "Cassetto distratto" della Guardia di Finanza di Barletta Truffa e reati tributari: operazione "Cassetto distratto" della Guardia di Finanza di Barletta Eseguite 3 misure cautelari e sequestrati beni per oltre 6 milioni di euro
GDF Barletta, operazione "Prosit": sequestrato champagne contraffatto GDF Barletta, operazione "Prosit": sequestrato champagne contraffatto I controlli sono stati eseguiti nell'ambito delle attività sulla sicurezza dei prodotti
Abusivismo su suolo sottoposto a vincolo archeologico, interviene la GdF Barletta Abusivismo su suolo sottoposto a vincolo archeologico, interviene la GdF Barletta Importante intervento a Canosa di Puglia, a tutela anche del cosiddetto “Arco di Traiano”
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.