Ex Palazzo delle Poste
Ex Palazzo delle Poste
Politica

Ex Palazzo Poste, «se errare è umano, il perseverare diventa offensivo per i cittadini»

Interviene l'esponente di Italia Viva Ruggiero Crudele: «Se la politica non ha lungimiranza,  è sempre la comunità a pagarne le conseguenze»

«Non eravamo intervenuti nel dibattito a senso unico sul Palazzo delle Poste, condividendo gli interventi dei tanti che auspicavano l'esercizio della prelazione da parte dell'amministrazione comunale, nella convinzione, ahinoi, che il Consiglio Comunale non potesse fare diversamente, di fronte al sentire collettivo e a pochi mesi dall'aver esercitato analogo diritto sull'immobile, certo significativo ma meno pregno di vissuto cittadino, di via Cialdini. Oggi, esterrefatti, registriamo un passaggio oscuro per la nostra città, e suonano beffarde e umilianti le rassicurazioni del Primo Cittadino subito dopo il voto in Consiglio per il suo impegno a futura (!) memoria: la massima assise democratica cittadina che deroga al suo dovere istituzionale, consegnando "l'anima" della città a dei privati imprenditori, nascondendosi dietro l'alibi del vincolo che impedirebbe a quegli stessi di procedere secondo i loro legittimi interessi». Scrive così in una nota l'esponente di Italia Viva Ruggiero Crudele.

«Né vale trincerarsi nelle difficoltà di cassa, certo reali, ma che proprio per questo avrebbero dovuto da tempo vedere l'amministrazione attivarsi per reperire i fondi necessari, attingendo a finanziamenti regionali, e soprattutto europei, senza trascurare le risorse del Recovery Fund, che certo avrebbero potuto essere richiesti. Perché qui si tratta di "ripartenza" della comunità, ripartenza che è anche culturale e di rinnovata coesione civica.

Tantomeno si può chiamare in causa l'abbondanza di immobili inutilizzati già di patrimonio comunale. Pertanto, se errare è umano, il perseverare diventa offensivo per i cittadini, e tra l'altro con gli stessi proprietari del Palazzo delle Poste si sarebbe potuto intavolare, vista la loro dichiarata disponibilità, un discorso più ampio al riguardo della valorizzazione dell'intero patrimonio pubblico

Purtroppo, se la Politica, dal governo nazionale a quello locale, non ha progettualità, lungimiranza e visione, è sempre la Comunità a pagarne le conseguenze. Chissà se il Nuovo Anno potrà segnare uno scatto d'orgoglio e un ravvedimento quanto mai auspicabile».
  • Palazzo Poste
  • ItaliaViva
Altri contenuti a tema
PalaMarchiselli inagibile, Rociola: «Serve puntare il dito contro qualcuno?» PalaMarchiselli inagibile, Rociola: «Serve puntare il dito contro qualcuno?» Intervento del responsabile delle politiche giovanili di Italia Viva Puglia
Savio Rociola: «PUMS? A Barletta siamo ancora a zero» Savio Rociola: «PUMS? A Barletta siamo ancora a zero» La nota del responsabile politiche giovanili di Italia Viva
«Nel 2040 la Puglia avrà il 31% dei giovani in meno» «Nel 2040 la Puglia avrà il 31% dei giovani in meno» La nota di Savio Rociola, responsabile regionale alle politiche giovanili Italia Viva
Contributo Fitto Casa, Italia Viva Barletta: «Momento già difficilissimo per tante famiglie» Contributo Fitto Casa, Italia Viva Barletta: «Momento già difficilissimo per tante famiglie» Interviene sul tema la presidente Nunzia Stella Dell'Aere
Costa Sveva? È un "ossimoro storico-geografico" Costa Sveva? È un "ossimoro storico-geografico" Interviene Ruggiero Crudele, presidente Italia Viva BAT
Congresso Italia Viva nella Bat, Baldini: «Volevano il nuovo. Ma quale nuovo?» Congresso Italia Viva nella Bat, Baldini: «Volevano il nuovo. Ma quale nuovo?» La nota dell'ex coordinatore provinciale
8 Scissione Azione-IV, il punto di vista di Gennaro Rociola Scissione Azione-IV, il punto di vista di Gennaro Rociola Interviene il rappresentante del comitato “Vivaci ItaliaViva Barletta”
Il barlettano Gennaro Rociola in corsa per la Camera con ItaliaViva Il barlettano Gennaro Rociola in corsa per la Camera con ItaliaViva L'avvocato è stato assessore del Comune di Barletta dal 2006 al 2008
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.